• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Il Borgo dei Borghi ha il suo vincitore: è Petralia Soprana e si trova in Sicilia
Pubblicato il 27/11/2018

CulturaItalia

Twitter Facebook 11 condivisioni

Con la puntata del 24 novembre si conclude l'annuale sfida del Borgo dei Borghi, che ha visto la vittoria del borgo madonita di Petralia Soprana sulle altre cittadine concorrenti. Una perla siciliana dal passato unico che merita di essere riscoperta!

Petralia Soprana sarà il borgo più bello d'Italia per il 2019

Il Borgo dei Borghi, sfida televisiva tra i borghi più belli d'Italia, ha incoronato il suo vincitore. E si trova in Sicilia, incastonato tra le Madonie: è Petralia Soprana, che riporta la corona nell'isola dopo l'anno di Gradara, nelle Marche, tenendo alto lo scettro dei suoi predecessori, Gangi, Montalbano e Sambuca di Sicilia. La finale, condotta da Camila Raznovich, è andata in onda il 24 novembre, e ha visto la conclusione di una sfida eliminatoria tra venti borghi italiani a suon di televoto e attraverso l'opinione di una giuria di competenza presediuta dallo storico dell'arte Philippe Daverio.

La puntata ha visto trionfare Petralia Soprana su Subiaco (Lazio), Mel (Veneto) e Guardagele (Abruzzo). Una grande vittoria per il borgo siculo che ha visto grandi festeggiamenti in piazza dei suoi cittadini e del sindaco Pietro Macaluso, che già pregusta l'ondata turistica che la visibilità del programma darà al borgo.
«Grazie all'impegno e alla collaborazione di tutti abbiamo raggiunto un obiettivo importante non solo per Petralia Soprana ma per tutto il territorio madonita» ha commentato Macusio sulla stampa locale «Oggi ci godiamo la vittoria. Mi auguro che tutto ciò possa determinare anche uno scatto di orgoglio per sfruttare al meglio questa opportunità che ci è stata data e ci siamo conquistati!».

Ora che Petralia Soprana è entrata nella famiglia reale del Borgo dei Borghi non resta che prepararsi al meglio alla visita e scoprire questo gioiello siciliano!

Visualizza questo post su Instagram

È Petralia Soprana (PA) il Borgo dei Borghi 2018! Complimenti a tutti i borghi partecipanti alla Grande Sfida. ? Foto: @stocercandounnome #borghitalia #borghipiubelli #borghipiubelliditalia #italiait #ilikeitaly #italianvillages #borghiviaggioitaliano #charmingitaly #petraliasoprana #borgodeiborghi

Un post condiviso da I Borghi Più Belli d'Italia (@borghitalia) in data:

Una città dal lungo passato

Petralia Soprana è un borgo antichissimo, il cui nucleo originale un tempo si chiamava semplicemente Petra, città fondata dai Sicani. Se ne hanno notizie già intorno al 250 a.C., quando Diodoro Siculo la cita come bottino di guerra della prima guerra punica, consegnata ai Romani e trasformata in granaio dell'Impero.
Conquistata dagli arabi e rinominata Batrahliah (pietra alta), divenne uno dei centri militari principali delle Madonie, e dotata di una rocca fortificata. Un secondo castello, fondato durante la successiva dominazione normanna dal Conte Ruggero, divise la città in due borghi, Petralia Sottana e Petralia Soprana, la cui prima attestazione come tale ci giunge da un documento del 1258, quando la città era patrimonio dei conti Ventimiglia di Geraci Siculo.

Chiese di altissimo valore storico e artistico

Punto forte di Petralia Soprana è la città vecchia con le case in pietra grezza e i balconi in ferro battuto, realizzati negli anni da artigiani locali della pietra e del ferro e da scultori come i Gagini e i Serpotta.
Iniziate la vostra visita dal centro della città, piazza Duomo, dove sorge la Chiesa Madre dedicata agli Apostoli Pietro e Paolo, caratterizzata dalla presenza di due campanili, uno di epoca normanna e uno settecentesco, divisi da un porticato a 18 colonne realizzato dai fratelli Serpotta.
Qui sono custoditi, tra l'altro, il un crocifisso attribuito a Frate Umile da Petralia, la statua in marmo della Madonna dell'Udienza di Antonello Gagini e la Madonna della Catena di Giorgio Brigno da Milano.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Giovanni Cacciatore (@cacciatoregiovanni19632017) in data:

A proposito di chiese, da visitare anche la barocca Santa Maria di Loreto, che custodisce la pala d'altare realizzata da Giandomenico Gagini raffigurante episodi della vita di Cristo e sculture in legno risalenti al Settecento rappresentati i santi Cosima e Damiano. La particolarità di Santa Maria di Loreto è la sua costruzione sui resti dell'antica fortezza arabo-normanna di Petralia, che è possibile riconoscere dal retro della chiesa.

Facciata di Santa Maria di Loreto

Facciata di Santa Maria di Loreto
© circumnavigation/123RF

Infine recatevi alla chiesa del Santissimo Salvatore, unico esempio di chiesa a pianta ellittica delle Madonie.

Petralia Soprana è il comune più alto delle Madonie, si trova a ben 1.600 metri dal livello del mare. Grazie alla sua posizione privilegiata è possibile godere di splendidi panorami, affacciandosi dai tre belvedere presenti: quello sul retro di Santa Maria Loreto, che dà sul Parco delle Madonie e su un giacimento di salgemma; quello del Carmine, affacciato sulla Sicilia Occidentale e Palermo; e quello di Piazza Duomo.

Petralia Soprana è solo uno dei borghi del Parco delle Madonie, una regione della Sicilia forse poco conosciuta dal turismo di massa, perché non prettamente balneare, ma che nasconde tanta storia e cultura, e che merita una visita. Se vi abbiamo convinto non vi resta che prenotare il vostro volo per la Sicilia e scoprire questo gioiello!