• Connettiti
Lo scoppio del carro. Il Carnevale pasquale di Firenze
Pubblicato il 21/04/2019

CulturaItalia

Twitter Facebook 2 condivisioni

Una cerimonia suggestiva che affonda le sue radici nell'epoca delle Crociate, lo Scoppio del carro è la tradizione inaugurale della Pasqua fiorentina. La goliardica processione trae in realtà origine da un fatto storico che unisce le nostre tradizioni al mito della Terra Santa...

<strong></strong>
© csakistvan/123RF

La domenica di Pasqua a Firenze si anima di folklore. Tra le vie del centro sventolano bandiere, sfila un corteo in costume d'epoca e risuona il Gloria in excelsis Deo.
Un'atmosfera giocosa coinvolge grandi e piccini in una delle feste italiane per eccellenza, ormai radicata nel territorio da oltre cinque secoli.
Nel bel mezzo della parata cinquecentesca fa capolino un enorme carro, trainato da sei buoi bianchi ornati con un vessillo rosso. Si tratta del celebre Brindellone, simbolo della tradizione pasquale fiorentina.
L'esibizione sembra una processione carnevalesca, ma in realtà trae le sue origini da una leggenda d'armi e d'onore: il carro, infatti, custodisce una preziosa reliquia.

LA STORIA

L'usanza dello Scoppio del carro nacque durante la Prima Crociata, quando l'Europa intera combatteva per la conquista del Santo Sepolcro.
Narra la leggenda che Pazzino de' Pazzi, esponente della celebre famiglia fiorentina, fu il primo soldato a varcare le mura della città di Gerusalemme e ad issare il vessillo crociato sula città. Per ricompensarlo del suo coraggio il capitano Goffredo di Buglione lo premiò donanogli tre pietre focaie custodite nel sacro sepolcro.
Una volta tornato nella terra natale, Pazzino decise di consegnare il suo tesoro alle autorità fiorentine che si premurarono di custodirlo nella Chiesa di San Biagio.
La cerimonia della consegna delle reliquie venne in seguito trasformata in una festa popolare per mezzo del carro itinerante che avrebbe portato il fuoco sacro, la fiamma della Resurrezione di Cristo tra gli abitanti della città, offrendo loro la benedizione cristiana.
Il carro divenne quindi veicolo di unione tra i cattolici e la terra santa, giunse ad assumere la stessa rilevanza religiosa di un pellegrinaggio.

<strong></strong>
© csakistvan/123RF
Voir cette publication sur Instagram

Bimbo and Barone are 2 important oxen. They play a crucial part in Florence's Easter celebrations. I was given rare access to film them train at home, ready for their big day. Watch more: https://vimeo.com/262454703 @lachianina.chelavora.5 #scoppiodelcarro #easterinflorence #florence #pasquaafirenze #scoppiodelcarro2018 #fiorentini #oxen #buoi #chianina #comunedifirenze #comunedisiena #eastercelebration #duomodifirenze #pasqua #realstories #lifeinitaly #florenceitaly #firenzeitalia #eastertime #videography #vitaafirenze #femalecameraoperators #behindthescenes #dietrolequinte #bigbeasts #bestofitaly #lavitaèbella #fattoria #traditionalfarming #ceraunavolta

Une publication partagée par Kirsten Hills (@kirstenhillsjournalist) le

TRADIZIONE PAGANA

In realtà pare che questa tradizione rappresenti la versione riveduta del culto pagano delle sacerdotesse Vestali che erano solite custodire il fuoco sacro di Vesta.
Solamente a partire dal 1515 la tradizione del carro assunse le sembianze che gli riconosciamo oggi. Per volontà della famiglia Medici vennero variati alcuni atti cerimoniali e fu introdotto l'uso di mortaretti e fuochi artificiali allo scopo di riprodurre simbolicamente il fuoco sacro da donare ai cittadini. La festa divenne allora un avvenimento popolare, un'occasione di divertimento; l'insolito Carnevale della Pasqua fiorentina.

LA SFILATA DEL CARRO

La parata ha inizio la mattina della domenica di Pasqua e coinvolge tutto il centro storico.
Il carro, una struttura portentosa alta più di 11 metri e lunga 4, parte da Porta di Prato e raggiunge Piazza del Duomo. Qui, mentre risuonano i rintocchi solenni del campanile di Giotto, viene lanciata la colombina, un impasto di gesso e cartapesta forgiato a guisa di colomba per simboleggiare lo spirito santo. La colombina compie la sua traiettoria attraverso un caso sospeso che attraversa tutta la piazza, per una lunghezza di oltre sette metri. Il mancato volo della colombina viene interpretato scaramanticamente come segno di cattivo auspicio; si narra che la colomba si inceppò proprio nel 1966, anno nefasto per la città, segnato dalla drammatica alluvione.
La sfilata del carro oggi si conclude con uno spettacolo pirotecnico tra fuochi artificiali e petardi che animano la piazza in un vivace frastuono di colori e scoppi.

IL VOLO DELLA COLOMBINA

Lo scoppio del carro dal tardo Cinquecento divenne un'occasione di divertimento per i fiorentini.
Tra gli scherzi più frequenti si ricorda quello della cucitura, la burla messa in pratica dai bambini di Firenze al momento del volo della colombina. Sgattaiolando tra la folla i più piccoli erano soliti legare con del filo i malcapitati che, a cerimonia finita, si ritrovavano incastrati dalla marachella dei piccoli furfanti.
Lo scoppio del carro è un'autentica festa italiana, uno degli avvenimenti pasquali più caratteristici del centro Italia, in grado di tenere grandi e piccini con gli occhi puntati all'insù alla ricerca di buoni presagi.
Voi dite che la colombina completerà il suo volo quest'anno?

Voir cette publication sur Instagram

Florence celebrates Easter with the spectacular traditional show "Scoppio del carro" - Explosion of the cart - in front of the cathedral. Not to be missed! ?????? Photo @lovefromtuscany #theflorentine #don_in_italy #bestdestination #easter #eastermorning #folklorico #festivefeels #festivales #festivals #eastermood #scoppiodelcarro #ig_florence #pasqua2018 #pasqua #folklore #traditionalfestival #easteritaly #brindellone #exploreitaly #traveladdict #travelitaly #tradizioniitaliane #ancientfestival #italylife #wheninitaly #volgofirenze #tuscanybuzz #prettylittleitaly #seetheworld #pasqua #seetoshare

Une publication partagée par Love from Tuscany (@lovefromtuscany) le