• Connettiti
Le Infiorate di Spello: il folklore floreale della terra umbra
Pubblicato il 10/06/2019 455 condivisioni

SocietàItalia

Twitter Facebook 455 condivisioni

Nel caratteristico borgo di Spello, tra le verdi vallate umbre, ogni anno si tiene la peculiare manifestazione religiosa delle Infiorate. In occasione del Corpus Domini, tappeti di fiori vengono allestiti nel centro della città, dando vita a composizioni uniche, frutto di un'arte artigianale tramandata di generazione in generazione...

<strong></strong>
© infioratedispello2018/ 123RF

È una tradizione la cui origine ormai si perde nella notte dei tempi, rinomata e conosciuta in tutta la penisola, ogni anno attrae persino frotte di visitatori dall'estero.
Il 22 e il 23 giugno il borgo umbro di Spello tornerà in fiore in occasione del Corpus Domini. Terrazze, strade, finestre, balconi si animeranno delle sgargianti composizioni di bouquet floreali e lungo le vie della città prenderanno vita gli stupefacenti disegni delle infiorate.
Ma la realizzazione delle gigantesce tele di fiori costituisce solo il culmine di un lungo processo di preparazione: è il risultato finale, l'attrazione principale e tuttavia effimera, destinata a svanire nel corso della processione. Ciò che attrae i visitatori nel borgo di Spello è proprio l'attesa, il sentimento di meravigliosa solidarietà creato dal lento e meticoloso lavoro di preparazione delle infiorate.

<strong></strong>
© infioratedispello2018/ 123RF

La tradizione

Nei giorni precedenti alla processione tutti, cittadini, turisti, bambini e anziani possono partecipare alla creazione di queste opere artistiche portando il proprio diretto contributo e osservare il prodigio dell'arte prendere vita.
Ci sono le vecchiette sedute sull'uscio che si occupano di dividere i petali ed accostare i colori, poi i bambini che corrono all'impazzata per le strade smaniando dalla voglia di aiutare, e i ragazzi delle scuole che tengono brevi presentazioni su come realizzare un'infiorata. L'intera città si raccoglie intorno a questo peculiare evento, ormai professato dai paesani alla stregua di un culto.
La tradizione delle infiorate scorre nel sangue degli abitanti di Spello da generazioni; tutto ebbe inizio nel lontano 1831, quando gli abitanti del paese vennero invitati ad adornare le proprie case con fiori in occasione della visita del vescovo, Monsignor Ignazio Cadolini.
Le testimonianze iconografiche relative alle prime infiorate risalgono, invece, all'inizio del Novecento.

<strong></strong>
© infioratedispello2018/123RF

Un'antica colonia romana

I fiori e i loro profumi trionfano per le vie del borgo, quasi offuscando la storia e i monumenti di Spello. Instagrammer e turisti accorrono muniti di macchine fotografiche e I-phone per immortalare le composizioni floreali, e spesso dimenticano di dedicare uno sguardo alle splendide architetture di epoca romana o agli affreschi del Pinturicchio custoditi nella Chiesa di Santa Maria Maggiore.
In origine la cittadina di Hispellum fu una fortificazione romana, definita dall'imperatore Cesare: "Splendidissima Colonia Julia." Il suo periodo d'oro terminò con l'invasione dei Barbari, che la devastarono riducendola a borgata.
Ciononostante Spello conserva ancora tracce del suo antico splendore, tra i vicoli caratteristici e le case di epoca romana, che lo spettacolo floreale non manca di valorizzare in un tripudio di profumi e colori.
Le attività artigianali praticate dai suoi abitanti fanno rivivere le tradizioni di quel mondo sepolto attraverso la lavorazione del lino o la decorazione di tele raffiguranti figure simboliche. La celebre manifestazione delle Infiorate è solo la punta di diamante posta a incoronare un borgo ricco di storia e folklore.

<strong></strong>
© infioratedispello2018/123RF

Gli eventi 2019

Il Festival di Spello si apre una settimana prima delle processione, venerdì 14 giugno, con la Cerimonia di investitura degli Infioratori. Da questo momento hanno inizio giorni di lavoro febbrile, gli artisti si mettono all'opera sotto ampi tendoni e le strade vengono ufficialmente chiuse al traffico e aperte a gruppi di turisti. A partire dal 14 giugno il paesino di Spello offrirà ai visitatori un programma ricco di eventi, mostre e suggestioni. In attesa che si compia il miracolo delle Infiorate, i turisti potranno visitare mostre di pittura e fotografia, oltre al caratteristico Museo delle Infiorate e alla Villa dei Mosaici. I ristoranti della cittadina saranno aperti fino all'alba e offriranno ai propri avventori originali menù floreali. Tra le delizie da non perdere c'è anche la tipica birra aromatizzata al fior di sambuco, offerta dal birrificio locale DieciNove.
Inoltre i visitatori saranno coinvolti in prima persona grazie a molteplici iniziative; in via Consolare sarà possibile partecipare all'Infiorata dei turisti all'interno di un'area riservata che mette alla prova proprio turisti e passanti. Gli Instagrammer e gli amanti della fotografia potranno cimentarsi nel Concorso nazionale di Arte Fotografica che mette in palio il Trofeo Infiorate 2019 per il fotografo migliore della manifestazione.

Saranno giornate frenetiche e vivaci in attesa del grande evento di domenica 23 giugno, quando finalmente verrà rivelato il lavoro degli Infioratori. Il percorso floreale occuperà le vie principali del centro, con oltre 70 tappeti di petali lunghi 15 metri. Il tutto è destinato a svanire con la processione del Corpus Domini capeggiata dal vescovo che, reggendo l'ostensorio, calpesterà le Infiorate per mostrare il lato effimero della bellezza.

Una notte romantica

Uno degli eventi più attesi della manifestazione è la lunga Notte delle Infiorate, che precede la processione.
Quest'anno inoltre l'evento coincide con la Notte romantica dei Borghi Italiani e la cittadina di Spello ha organizzato molteplici percorsi a tema: passeggiate tra le infiorate, musica dal vivo, cene a lume di candela e, per concludere il tutto, il brindisi di mezzanotte. Mentre gli infioratori lavorano sulle strade, chini a terra, la magica Notte delle Infiorate si arrichisce di emozioni grazie alle coppie di innamorati che passeggiano tra le vie della città per ammirare gli spettacoli variopinti.
La lunga veglia notturna della cittadina umbra unisce la fatica all'allegria, gli sbadigli alle risate, il tutto arricchito da un delizioso profumo di fiori di campo. Di certo non ci sarà atmosfera più suggestiva del borgo di Spello per vivere appieno l'incanto della notte più romantica dell'anno.

<strong></strong>
© infioratedispello2018/123RF

Quando sorge l'alba il lavoro è ormai compiuto. Le strade di Spello sono dipinte di colori, esibiscono lunghissimi tappeti di fiori simili a quadri rinascimentali.
Poco importa l'approssimarsi del naturale epilogo della manifestazione, non rimane che contemplare questi capolavori in tutto il loro splendore, immortalare la loro bellezza prima che volga al termine, ed ammirare commossi il mirabile frutto delle mani umane in un attimo di solidale stupefazione.