Per nutrirsi, gli orsi mangiano una balena spiaggiata sull'isola Wrangel

AmbienteRussia

Twitter Facebook Google+

Mentre dei turisti, in viaggio su una crociera, ammiravano il paesaggio ghiacciato della Russia, hanno assitito a una scena che aveva dell'incredibile. Degli orsi polari si erano ammassati sulla carcassa di una balena spiaggiata su un'isola al largo della Russia. Questo strano banchetto però è la conseguenza del ricaldamento globale.

"Siamo rimasti disgustati", ha dichiarato Alexandre Grouzdev, il direttore della riserva naturale dell'isola Wrangel. Le persone che erano imbarcate su una crociera turistica al largo della Russia, aspettandosi di vedere gli enormi blocchi di ghiaccio, maestosi e fluttuanti sull'acqua, sono rimasti invece scioccati dallo spettacolo a cui hanno assistito.
Più di 200 orsi bianchi erano intenti a divorare una carcassa di balena. Non è certo una scena che capita di vedere tutti i giorni. E infatti non dovrebbe proprio succedere. Ma perchè così tanti orsi si sono accalcati sul cetaceo per divorarlo?

Gli scienziati spiegano che questo comportamento è la conseguenza del riscaldamento climatico. Lo scioglimento dei ghiacci sta modificando l'habitat naturale degli orsi, e con esso il loro modo di nutrirsi. Infatti ci sono sempre più orsi costretti a condividere uno spazio vitale sempre più ristretto.
Oltre a ciò, lo scioglimento dei ghiacci arriva ogni anno prima e obbliga gli orsi a vivere sempre più a lungo sulla terra ferma. Invece di essere impegnati a cacciare le foche al largo, sono costretti a restare su quest'isola e a nutrirsi come possono.

L'habitat dell'orso sta cambiando e per sopravvivere si nutre come può

L'habitat dell'orso sta cambiando e per sopravvivere si nutre come può
© Vladimir Seliverstov/123RF

Ogni anno sono sempre di più a vivere una parte dell'anno sull'isola Wrangel e, solo quest'autunno, sono stati censiti 589 orsi. Il problema è che sono costretti a restare sull'isola ancora per molto tempo.

0 Mi piace 0 Non mi piace
Letizia Spettoli
Pubblicato il 06/12/2017
Twitter Facebook Google+