• Connettiti
Kevin Richardson (l'uomo che sussurrava ai leoni) e la sua battaglia per salvarli
Pubblicato il 29/08/2017

NaturaSudafrica

Twitter Facebook 1 condivisione

A volte accadono cose davvero incredibili: come la storia di Kevin Richardson, anche conosciuto come "L'uomo che sussurrava ai leoni", il quale é diventato quasi una star nel mondo dell'etologia, grazie alla sua innata e spettacolare capacità di comunicare con i leoni e i grandi felini in generale e i sui video postati su youtube.

Questa sua passione per gli animali lo accompagna fin da piccolo, e nel corso del tempo il giovane Kevin ha trasformato quella che era stata una semplice curosità ( lui stesso ammette che non avrebbe mai pensato di finire a fare l'etologo) in un lavoro.
Quello che lo ha spinto a intraprendere una relazione così profonda ed unica con questi grandi carnivori é stato l'incontro magico avuto all'età di 24 anni quando, per la prima volta, il giovane Kevin ebbe la possibilità di avvicinarsi a due cuccioli di leone: Tau e Napoleone, ospitati presso la struttura del Lion Park di Jhoannesburg.
Kevin si recò li ogni giorno, per circa 8 mesi per poi ricevere la proposta, da parte del proprietario del parco ( che già conosceva) di andare a lavorare con i leoni; e da quel momento non ha più smesso!

Il post di Kevin su Istagram dove ricorda il primo incontro con Tau e Napoleon

Almost 2 decades ago this lion and his brother changed my life and opened my eyes to the less savory side of the lion breeding and cub petting industry. What's truly sad is that despite the awareness and information available at our finger tips, many tourists still fall into the trap and support facilities that offer it. The latest spin is that the cubs that are petted are all going to be kept and looked after for life and won't land up being hunted. Seriously? Are you meant to believe that a business is going to keep building more & more enclosures to house lions that ultimately will just become a liability, looking after their psychological, physical & welfare needs for the duration of their 20 year + life span? Soon these places (if what they say is to be believed) will run out of space & be sitting with hundreds upon hundreds of lion. And what would happen to those hundreds of lions if the business was sold? Honestly I find it increasingly difficult to look after just 30 lions properly. #pulltheotherleg #dontbeafool #doyourhomework #cannedlionhunting #cannedhunting #cubpetting #dothemath #savehabitat #savelions

Une publication partagée par Kevin Richardson LionWhisperer (@lionwhisperersa) le

Il lavoro che Richardson compie con questi grandi felini é straordinario: lui li tratta come se fossero i suoi gatti, dimostrandosi sempre disinvolto e tranquillo, anche se, ad osservarlo meglio, ci si rende conto di quanto ogni suo singolo gesto sia controllato e faccia parte di una sorta di "rituale"che si é creato tra lui e i sui leoni. L'etologo, se così possiamo definirlo ( il dubbio viene dal fatto che, a tutti gli effetti, Kevin non ha mai seguito degli studi di etologia) é riuscito infatti a creare questa confidenza con un gruppo ben nutrito di leoni e iene che conosce da quando sono cuccioli.
La loro non é quindi una semplice simpatia, ma un vero rapporto di amicizia: gli animali lo riconoscono, sanno che si possono fidare e si comportano di conseguenza, tanto da lasciarsi andare a gesti d'affetto che normalmente riserverebbero ai membri del loro branco.

Già all'epoca della sua prima apertura, nel 1966, il Lion Park era davvero innovativo, in quanto permetteva ai visitatori di avventurarsi nella riserva a bordo di auto, per poter osservare gli animali nel loro habitat naturale, senza sbarre o recinti. Oggi, grazie al lavoro svolto da Richardson e dalla sue equipe, il Lion Park é una realtà consolidata, con la presenza di ben 80 esemplari di leoni, tra cui alcuni Leoni Bianchi, davvero molto rari.
Richardson, oltre che continuare a giocare con i suoi amici felini, sta cercando di insegnare le sue tecniche di comunicazione con i leoni ad altri giovani etologi, visto che é proprio grazie a questo suo rapporto speciale che si stanno facendo grandi progressi nello studio sul comportamento di questi animali.

Il leone bianco, uno delle specie più a rischio di estizione

Il leone bianco, uno delle specie più a rischio di estizione
© noltelourens/123RF

Il lavoro é poi fondamentale per la tutela e salvaguardia della specie, che insieme ad elefanti e rinoceronti, sono uno dei trofei più ambiti dai cacciatori di frodo e non...
Già, perché in Africa (ma non solo!!!) e in particolare nello stato del Sud Africa, é possibile cacciare e uccidere molti degli animali in via d'estinzione, rivolgendosi a dei tour operator specializzati in questo genere di safari.
Ecco allora che con 10.000 euro ci si porta a casa, legalmente, il proprio trofeo.
Richardson e il Lion Park si battono quindi per fermare questa strage che costa circa 1000 esemplari all'anno di leoni abbattuti(solo in Sud Africa!), per non parlare di elefanti, rinoceronti, giaguari e leopardi...
Non per niente, Richardons e molti altri che si stanno battendo per fermare questa vergogna, sono spesso nel mirino dei bracconieri, che li considerano dei pericolosi nemici dei loro affari.
Ci rattrista, ma purtroppo non ci stupisce la notizia, che giusto il 16 agosto scorso, il ranger tanzanico Wayne Lotter, sia stato ucciso, propio dagli stessi bracconieri contro cui stava lottandoda una vita.
"L'unico modo per fermare tutto ciò é sensibilizzare le persone, prima di tutto le comunità locali (che spesso si prestano a queste barbarie per mancanza di alternative) e poi i turisti" sosteneva Wayne.
E anche Richardson é d'accordo: "spero che guardando i miei video la gente comprenda che questi animali sono davvero splendidi e non rappresentano una minaccia per l'uomo, tantomeno dei trofei da appendere in casa; voglio che imparino a rispettarli ..." e lo vogliamo anche noi di Easyviaggio!

Uno dei video più popolari di Kevin Richardson

Nel video si vede Kevin giocare a palla con i leoni...in smoking. Si tratta di una campagna sostenuta da una nota marca di vesiti da uomo, per sensibilizzare il pubblico nei confronti del bracconaggio e della " caccia turistica".

Leopardi, leoni, iene e ghepardi... Richardson riesce a fare amicizia con tutti i felini del parco

Such a poser! #supermodelleopard #blackleopard #blackandwhitephotography

Une publication partagée par Kevin Richardson LionWhisperer (@lionwhisperersa) le

Born Free riporta due leoni nella Riserva di Shamwari dall'Europa
Come organizzare al meglio un Safari in Africa