• Connettiti
Haiku Stairs, la scala più proibita al mondo conduce al paradiso delle Hawaii
Pubblicato il 19/06/2019

CuriositàStati Uniti

Twitter Facebook 8 condivisioni

A Oahu, isola vulcanica hawaiana, esistono delle vorticose e sottili scale che solcano le pareti scoscese del Puu Keahi Kahoe: sono le Haiku Stairs, le scalinate che sembrano condurre ad un vero e proprio paradiso terrestre. Sebbene siano chiuse al pubblico da anni poichè pericolose e ancora di dubbia appartenenza legislativa, le Haiku Stairs sono quotidianamente percorse da centinaia di impavidi e curiosi turisti. Volete la prova? Collegatevi al vostro account Instagram e inserite il nome del percorso: le foto faranno da perfetta testimonianza della portata del fenomeno.

<strong> </strong>
© lorcel/123RF

Il binomio natura e avventura è obiettivo e sogno di innumerevoli e coraggiosi viaggiatori che non solo desiderano scoprire, ma aspirano anche a spingersi oltre i loro limiti. Avventura e scoperta sono d'altronde l'accoppiata perfetta per chi del Pianeta sul quale viviamo non vuol perdere nulla, nè i dettagli di una novità nè il batticuore regalato da una nuova e irripetibile emozione. Proprio a questi viaggiatori impavidi vogliamo dedicare il lato più spericolato e temerario di un arcipelago in cui natura e suggestione sono le protagoniste indiscusse: le Isole Hawaii.

Se si pensa alle Hawaii vengono in mente spiagge paradisiache, un mare cristallino e una natura selvaggia: l'immagine di un eden tropicale si imprime nella mente di ognuno di noi non appena questi luoghi vengono nominati. Eppure a far da padrona indiscussa di questo suggestivo arcipelago formato da otto isole e innumerevoli atolli è la diversità culturale e paesaggistica. Sebbene domini l'immaginario marino, le Hawaii non sono altro che cime esposte di un'imponente catena montuosa sottomarina, la catena Hawaii-Emperor. Formate dall'attività vulcanica di molteplici punti caldi del mantello terrestre, questi rilievi effusivi nel bel mezzo del Pacifico regalano alle Hawaii la peculiare e suggestiva caratteristica di luoghi in cui due elementi contrastanti - l'acqua e il fuoco - si uniscono in spettacolari scenari.

Voir cette publication sur Instagram

?? Life is better at the Hanauma Bay beach! ????????????? ????????????? ? Follow » @Visit.Hawaii ????????????? ? Follow » @HawaiiTag ????????????? ? Photo » @backpackandjetlag ????????????? #Hawaii #visit.hawaii #Hawaiian #HawaiiTag #HawaiiLife #waikiki #honolulu #oahu #kona #bigisland #kauai #hawaiistagram #BigIslandHawaii #hawaiigirl #hawaiiangirl #OahuHawaii #lanikai #aloha #alohafriday #GoHawaii #maui #love #travel #ocean #HiLife #surf #beautiful #sunset #hawaiianstyle

Une publication partagée par Hawaii (@visit.hawaii) le

Le Hawaii attirano ogni anno migliaia di turisti ed alcuni di questi, i più spericolati e amanti del brivido, non mancano di fare una visita ad una delle attrazioni illegali e più audaci che caratterizza Oahu - l'isola vulcanica che ospita la capitale Honolulu e la famosa Pearl Harbor: la scala Haiku, nota anche come Stairway to Heaven. Si tratta di una scalinata in metallo formata da quasi 4.000 scalini e costruita in legno durante la Seconda Guerra Mondiale, nel 1942, dalla Marina Americana per installare e controllare le antenne necessarie al collegamento con la Naval Station Radio. La lunga e ripida gradinata doveva inoltre collegare le valli di Haiku e Wahiawa, due verdeggianti pianure solcate e divise da un rilievo velato da una fitta vegetazione tropicale.

Dopo l'abbandono della base navale negli anni '50, le scalinate furuno ristrutturate e sostituite con 3.922 gradini di metallo: la Guardia Costiera statunitense ha infatti dato al luogo un'altra veste, trasformandolo in una stazione Omega Navigation System. Nel 1987, insieme con la stazione, fu chiuso al pubblico anche il sentiero. Nonostante le intimidazioni e i cartelli, a partire dagli anni '90 innumerevoli e impavidi escursionisti iniziarono ad addentrarsi nel vorticoso percorso salendo le scale e raggiungendo la cima.

Sebbene le scale siano state riparate e messe a norma solo nel 2003, il pellegrinaggio verso il "paradiso" della Hawaii non è mai terminato. Ancora oggi percorrere le scale è del tutto illegale poichè le questioni relative alla legislazione, alle responsabilità e i diritti d'uso del suolo non sono ancora risolte.

<strong> </strong>
© Uladzik Kryhin/123RF

Né l'ultima e ferma chiusura risalente al 2015, né gli innumerevoli divieti e gli arresti passati sono riusciti a porre un freno alla curiosità dei centinaia di escursionisti che quotidianamente si addentrano nel percorso sfidando pericolo e legislazione. Basta cercare Haiku Stairs su Instagram per ammirare scatti mozzafiato dei turisti più impavidi e spericolati: un fenomeno decisamente in crescita per il quale sono attualmente in cantiere eterogenei progetti di riqualificazione, tra cui quello di mettere in sicurezza l'area per poi trasformarla in un parco a pagamento. Oggi ad occuparsi della controversa faccenda e a desiderare un futuro florido per le Haiku Stairs è l'associazione Friends of Haiku Stairs.

D'altronde i vertiginosi 3.922 scalini non possono non attrarre gli occhi dei turisti più indiscreti per la loro storia, per la bellezza selvaggia della vegetazione circostante e per la vista mozzafiato della quale si gode raggiungendo la cima del Puu Keahi di Kahoe, a 850 metri d'altezza. È qui che le nuvole spariscono per lasciare spazio ad una visuale vertiginosa e suggestiva sull'ampio anfiteatro naturale che si trova ai piedi del rilievo. Da qui, dopo aver percorso il lungo sentiero, non si può non avere l'impressione di essere in un vero paradiso terrestre a pochi passi dal cielo.

Voir cette publication sur Instagram

The stairway to the heaven aka the Haiku Stairs is the greatest attraction on the entire island. It reaches a peak of nearly 3,000 feet and is forbidden by the Hawaiian government but people say it is worth the risk of being arrested. . . . . . #stairwaytoheaven #stairwaytoheavenhike #oahu #haikustairs #haikustairsoahu #oahuhawaii #oahudiaries #hiking #hawaii #hawaiinadventures #travelling #travelphotography #traveltips #travelgoals #travelgoalsworld #traveltipsworld #igers #igdaily #ig_masterpiece #ig_nature #ig_traveller #ig_adventurs #adventure #instatravelling #instatravelgrams #instagood

Une publication partagée par Grasshopper Traveller (@grasshoppertraveller) le