• Connettiti
Metaponto, la terra tra i due fiumi
Pubblicato il 08/06/2019 3 condivisioni

CulturaItalia

Twitter Facebook 3 condivisioni

È l'anno di Matera, Capitale della Cultura 2019, simbolo del Sud del rinnovamento. Ma l'occasione potrebbe rivelarsi propizia per scoprire altre affascinanti località della Basillicata, oltre al capoluogo lucano. Il Metaponto, antica colonia greca, riserva spettacolari sorprese...

<strong></strong>
© jiduha/123RF

Un lembo di terra brulla costeggiato da lunghi filari di ulivi e dalle acque limpide del Mar Ionio, l'immensa piana di Metaponto rinnova il volto della Basilicata mostrando le tracce della macchia mediterranea tra le strade tortuose e i resti archeologici.
Erede della più antica civitas del passato, Metaponto conserva la sua storia con dignità: oggi restano i templi agli Dei e le alte colonne doriche a testimoniare il ricordo glorioso di quella che fu la maggiore poléis della Magna Grecia. Il Metaponto è patria leggendaria di eroi, filosofi e divinità. Terra natale del matematico Pitagora, la leggenda vuole che fosse stata fondata da Nestore, di ritorno dalla guerra di Troia. Complice la sua posizione strategica e la fertilità del suo territorio, quest'area fu un importante ponte di collegamento tra l'Italia e l'Oriente.
Il suo nome ha un sapore leggendario; significa "terra tra i due fiumi" e identifica strettamente la sua peculiare ubicazione tra il Bradano e il Basento. Enormi distese di vigneti, ulivi e frutteti contribuirono ad accrescerne la sovrabbondante vegetazione, rendendola la più ricca tra le colonie greche del VI sec a.C.

<strong></strong>
© Oxana Pospelova/123RF

L'area archeologica

La decadenza di Metaponto iniziò in epoca romana, dopo la rivolta di Spartaco. La città venne abbandonata, e venne progressivamente ricoperta dai sedimenti depositati dalle alluvioni fluviali. La storia di Metapontum è ora custodita dai resti lapidei, i capitelli, le colonne depositate nella celebre area archeologica.
Passeggiando tra le enormi distese di rovine si ha l'impressione di trovarsi tra le vallate della Grecia arcaica, scoprendo le affascinanti Tavole Palatine e l'antico templio dedicato al culto del Dio Apollo. I resti degli edifici di epoca greca si sono meravigliosamente conservati, e ancora spiccano nella pianura in tutta la loro imponenza, permettendo ai visitatori di rivivere la Poleis attraverso un percorso denso di storia riscoprendo l'antiquarium, la necropoli, il teatro e il centro dell'agorà cittadina.

<strong></strong>
© Francesco Zingaropoli/123RF

La riserva naturale sulla costa

Oltre alla sua storia millenaria, Metaponto vanta anche alcune tra la spiagge più incantevoli della costiera ionica. Sabbia dorata e finissima, dalle sembianze caraibiche. Le zone balneari della cittadina lucana conservano un'atmosfera tropicale. Qui è possibile ritrovare anche le tartarughe marine della specie Caretta Caretta, ormai in via d'estinzione. Tra le spiagge turistiche attrezzate si può scoprire il noto Lido delle Sirene, molto rinomato per i suoi servizi e l'ottima ristorazione che regala prelibate pietanze di pesce.
Lungo il percorso verso la costa è poi possibile scoprire vaste riserve naturali dalla vegetazione lussureggiante che dà vita alla macchia mediterranea, qui è possibile addentrarsi nell'area verde di Metaponto, ricca di cipressi, eucalipti e pini. Questa riserva naturale è stata dichiarata zona protetta nel 1972. Il paesaggio metapontino abbina con un accostamento inusuale e stupefacente il mare alla montagna, consentendo ai turisti di alternare nuotate nel Mar Ionio a vivaci escursioni in bicicletta all'interno dei vasti parchi della regione.

<strong></strong>
© Francesco Zingaropoli/ 123RF

I sapori mediterranei

Punto di forza esclusivo della terra metapontina è dato senza dubbio dalle sue squisite specialità gastronomiche e vinicole.
Metaponto è patria dei vini più rinomati del Mezzogiorno, quali il Bianco Malvasia e il Moscato. Le sue ampie coltivazioni la rendono una delle aree più specializzate d'Italia: i profumi e i colori dei suoi frutti sono caratteristiche uniche, famose anche le verdure come i cavolfiori, i pomodori rossi fiammanti e i gustosi peperoni. I prodotti metapontini si avvalgono di una certificazione di qualità e sono una vera e propria delizia per il palato.
Questa cittadina, appollaiata sulla costa ionica della Basilicata, è il luogo perfetto per una vacanza all'insegna del relax e della cultura. Lungo la piana di Metaponto potrete affrontare un vero e proprio viaggio nel tempo, per poi tornare al presente dedicandovi alle attività più in voga, come una gita nel gigantesco parco di divertimenti acquatico Acquazzurra Park, oppure partecipare alle tradizionali feste lucane che animano le calde serate metapontine.
Custode di un passato remoto, ma allo tempo dotata di una straordinaria vitalità, l'antica "terra tra i due fiumi" emana tutto il fascino di un moderno centro vacanza dove, però, i comfort principali sono offerti da sani rimedi naturali.

<strong></strong>
© Francesco Zingaropoli/ 123RF