• Connettiti
L'opera d'arte più antica del mondo si trova in Indonesia
Pubblicato il 18/11/2018

CulturaIndonesia

Twitter Facebook 2 condivisioni

Nel Borneo, in una grotta situata nella parte orientale dell'isola, è stata scoperta una pittura rupestre che, secondo i rilievi fatti con la tecnica di datazione all'uranio-torio, sarebbe vecchia di 40 mila anni e costituirebbe l'esempio di arte figurativa più antica al mondo.

Una grande scoperta paleo-archeologica

Una grande scoperta paleo-archeologica
© Somyot Pikoon-ngoen/123RF

Il team di ricercatori della Griffith University e quelli del Centro nazionale di ricerca archeologica di Giacarta (Indonesia) non hanno dubbi: come riportato su Nature il disegno rinvenuto nella grotta calcarea di Lubang Jeriji Saléh, nel Borneo orientale, è vecchio di almeno 40mila anni e (riproducendo l'immagine un animale probabilmente un bovino) si può considerare a tutti gli effetti una forma d'arte - o meglio, la forma d'arte più antica al mondo.

In passato erano già state scoperte opere simili (anche più antiche) come gli esempi di pittura nella grotta di La Pasiega, in Spagna, ma non si poteva di certo parlare di "forma d'arte", in quanto la composizione di quest'ultime, appariva piuttosto astratta e rudimentale. Qui invece è chiaramente visibile, anche se non ben distinta, l'immagine di un animale - forse un toro. Analizzando le concrezioni calcaree formatesi sopra la pittura, i ricercatori sono stati in grado di stabilirne l'età, che sembra non essere minore di 40mila anni. La pittura in questione sarebbe quindi più antica di quella della grotta di Chauvet, nella Francia meridionale (da 37.000 a 33.500 anni fa), e di quelle trovate nell'isola di Sulawesi, sempre in Indonesia (35.400 anni fa circa).

Voir cette publication sur Instagram

Found in Borneo the 'prehistoric Guernica' the oldest known figurative painting. Palaeolithic cave art in Borneo. A team of researchers discover a work created by "artists" of the ice age 40,000 years ago. Experts point out that this finding dismantles the idea that cave art emerged in Europe. Figurative cave paintings from the Indonesian island of Sulawesi date to at least 35,000 years ago (ka) and hand-stencil art from the same region has a minimum date of 40 ka. Here we show that similar rock art was created during essentially the same time period on the adjacent island of Borneo. It is now evident that a major Palaeolithic cave art province existed in the eastern extremity of continental Eurasia and in adjacent Wallacea from at least 40 ka until the Last Glacial Maximum, which has implications for understanding how early rock art traditions emerged, developed and spread in Pleistocene Southeast Asia and further afield. Photo: Luc-Henri Fage Via #naturemagazine and @elperiodico_cas ____________________________________ #art #caveart #Borneo #Palaeolithic #Palaeolithicart #Figurative #cavepaintings #illustration #Figurativeart #graffiti #Indonesia #Sulawesi #LubangJerijiSaléh #nature #elperiodico

Une publication partagée par Claudio Navarro (@tacticaglobal) le

Nella stessa grotta, inoltre, erano già stati fatti altri ritrovamenti archeologici, la cui datazione peró non era stata resa alla perfezione. Con il sistema di datazione all'uranio-torio, i ricercatori hanno scoperto che i disegni presenti nella grotta risalgono a periodi differenti e mostrano un'evoluzione sia dei soggetti che dello stile: oltre ad altre immagini di animali e a circa 300 impronte di mani databili dai 23 ai 51mila anni fa, nella grotta sono state rinvenute anche figure antropomorfe, databili tra i 20 e 13 mila anni fa, che presentano un colore e un materiale diversi rispetto alle altre pitture: color viola-nero, a base di ematite, invece che color rosso-ocra, a base di bauxite.

Ciò che ha particolarmente colpito i ricercatori, e che costituisce una possibile pista di ricerca paleo-antropologica, è che mentre l'arcipelago indonesiano cominciò a essere abitato 70-60mila anni fa, le prime testimonianze umane in Europa risalgono solo a 45mila anni fa. Il fatto che in Indonesia siano presenti pitture che hanno la stessa età di testimonianze trovate in Europa, come le statuette in avorio di mammuth trovate nelle grotte del Giura Svevo, in Germania, e che lo stile e i soggetti delle pitture indonesiane siano cambiati durante il periodo dell'ultima glaciazione (ossia 20mila anni fa), porta a interrogarsi sulle cause di questa veloce evoluzione culturale delgi uomini che abitavano le isole, e persino a ipotizzare che si sia verificato un qualche fenomeno migratorio tra Europa e Asia finora passato inosservato.

Al di là del primato da record della pittura, si tratta di una scoperta molto promettente per la nostra (prei)storia!