• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
I nativi americani tra le cascate Snoqualmie e i provvedimenti di Trump
Pubblicato il 03/12/2019 , Modificato il 04/12/2019

CuriositÓStati Uniti

Twitter Facebook 7 condivisioni

Ci sono voluti anni perchÚ la trib¨ degli Snoqualmie riuscisse a riappropriarsi delle cascate di Twin Peaks e della riserva naturale circostante, anni di contrattazioni che hanno condotto a un risultato importante: i nativi sono nuovamente i proprietari delle cascate omonime.

<strong></strong>
ę George Matthew Cole/123RF

Le Snoqualmie Falls, cascate poco a nord di Seattle , comparse nella serie tv di David Lynch I segreti di Twin Peaks, sono tornate in mano alla trib¨ dei nativi dall'omonimo nome.
Nel 1855 gli Snoqualmie cedettero il territorio circostante alle cascate, e le cascate stesse, al governo degli Stati Uniti firmando il trattato di Point Elliot e ne persero il riconoscimento federale successivamente, negli anni '50.
In cambio, la trib¨ degli Snoqualmie avrebbe dovuto ricevere, dagli Stati Uniti, una riserva dove poter vivere e proteggersi, promessa che per˛ non trov˛ riscontro nella realtÓ.
Non si tratt˛ soltanto della perdita di un appezzamento di terreno ma di un luogo che con il tempo aveva assunto per gli Snoqualmie un ruolo sacro: secondo le credenze religiose della trib¨, infatti, Ŕ proprio dove sorgono le cascate che furono creati il primo uomo e la prima donna. La nube di vapore generata dall'impatto dell'acqua collega la terra e il cielo trasportando le preghiere dei nativi alla divinitÓ creatrice e agli spiriti degli antenati.

Voir cette publication sur Instagram

Mr. Golden Sun ??

Une publication partagÚe par Lauren (@l_bobinski) le

Nel 1999 gli Snoqualmie ottennero nuovamente il riconoscimento federale e il diritto a una piccola riserva nella zona circostante alle cascate dove decisero di aprire un casin˛ per finanziare i servizi della trib¨. L'area era comunque gestita in gran parte dai nativi Muckleshoot che nel 2007 avevano acquistato l'hotel Salish Lodge & Spa e nel 2018 avevano ricevuto l'approvazione per un massiccio piano di sviluppo edilizio.
Il 31 ottobre scorso le due trib¨ degli Snoqualmie e dei Muckleshoot si sono incontrate per stabilire una nuova divisione dei territori prossimi alle cascate: pagando ai vicini 125 milioni di dollari, gli Snoqualmie , dopo 150 anni, sono diventati ufficialmente i proprietari dell'hotel Salis Lodge e dei suoi 45 acri circostanti.

Un'altra notizia che ha destato scalpore, sui nativi americani, riguarda la scelta da parte di Donald Trump di proclamare novembre come "Il Mese della Storia e dei Fondatori Americani Nazionali"nonostante novembre fosse giÓ stato dichiarato nel 1990 dall'allora presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush il "Native American Indian Heritage Month", Mese del Patrimonio Nazionale Indiano Americano.
Molti hanno letto in questa scelta del presidenti degli Stati Uniti l'intento di oscurare un evento dedicato ai nativi americani, nei confronti dei quali, Trump , non ha mai mostrato particolare affezione o riconoscenza.