• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Orche avvistate nello Stretto di Messina
Pubblicato il 17/01/2020

AmbienteItalia

Twitter Facebook 1 condivisione

Tre orche sono state avvistate di recente nello Stretto di Messina. Secondo l'Associazione Marecamp, questi mammiferi appartengono ad un gruppo osservato qualche giorno prima al largo del porto di Genova.

Per la prima volta sono state avvistate in acque italiane delle orche.
All'altezza dello stretto di Messina, infatti, tre orche sono state viste nuotare verso la fine di dicembre da un pescatore che ha potuto avvicinarsi ai mammiferi mentre era sulla propria barca: "all'inizio avevo paura perché sono animali enormi", spiega Simone Vartuli "ma sono rimasto con loro per quasi un'ora e ho finito per essergli molto vicino, a circa un metro di distanza.?
L'ipotesi più probabile è che gli animali abbiano iniziato il loro cammino dall'Islanda e nel corso degli anni siano lentamenti giunti nel Mar Mediterraneo.

<strong></strong>
©Antonina Dattola/123RF

Per stabilire la rotta del gruppo di orche nel corso degli anni sono stati analizzati, da parte di un gruppo di osservatori, grazie soprattutto alle immagini scattate da Samuele Wurtz di Artescienza, dalla presidente di Menkab Giulia Calogero e da Biagio Violi dell'ateneo genovese,segni identificativi come le pinne e le cerchiature attorno agli occhi.
Il motivo che sembra aver spinto questi giganteschi mammiferi a toccare territori cosi lontani è la ricerca di cibo, assente nelle acque limitrofe alla costa islandese a causa della pesca ingente che gli isolani compiono ai danni di animali come, appunto, le orche.

<strong></strong>
©André Gilden/123RF

Ma la questione non puo dirsi conclusa dal momento che il Mediterraneo continua ad essere "un mare vuoto, con il 75% delle specie in riduzione ed il 25% in via di estinzione, divenuto tale per gli scarichi industriali e civili ma anche per una pesca professionale senza limiti a cui si aggiungono centinaia di migliaia di 'dilettanti' o 'ricreativi'? come sostenuto dall'Enpa.
Per quanto speciale e unica appaia quindi questa marcia che dura dal 2014, la realtà è decisamente più drammatica. Gli ultimi avvistamenti riportano di aver intercettato tre membri sui quattro iniziali del gruppo: assente all'appello è il cucciolo che, proprio a causa della mancanza di cibo, potrebbe essere deceduto.