Longyou Caves in Cina: le grotte cinesi nascoste dall'acqua per oltre venti secoli

CulturaCina

Twitter Facebook Google+

Le Grotte di Longyou sono un magnifico e misterioso mondo sotterraneo composto da 24 caverne artificiali, considerate dal popolo cinese come la "nona meraviglia del mondo".

Le "Longyou Caves" scoperte a Phoenix Hill, in Cina.

Le
© Outcast85/123RF

A Phoenix Hill, in Cina, vicino al villaggio di Shiyan Beicun, nella provincia dello Zhejiang, sono state ritrovate le misteriose "Longyou Caves". Sono un sistema di enormi caverne risalenti al 200 a.C circa e considerate oggi una delle meraviglie del mondo antico.
A scoprirle fu un agricoltore locale di nome Wu Anai nel 1992, quando chiese una colletta ai propri concittadini per comprare una pompa d'acqua per poter dragare lo stagno del villaggio. Dopo aver svuotato l'intero stagno (su cui aleggiava la leggenda di essere senza fondo), l'uomo si accorse che in realtà si trattava di un ingresso di un'antica grotta intagliata a mano.

Sono 24 grotte artificiali molto vicine ma indipendenti l'una dall'altra: mediamente misurano oltre mille metri quadrati, con altezze fino a 30 metri. Le caverne scavate nella pietra chiamata Siltite, sono piene di incisioni rupestri e colonne incise a scalpello che sorreggono il soffitto della grotta, ponti, archi, piscine, sculture e bassorilievi raffiguranti cavalli-pesci e uccelli. Tutti gli elementi architettonici sono ricoperti di linee parallele decorative e simboli realizzati a scalpello. Le incisioni, ancora da decifrare, hanno un tratto caratteristico e dal design sofisticato e preciso (opera sicuramente di un artigiano di altissimo livello) .

Le Grotte di Longyou rappresentano ancora un enigma per molti aspetti. La realizzazione delle grotte coincide con il periodo della Dinastia Qin e quasi sicuramente fu proprio un imperatore a commissionare l'impresa. Secondo gli studiosi non è né logico né possibile che le grotte siano state volute dagli abitanti dei villaggi vicini. Alcuni archeologi hanno suggerito che forse le grotte coincidevano con le tombe degli antichi imperatori. Ma è un'ipotesi inverosimile, dato che nessun oggetto funerario, né tombe, sono mai stati trovati al loro interno. Le teorie non trovano un riscontro, nessuna testimonianza scritta è mai stata trovata, fatto insolito vista la vastità del progetto.

È stato stimato il tempo e il numero di persone necessarie per poter realizzare un opera simile: mille uomini impegnati a scavare giorno e notte per 6 anni. Nonostante siano passati più di 2.000 anni non sono stati trovati segni di cedimento, crolli o problemi strutturali, pure essendo state sommerse dall'acqua per tutto questo tempo. Nel corso degli anni l'area è stata soggetta a calamità naturali come inondazioni e guerre, ma le cavità con le sue incisioni hanno mantenuto per tutto questo tempo il loro aspetto originario.
Un mistero che per il momento rimane inspiegabile ma possibile da vedere vista l'apertura al pubblico di alcune di esse.

Il mistero delle "Longyou Caves".

0 Mi piace 0 Non mi piace
Beatrice Toldo
Pubblicato il 11/01/2018
Twitter Facebook Google+