Pubblicato il 07/04/2019

#Natura #Francia

Da linee ferroviarie a parchi lineari: due passeggiate per godersi Parigi e New York in primavera

Nelle due capitali, laddove c'erano viadotti e binari in disuso, dei lungimiranti progetti urbanistici hanno fatto strada a lunghe passerelle pedonali e verdi, per dotare le città di nuovi spazi che consentissero di viverle secondo la dimensione che gli è propria: l'altezza. Ecco come queste due passeggiate hanno modificato le città di Parigi e New York, aprendo la strada a una nuova forma di riqualificazione urbana.

<strong></strong>

© jovannig/123RF

Parchi lineari sopraelevati. Invece di circoscrivere la passeggiata nel perimetro di un giardino o in una villa, questi parchi sono nati con l'intento di attraversare l'ambiente metropolitano, per condurre coloro che vi camminano da una parte all'altra, in un percorso alternativo a quello di un mezzo di trasporto - si può salire in diversi punti dalla strada -, a contatto con la natura e con le altre persone.

Mentre esistono numerosi esempi di parchi lineari (in Europa ci sono ad esempio il Mauerpark di Berlino o il Dodder Park di Dublino), le passerelle di Parigi e New York, con la loro altezza, permettono a turisti e cittadini di scoprire e vivere la città da un altro punto di vista. E in primavera, con le loro fioriture sono delle attrazioni davvero imperdibili.

Promenade Plantée (Parigi)

Da Place de la Bastille fino a porte de Montempoivre, a est di Parigi, dove si apre uno dei due grandi polmoni della città, il Bois de Vincennes: su questi 4,7 chilometri che corrono per buona parte sopra l'Avenue Daumesnil, un tempo occupati dalla linea di Vincennes, c'è dal 1993 una lunga via pedonale sopraelevata piena di piante e alberi. E' la Promenade Plantée, ora nota come Coulée verte René-Dumont: passando sopra al Viaduc des Arts, permette a tutti i pedoni di giungere da una parte all'altra della città percorrendo uno splendido viale floreale e panoramico.

<strong></strong>

© Lembi Buchanan/123RF

Niente macchine o semafori, soltanto un fluire ininterrotto di persone (specialmente durante la bella stagione), che all'occasione si fermano sulle panchine, prendono il sole negli slarghi del ponticello, fanno jogging in direzione del Bois de Vincennes, o ammirano la fioritura delle piante.

<strong></strong>

© Stephane Debove/123RF

Questa grande opera di riqualificazione urbana è cominciata all'inizio degli anni '80, quando la linea di Vincennes, aperta nel 1859 e collegante la gare de la Bastille a Verneuil-l'Étang, fu dismessa. Mentre una parte della rete fu integrata nel circuito della RER A (i treni che collegano Parigi con le zone circostanti), il tratto da Place de la Bastille a porte de Montempoivre, al limitare est della città, rimase totalmente in disuso.

Architetti e paesaggisti si misero allora all'opera per ristrutturare il viadotto che sosteneva i binari della ferrovia: una via pedonale floreale fu creata sopra al rinato Viaduc des Arts, che ospitava ormai ai suoi piedi boutiques di arte e antiquariato. L'avenue Daumesnil, al centro del tranquillo 12esimo arrondissement, guadagnò così una via di passaggio che, grazie anche agli altri spazi verdi e giardinetti creati intorno, è diventata più che una passeggiata: un luogo di incontro, di svago, e un'attrazione a sé stante.

Voir cette publication sur Instagram

La coulée verte emprunte le tracé de l'ancienne ligne de train de Vincennes, qui relie entre 1859 et 1969 la gare de Bastille à Verneuil-l'Etang. La zone est réaménagée dans les années 80 : la gare de Bastille est détruite pour la construction de l'Opéra, le quartier de Reuilly multiplie les espaces verts et le reste de la ligne désaffectée est réaménagé pour l'arrivée de cette promenade plantée de 4,5 km. Point de départ depuis la gare de Lyon, le viaduc des Arts est un projet de réhabilitation orchestré dans les années 90. Laissé à l'abandon depuis plusieurs décennies, le viaduc de l'ancienne voie de chemin de fer est rénové. Chaque voûte vitrée est un lieu d'expression de l'artisanat d'art. Dernier lieu à découvrir dans mon article @anousparis sur le quartier de la Gare de Lyon. Si vous ne l'avez pas (encore) lu, le lien est dans ma bio ???? ! #pariscartepostale #parismaville #paris_focus_on #iloveparis #parisidfculture #parisgram #seulementparis #vivreparis #parisphoto #igersparis_select #loves_paris #igparis #ig_paris #paris #parishistorique #lateteenlair #histoiredeparis #parisiloveyou #anousparis #igersparis #thisisparis #olympus #bonjour #secretsdeparis #promenadeplantee #architecture #architecturelovers #architecturephotography

Une publication partagée par Marie Le Cam / latete_enlair (@latete_enlair) le

High Line (New York)

Ispirata alla Promenade Plantée, la High Line di New York ha rivoluzionato il modo di vivere la Grande Mela: costruito su una sezione del viadotto meridionale della linea della New York Central Railroad - abbandonato a partire dal 1980 -, questo parco sopraelevato lungo 2,3 chilometri collega Gansevoort Street con la parte nord della 34esima strada, attraversando a mezz'aria il quartiere di Chelsea .

<strong></strong>

© jovannig/123RF

La riqualificazione cominciò nel 2006, e fu articolata in in tre fasi: una primo tratto completato nel 2009, un secondo nel 2011 e un terzo nel 2014. Un ultimo tratto è stato appena inaugurato: si chiama Spur ed è una piazza per spettacoli all'aperto circondata da un bosco pensile. Se vi trovate a New York in questo periodo, o avete intenzione di visitarla a breve, non mancate di farci un salto.

La High Line si è integrata alla perfezione nell'ambiente della città: il mantenimento della vecchia struttura ferroviaria e la vegetazione piantata su di essa - ispirata proprio a quella spontanea che cresce sui binari abbandonati - hanno subito conferito a questa passeggiata tra i grattacieli, le cisterne e le scale antincendio di Manhattan uno stile urbano tipicamente newyorkese.

Voir cette publication sur Instagram

#FallForNYC ??: @susanna.ognibene

Une publication partagée par The High Line (@highlinenyc) le

Con finestre panoramiche, panchine e sdraio e istallazioni artistiche di vario tipo, la High Line è diventa in poco tempo un'attrazione davvero notevole della Grande Mela, tanto da rientrare a buon diritto tra i suoi patrimoni culturali. La riqualificazione della linea ferroviaria in parco urbano ha dato nuova vita alla zona di Chelsea - che non presentava grandi attrattive una ventina d'anni fa - attirando numerosi progetti nell'area a contorno della passerella.

<strong></strong>

© Francois Roux/123RF

Il successo della High Line di New York ha aperto la strada a una nuova forma di riqualificazione urbana, e città americane come Saint-Louis, Philadelphia, Atlanta e Chicago (con la sua Bloomingdale Line) hanno già avviato i loro piani per un rinnovamento della mobilità urbana nel segno della walkability e delle green area.

Guardando ancora avanti, sempre a New York è stato presentato anche un nuovo modello di parco, il primo al mondo a essere sotterraneo: si chiamerà Lowline (in contrapposizione alla Highline), ma sui tempi e realizzione non si sa ancora nulla. Nel frattempo però ci si può godere il bel tempo passeggiando tra i grattacieli.