• Connettiti
Le Gole del Sagittario: la riserva naturale più bella d'Europa
Pubblicato il 22/08/2019 12 condivisioni

AmbienteItalia

Twitter Facebook 12 condivisioni

Una delle aree naturalistiche più importanti d'Europa si trova in Abruzzo. La Riserva Naturale Regionale delle Gole del Sagittario, Oasi WWF dal 1991, è aperta tutto l'anno e ospita moltissime specie di piante e animali. Camminando lungo queste valli riscoprirete il fascino senza tempo di una terra amata, tra gli altri, da Escher e D'Annunzio...

<strong></strong>
© Angelo D'Amico/123RF

Ai margini del Parco Nazionale dell'Abruzzo, tra Lazio e Molise, si nasconde un luogo paradisiaco.
Qui la millenaria attività d'erosione delle acque del fiume Sagittario ha dato origine a un canyon incredibile che si snoda tra rupi calcaree e boschi incontaminati. La Riserva delle Gole del Sagittario si apre davanti agli occhi come un scrigno naturale, il suo paesaggio alterna sorgenti cristalline ad alte falesie rocciose, estendendosi per oltre 400 ettari di terreno nel comune di Anversa degli Abruzzi, uno dei Borghi più belli d'Italia.

Il parco si trova a pochi chilometri dal celebre lago di Scanno. Tra il rombo selvaggio dell'acqua che ulula dal fondo del torrente, le superbe cascate, la flora di faggi secolari, potrete avere un incontro ravvicinato con specie animali protette come il camoscio, l'orso bruno, il capriolo, l'aquila reale.
Potrete visitare il parco del tutto gratuitamente, magari fermandovi per un pic-nic all'aria aperta e poi proseguendo la camminata allietati dagli interminabili cinguettii, dal fruscio della corrente, e tendendo l'orecchio all'eco del ripetitivo ticchettio battuto dal Picchio Muraiolo, divenuto mascotte della Riserva.

Voir cette publication sur Instagram

??Quando nel 1826, il viaggiatore inglese, Richard Keppel Craven attraversò le #Gole del #Sagittario rimase sbalordito da tanta bellezza: «...la valle o piuttosto il borro offre un aspetto singolarmente selvaggio, stupendamente ornato da ciuffi di rampicanti e da fiori che crescono nelle spaccature della roccia. Questo passo e? comunemente chiamato Gola di Anversa o Foce di Scanno». #yesabruzzo #abruzzo #riservanaturalegoledelsagittario Ph : @gianfranco_vitolo - The incredible beautiful "Gole del Sagittario" in Abruzzo (Italy) #goledelsagittario #anversadegliabruzzi #abruzzo #laquila #italia #italy #bestplace #bestplaceonearth #nature #valley #travelphotography #travelblogger #travel #wonderofnature

Une publication partagée par Yes Abruzzo (@yesabruzzo) le

Il percorso

L'itinerario di trekking più consueto dura circa tre ore e mezza ed è perfetto per una gita in giornata: si compie un percorso ad anello seguendo la strada per il borgo di Castrovalva, proseguendo sul Colle di San Michele fino all'Eremo di San Domenico. Salendo lungo il sentiero panoramico potrete ammirare un paesaggio incredibile, scorgere dall'alto il punto in cui le valli di Castrovalva e Anversa si uniscono e osservare l'intero corso del fiume Sagittario fino alla sua foce, racchiusa tra le rocce del Pizzo Marcello.

Voir cette publication sur Instagram

@giuliotolli [#GoleDelSagittario] ?Siete mai stati all'Eremo di San Domenico? Si affaccia direttamente sul lago ed è semplicissimo da raggiungere. Un ottimo spunto per una gita estiva nel cuore d'Abruzzo.? #paesaggidabruzzo #abruzzo #scanno #villalago

Une publication partagée par Paesaggi D'Abruzzo (@paesaggidabruzzo) le

L'Eremo nascosto nella valle

La Riserva delle Gole del Sagittario è immersa in una cornice naturalistica unica, a poca distanza dal Lago di Scanno e dal borgo medievale fortificato di Castrovalva, immortalato dal pittore olandese Escher in una litografia del 1930.
Un'attrazione da non perdere è il suggestivo Eremo di San Domenico, nei pressi di Villalago.
La leggenda narra che il monaco benedettino si recò in queste terre nel lontano 1100 e decise di stabilirvi la sua dimora, scovando un piccolo antro nei pressi del fiume dove avrebbe potuto ritirarsi in preghiera. Oggi l'antica abitazione di San Domenico si fonde con il paesaggio caratteristico di queste zone, riflettendosi nelle acque circostanti color smeraldo.

Una passeggiata in queste vallate permette di riconciliarsi con l'autenticità della natura, perdendosi tra i proclivi delle colline e le altitudini delle vette rocciose. Le pareti delle scogliere a strapiombo sull'acqua amplificano lo scroscio delle cascate, e tutto attorno la vegetazione si sviluppa lussureggiante e incontaminata. Respirando l'odore umido dei boschi si ha la sensazione di scoprire quella forma di profonda saggezza di cui parlava Henry David Thoreau; e prestando ascolto ai richiami degli animali articolati secondo un codice selvaggio si viene accolti nel cuore più primitivo del mondo naturale.

Voir cette publication sur Instagram

Foto del giorno @rocksaly Luogo: Gole del Sagittario ??Click for L' Aquila?? 14 luglio,2019 Admin ??????? @piscitelliluana #piscitelliluana Follow me @clickfor_laquila #clickfor_laquila Click for Travel Founder?? @simoneroccheggiani #simoneroccheggiani Click for Abruzzo @clickfor_abruzzo #clickfor_abruzzo @clickfor_chieti @clickfor_pescara @clickfor_teramo Friend Gallery @italia_tipica @abruzzo_tipica @weareinabruzzo #volgolaquila #volgoitalia #abruzzo_super_pics #clickersitalia #abruzzo_in_foto #vivoabruzzo #alluring_laquila #laquila #clickersitalia #laquilabellame #abruzzo #goledelsagittario #clickersitalia

Une publication partagée par Click for L'Aquila (@clickfor_laquila) le

Il Parco Letterario Gabriele D'Annunzio

Una tappa immancabile se vi trovate da queste parti ad agosto è il Parco Letterario Gabriele D'Annunzio, che per tutto il mese propone una ricca serie di eventi e iniziative: dagli incontri letterari alle passeggiate musicali a suon di jazz.
In queste terre il poeta vate ambientò la sua tragedia più celebre "La fiaccola sotto il moggio" scritta nel 1904.

Al fiume che scorre impetuoso per queste valli sono dedicati dei versi memorabili: "È bello il Sagittario, sai? Si rompe e schiuma giù per i macigni, mugghia, trascina tronchi, tetti di capanne, zagole." Il poeta si affida ancora una volta al suo archivio memoriale e ricorda un'avventurosa cavalcata da lui compiuta in gioventù nella Valle del Sagittario.
L'opera di D'Annunzio si pone come un suggello a esemplificare il legame indissolubile del poeta con la propria terra d'origine, l'Abruzzo.