• Connettiti
1 euro al giorno per usare la bicicletta: il nuovo progetto del comune di Bari inizia a febbraio
Pubblicato il 11/01/2019 1 condivisione

AmbienteItalia

Twitter Facebook 1 condivisione

Grazie a Muvt, un programma nazionale sperimentale finanziato dal ministero dell'Ambiente e attivo dal prossimo febbraio, Bari diventa la città campione di un nuovo progetto che incentiva la mobilità sostenibile premiando i cittadini che scelgono le due ruote per recarsi a scuola o al lavoro: oltre a guadagnare 1 euro al giorno, i più virtuosi potranno ambire a premi di centinaia di euro!

La città vecchia di Bari

La città vecchia di Bari
© Jacek Sopotnicki/123RF

Il programma

Per tutti i ciclisti di Bari - occasionali, abituali, ma anche per gli aspiranti tali che con il nuovo anno si sono ripromessi di muoversi di più - ci sono ottime novità all'orizzonte: avreste mai pensato che la vostra passione o la vostra scelta di trasporto sostenibile potesse portarvi a guadagnare? Dal prossimo mese sarà proprio così, perché il Ministero dell'Ambiente ha investito in un programma sperimentale chiamato Muvt - "muoviti" nel dialetto barese, il cui acronimo sta per Mobilità urbana vivibile e tecnologica - che consentirà ai primi 1000 cittadini del capoluogo pugliese che ne faranno richiesta di guadagnare fino a 25 euro al mese semplicemente scegliendo di recarsi a scuola o sul posto con una bicicletta acquistata - tramite incentivi - presso un fornitore accreditato dal comune.

La somma stanziata per il programma è di 545mila euro, di cui 400mila saranno destinati agli incentivi per l'acquisto dell biciclette, e 100mila saranno invece utilizzati per i contributi ai mille baresi che per primi avranno aderito a Muvt. I mille fortunati potranno guadagnare infatti fino a 25 euro al mese e non più di 100 euro nel periodo dei quattro mesi della sperimentazione; il che, se si escludono i week-end, corrisponde effettivamente alla cifra di un euro al giorno. Ma non è tutto: oltre alla retribuzione giornaliera, nel programma sono previsti anche dei premi che invoglieranno i cittadini a macinare chilometri: i 10 cittadini che percorrerrano più chilometri riceveranno un bonus di 100 euro al mese, e alla fine dei quattro mesi i primi cinque nella classifica totale avranno un ulteriore bonus di 100 euro.

<strong> </strong>
© gstockstudio/123RF

Come partecipare

Il progetto sembra bello, vero? Ma ora, come si fa a prenderne parte?
E' semplice! Per prima cosa bisognerà acquistare una bicicletta con gli incentivi messi a disposizione dal comune di Bari. Il comune ha infatti disposto degli incentivi fino a 250 euro per l'acquisto di una bicicletta pressso dei fornitori accreditati, che potranno essere scelte a partire da metà febbraio su un apposito catalogo presente sul sito del comune. Il bonus per l'acquisto, riconosciuto sul prezzo finale, sarà fino a 100 euro per l'acquisto di una bicicletta ricondizionata, fino a 150 euro per l'acquisto di una bicicletta nuova e fino a 250 per l'acquisto di una bici con pedalata assistita. Si tratta di un contributo che comunque non potrà arrivare a superare il 50% della spesa totale e che non potrà essere cumulabile con incentivi di altro tipo. I bonus per l'acquisto della bicicletta andranno a pescare dai 400 dei 545mila euro messi a disposizione dal comune per il progetto.

Tutti potranno beneficiare del contributo, basta aver superato la maggior età; i genitori potranno acquistare le biciclette per i figli minorenni. Per le prime 1000 persone che ne faranno richiesta, poi, le bici saranno dotate di un sistema di monitaraggio dei chilometri che servirà come contatore ufficiale delle distanze percorse per poter ricevere il contributo e poter concorrere all'assegnazione dei premi.

Il sindaco di Bari e presidente dell'Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) Antonio Decaro, che ha condiviso il programma anche sui social, ha dichiarato che "L'obiettivo è quello ambizioso di raddoppiare nel 2019 le biciclette che circolano a Bari". Non sembra difficile credere che il bel progetto di Bari potrà contribuire a questo risultato: se non bastassero gli innumerevoli benefici della bicicletta per la salute e per l'ambiente, la prospettiva di un "reddito della pedalata" non può che far crescere il numero di appassinonati delle due ruote!

Quella di Bari non è l'unica iniziativa che si muove nella direzione di una mobilità green attraverso incentivi ai cittadini: vi avevamo già parlato della piattaforma Jojob Bici e Piedi, il cui obbiettivo è promuove, attraverso accordi con le aziende italiane, l'uso di mezzi di trasporto non inquinanti e allo stesso tempo il welfare aziendale nel campo della mobilità.

C'è da sperare che iniziative come queste abbiano un grande successo e si diffondano il più possibile!