• Connettiti
Leopoli, "la Firenze dell'est" tra storia, cultura e festival del caffè
Pubblicato il 02/03/2018

CulturaUcraina

Twitter Facebook 1 condivisione

Vi presentiamo Leopoli, la città ucraina dal clima continentale che sorprendere i viaggiatori per le sue innumerevoli caratteristiche.

Leopoli, Ucraina

Leopoli, Ucraina
© Taiga/123RF

Leopoli è una città di 729.842 abitanti situata nell'Ucraina occidentale. A 70km dal confine polacco e a 160 km dai monti Carpazi, "la città leone" è collocata sull'altopiano Rostoccja e, il suo punto più alto coincide con"l'Alto Castello" a 409 m. L'viv si manifesta come centro nevralgico della culturala nazionale, la città è considerata la più occidentalizzata (meno sovietica) città dell'Ucraina.

La fondazione di Leopoli risale al XIII secolo (1256) per volere del principe Halicz Daniele Romanovic che volle intitolarla a suo figlio Lev (Leo). La città divenne da subito il fulcro commerciale del paese e per questo fu contesa da imperi, regni e nazioni: mongoli, polacchi, austriaci, tedeschi e russi si alternarono nel dominio di quest'area dell'Ucraina. Nel 1340 venne conquistata dal Regno di Polonia e rimase sotto la Confederazione polacco-lituana fino al 1772, quando cadde nelle mani degli Asburgo diventando capitale del Regno di Galizia e Lodomiria. Con la caduta dell'Impero austro-ungarico nel 1919 la città fu riunita alla Polonia come stato indipendente fino al 1939. Con l'avvento della Seconda Guerra Mondiale, le truppe sovietiche, secondo il patto Molotov-Ribbentrop, entrarono in città e la conquistarono. Dal 1941 al 1944 venne occupata dall'esercito tedesco, durante il periodo dell'olocausto i tedeschi decimarono l'intera popolazione ebraica effettuando pogrom. Solo nel 1991 Leopoli divenne definitivamente parte dell'Ucraina indipendente.

Castello Di Staroselskiy, Leopoli

Castello Di Staroselskiy, Leopoli
© bumbledee/123RF

Il passato storico ha reso L'viv la città da non perdere se si decide di andare in Ucraina. Definita la "Firenze dell'est" nel 1998 il centro storico di Leopoli è stato inserito nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'Unesco.

La città vecchia di L'viv

Non è un caso se in italiano L'viv viene chiamata Leopoli: la città non solo è dedicata alla figura di Leo, figlio del fondatore, ma è anche letteralmente decorata con statue, incisioni, richiami e bassorilievi leonini. I leoni di L'viv sono ovunque.
L'architettura mostra un mix di stili artistici provenienti dall'Europa dell'est, dall'Italia e dalla Germania. Una perfetta fusione tra l'est e l'ovest. Il simbolo della città è "L'Alto Castello" o "Vysokyi Zamok", le cui rovine campeggiano ancora sulla cima dell'omonima collina. Fu Lev I di Galizia a volerlo, durante il periodo del Principato di Galizia-Volinia e realizzato tra il XIII e il XIX secolo circa, con ampie mura difensive e struttura in legno. Nel corso dei secoli, il castello venne distrutto e ricostruito svariate volte, ed ora, si possono ammirare solo alcuni resti di mura. La fortezza, che un tempo dominava su tutta la città, rimane il luogo in cui poter ammirare un fantastico panorama .

Chiesa cattolica a Leopoli, Ucraina

Chiesa cattolica a Leopoli, Ucraina
© vicsa/123RF

Leopoli può contare anche su un numero impressionante di chiese e altri edifici religiosi come la cattedrale cattolica romana di San Giorgio, splendido esempio di architettura gotica. La chiesa risale al XIV secolo ed è famosa soprattutto per la piccola cappella di Boyim con le sue incisioni in pietra. In piazza del mercato inoltre é possibile ammirare le opere e i documenti custoditi all'interno del Museo storico (Casa Kornjaktaora) e nel Museo Farmaceutico Apteka.

Ploshcha Rynok

È l'antica piazza della città, il suo cuore pulsante. Qui numerosi munumenti in stile Belle Époque sono immersi in un clima cosmopolita e multietnico. Sul perimetro della piazza si affacciano edifici risalenti al XVI e XVIII secolo, voluti dai ricchi mercanti di Leopoli. Tra gli edifici storici, la piazza ospita anche il Municipio con la sua torre, l'università, l'ex parlamento, il Museo storico (Casa Kornjaktaora), numerosi templi, la casa nera, fontane dedicate agli dei pagani e un cortile italiano. Il Teatro dell'Opera, in stile neo-rinascimentale, venne inaugurato nel 1901 ed offre ancora oggi spettacoli di altissimo livello.

Chiesa della Dormizione

La chiesa ortodossa della Dormizione è un complesso sacro in stile rinascimentale, caratterizzata dai tetti colorati, dalla Cappella dei Tre Gerarchi e dalla torre Kornyakt.

Il Solomiya Krushelnytska: teatro dell'opera e del balletto

Il Solomiya Krushelnytska: teatro dell'opera e del balletto
© f8studio/123RF

Gastronomia e Festival

A Leopoli si celebra il Festival del Caffé. Le tradizioni del caffé a Leopoli risalgono al XVII secolo ; è un elemento fondamentale,dal singolare aroma, unico nel suo genere. Passeggiando per le romantiche vie della città è impossibile non notare le numerose pasticcerie, veri artigiani e professionisti del cioccolato deliziano il palato dei più golosi. Infine, la birra! Leopoli è stata a lungo considerata la capitale della birra : la Lvivske 1715 è una delle più famose e viene prodotta qui dal 1715. In città si trova il primo Museo della Birra dell'Ucraina, il Lvivarnya, dove sono conservate le antiche ricette risalenti ai monaci gesuiti al XV secolo.