• Connettiti
Le città più verdi d'Europa si trovano quasi tutte al nord
Pubblicato il 07/09/2017

AmbienteNorvegia

Twitter Facebook 1 condivisione

Ambiente, ma anche storia, arte e monumenti nelle città più verdi del nostro continente. Ecco le città da cui imparare le pratiche virtuose in materia di ambiente ed ecologia.

  • Twitter
  • Facebook
  • Oslo (Norvegia)
    Oslo (Norvegia)

    Capitale verde europea 2019.

  • Nimega (Paesi Bassi)
    Nimega (Paesi Bassi)

    Capitale verde europea 2018.

  • Essen (Germania)
    Essen (Germania)

    Capitale verde europea 2017.

  • Lubiana (Slovenia)
    Lubiana (Slovenia)

    Capitale verde europea 2016.

  • Bristol (Regno Unito)
    Bristol (Regno Unito)

    Capitale verde europea 2015.

1

La Commissione Europea ha scelto le città che diventeranno i simboli e le avanguardie della svolta ecologica del Vecchio Continente. Sarà Oslo la Capitale verde d'Europa per il 2019, mentre per il 2018 sono state scelte le due città per il premio foglia verde d'Europa (tra quelle con meno di 100mila abitanti) per il 2018: Leuven e Växjö.

Quando si tratta di ambiente ed ecologia, il Nord Europa è sempre all'avanguardia. Basta pensare alle bici che girano a Copenaghen e ad Amsterdam, e il paragone con le nostre città appare subito impietoso. Da quando il premio European Green Capital è stato istituito dall'Unione Europea nel 2010, a vincere il premio sono state quasi sempre città del nord con qualche eccezione come Vitoria-Gasteiz (Spagna del nord) e Lubiana (Slovenia).

I parametri presi in considerazione sono le misure messe in atto dalla amministrazioni locali per preservare l'ecosistema e, di conseguenza, il miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini. La Commissione considera insomma tutte quelle pratiche volte a ridurre l'inquinamento e preservare la biodiversitlà.

ll premio Europena Green Leaf Award invece è stato inaugurato nel 2015 ed è aperto a tutte le città europee con meno di 100mila abitanti. Questo premio ha come obiettivo quello di creare dei "mini" laboratori cittadini dove mettere in pratica e sviluppare politiche ecologiche da esportare poi nelle altre città.

Visitare queste città è anche un modo per conoscere uno stile di vita rispettoso dell'ambiente e della natura. Oltre alla bellezza delle città e ai monumenti, si potrà entrare in contatto con pratiche come la riduzione delle emissioni, la gestione dei rifiuti e gli obiettivi che queste città hanno per salvaguardare l'ambiente. Oslo, per esempio, punta a liberarsi dall'uso del carbone entro il 2050. Per fare questo la città ha definito un "climate budget", con una serie di azioni da adottare nei prossimi 30 anni. La capitale norvegese si trova già all'avanguardia, essendo la capitale mondiale dell'auto elettrica con più del 30% dei mezzi di trasporto alimentati senza uso di carburante. Di conseguenza, le emissioni di CO2 rispetto al 1900 saranno inferiori del 50% nel 2020 e del 95% nel 2030. Le auto elettriche insieme al miglioramento delle infrastrutture per il trasporto in bici, porteranno la città a eliminare completamente il carbone a metà del secolo. Perché non provare a fare lo stesso a Roma o Milano?

Leggi anche

Il Sud Africa legalizza il traffico di corni e di rinoceronti
Bracconieri e trafficanti mettono a rischio le specie protette
L'uragano Harvey continua a mietere vittime in Texas: pioggie incessanti per tutta la notte
Kevin Richardson (l'uomo che sussurrava ai leoni) e la sua battaglia per salvarli
Alla scoperta del Kerala a bordo di una barca molto particolare
Anche gli alberi sono "timidi"
Il Lago rosso della Crimea : bello ma puzzolente
Turisti uccidono cucciolo di delfino spiaggiato per farsi i selfie
Henderson Island: da paradiso tropicale a discarica
Dove si trovano i ghiacciai più grandi del mondo?