Viaggio culinario in Europa attraverso dieci dolci tradizionali natalizi
Pubblicato il 30/11/2018 8 condivisioni

CulturaItalia

Twitter Facebook 8 condivisioni

Easyviaggio vi porta alla scoperta delle più dolci tradizioni culinarie europee attraverso una carrella di dessert che non potrete che voler assaggiare. E visto che a Natale siamo tutti più buoni, dolci inclusi, perché privarsi di una fetta di tutto? Ecco quali dolci non lasciarvi sfuggire durante le vostre vacanze natalizie!

  • Twitter
  • Facebook
  • Italia: Panettone e Pandoro
    Italia: Panettone e Pandoro

    È la "civil war" di un qualsiasi natale italiano che si rispetti: panettone vs pandoro, canditi vs senza canditi, uno scontro che può dividere famiglie! Qualunque sia la vostra preferenza il nostro viaggio culinario non può che cominciare dalla nostra terra, l'Italia, che vanta due dolci antichissimi. Il panettone nacque a Milano nel XV secolo, presso casa Sforza, dove un leggendario servo di nome Toni salvò la vigilia di Natale realizzando il primo di questi dolci, che venne così ribattezzato "pan de Toni". Se la nascita del panettone è avvolta dalla leggenda, quella del Pandoro è storia, con tanto di data, 14 ottobre 1894, ad opera di Domenico Melegatti che ne inventò ricetta e nome sulla base dell'antico "nadalin", dolce che esisteva fin dal XIII secolo dalla caratteristica forma stellata che distingue il pandoro dal suo cugino candito. Onde evitare discussioni in tavola il consiglio è solo uno: presentateli entrambi e a ognuno una fetta del favorito!

  • Svezia: Pepparkakor
    Svezia: Pepparkakor

    Ormai simbolo del Natale in tutto il mondo, i biscotti al pan di zenzero sono in realtà originari della Svezia, dove l'impasto aromatizzato con miele o sciroppo di melassa, cannella, zenzero e chiodi di garofano è stato tramutato in biscotto, diffondendosi poi nei paesi dell'area germanica. I pepparkakor sono una specialità natalizia, e grazie alle formine a tema e alla superficie liscia del biscotto finale, che può facilmente essere decorato con glasse, questi vengono utilizzati come vere e proprie decorazioni natalizie, e appesi persino agli alberi di Natale. Il pan di zenzero pare sia un impasto inventato in Armenia, e portato in Europa da un gruppo di monaci nel 992, che lo diffusero in Francia, Germania, Gran Bretagna e Svezia. La presenza delle spezie nell'impasto rendeva questi biscotti ritenuti capaci di guarire indigestioni e dolori di stomaco.

  • Francia: Bûche de Noël
    Francia: Bûche de Noël

    Lo sapevate che il tronchetto di Natale è nato in Francia? Originariamente si chiamava "ceppo di Yule", e la sua creazione risale al XIX secolo. Tradizionalmente è realizzato con pan di spagna giallo, crema a base di burro e cacao, arrotolato nella forma di un cilindro e ricoperto di cioccolato inciso a mimare la corteccia di un albero. Le varianti di gusto sono però ormai molte, come quello con impasto al cioccolato, ganache e glasse aromatizzate al caffé o al liquore. I tronchetti di Natale sono spesso serviti con un'estremità tagliata e posta in cima alla torta come fosse un ramo sporgente, e decorato con bacche fresche e funghetti di marzapane. Perché proprio la forma di un tronco? Un'antichissima tradizione francese vedeva le famiglie scegliere il più bel ceppo d'albero da frutto da bruciare durante la notte più lunga dell'anno, con un goccio di vino o di olio. Un rituale di augurio per un buon raccolto l'anno successivo e un simbolo di unione familiare nel freddo inverno. Oggi ne resta una deliziosa torta, consumata anche in Belgio, Svizzera, Quebec e nelle principali colonie francesi.

  • Germania: Stollen
    Germania: Stollen

    Non c'è Natale in Germania senza Stollen, torta bassa dall'impasto simile a un morbido pane ripiena di frutta candita, ribes, scorza di arancia e limone e un tocco di cardamomo. Un dolce molto popolare soprattutto nella città di Dresda, dove viene chiamato anche Christstollen in quanto la pagnotta spolverata di zucchero a velo rappresenta simbolicamente Gesù bambino in fasce. La parola Stollen a indicare un dolce è menzionata per la prima volta nel 1474, nei registri dell'Ospedale cristiano di San Bartolmeo a Dresda, dove viene descritto come una torta per il periodo del digiuno realizzata con farina, avena e acqua. Una tradizione antica voleva che l'ultimo pezzo di Stollen non venisse consumato alla fine dell'anno, come augurio dell'acquisto di una seconda torta l'anno successivo. Il dolce, adesso, è uno dei principali protagonisti dei mercatini di Natale di area germanica, e ne esistono diverse varianti, come quello ripieno di marzapane, quello con sola uvetta o persino quello al cioccolato. Ma lo Stollen DOP lo si trova solo a Dresda, dove appena 150 panettieri hanno il riconoscimento di produrre la ricetta originale!

  • Romania: Cozonac
    Romania: Cozonac

    Il Cozonac è una brioche tradizionale natalizia rumena, preparata anche in Albania, Moldavia e Bulgaria, ma solo durante le festività pasquali. Realizzato con latte, zucchero, uova, burro e canditi, il Cozonac è per certi versi simile al panettone, seppur la forma sia decisamente diversa. A volte è possibile trovarlo spolverato di semi di papavero, e ogni regione della Romania ha una sua specifica variante. Tra le più conosciute quella ripiena di una miscela di noci tritate con semi di papavero, cacao amaro e rum a formare come una girandola dentro l'impasto classico. Le origini del Cozonac sono davvero complesse, e si perdono nel tempo e persino nello spazio. Potrebbe aver avuto origine persino in Egitto, dove era un pane dolce con miele e semi. La ricetta giunse dunque in Grecia, dove il "plakoús" venne poi ereditato dai romani, che vi aggiunsero la frutta secca. Questo, rinominato "libum" veniva spesso offerto agli dei in sacrificio. Nel medioevo il dolce si diffuse in Europa, dove i fornai lo producevano spesso con frutta secca, di maggiore durata. Oggi il cozonac viene preparato principalmente nei paesi dell'est europa, in Romania, Moldavia e Bulgaria viene considerato un dolce nazionale. Dalla storia decisamente internazionale, però!

1

Paese che vai, Natale che trovi! E soprattutto in Europa quando si tratta di tradizioni, sono proprio quelle culinarie a farla da padrone. Perché ogni nazione ha il suo dolce tipico natalizio, e che vi troviate in vacanza in questi luoghi nel periodo dell'Avvento o che vogliate provare a portare al cenone della vigilia un po' di sapori "esotici", ecco quali sono i più deliziosi dolci tipici della tradizione europea!
Un viaggio dolcissimo in dieci diversi Natali che, siamo sicuri, vi metterà l'acquolina in bocca.