• Connettiti
I dolmen di Antequera: un'altra Stonhenge
Pubblicato il 19/05/2018

TrasportiSpagna

Twitter Facebook 8 condivisioni

L'altra Stonhenge d'Europa si chiama Antequera e si trova in Andalusia, in una posizione strategica tra città conosciutissime in Spagna. In prossimità di Malaga, Cordoba, Siviglia e Granada, Antequera è un luogo pieno di fascino.

Antequera, Spagna

Antequera, Spagna
© Mjucha/123RF

Cosi come nella Stonhenge che tutti conosciamo, ad Antequera si trovano i cosiddetti dolmen, costruzioni preistoriche in pietra possente. Tre i più importanti: il Dolmen de Menga, del Romeral e de Viera, dove il peso complessivo di ogni lastrone di pietra è di 180 tonnellate.

Particolarmente originale il primo, è rivolto verso le montagne e non verso il sole: questo fa si che durante il solstizio d'estate il sole batta direttamente sul dolmen illuminando l'entrata e rendendo l'atmosfera suggestiva... una visione emozionante!

Oltre a questi, nel parco archeologico si trova un gruppo di rocce somiglianti a sagome di giganti: si narra che siano il risultato di un'erosione in quanto 150 milioni di anni fa queste montagne erano sommerse. Alle pietre sono stati dati anche dei nomi di riconoscimento: la Peña de los Enamorados (?la roccia degli innamorati', roccia calcarea alta 880 metri) ed El Torcal de Antequera.

Secondo il New York Times il sito di Antequera è qualcosa da vedere assolutamente. Prima piuttosto sconosciuto, da quando nel 2016 è entrato a far parte dei patrimoni dell'Unesco, si è cominciato a parlare e diffondere informazioni su questo incredibile luogo. Le origini di Antequera sono antichissime: la sua storia risale addirittura all'età del bronzo e anche il nome dato dai Romani, "Antequaria", significa, non a caso, "città antica".

#dolmen #dolmendemenga #antequera #andalusia #spagna #turismo #rinconesconencanto #patrimonicultural #patrimoniodellumanità #belleza #viaggio #pueblosconencanto

Une publication partagée par VSP (@serendipityvsp) le

Oltre ai dolmen, l'area circostante merita una visita: è una zona ricca di riserve naturali, tra cui quella di El Torcal, con tre sentieri che si snodano tra un paesaggio mozzafiato di rocce carsiche, e il lago di Fuente de Piedra, famoso per essere uno dei due luoghi dove si riproducono i grandi fenicotteri rosa.

Per quanto riguarda invece la città, il centro antico di Antequera è dominato dall'Alcazaba araba e dalla Basilica di Santa Maria. Tra le strade e i viottoli si succedono collegiate, chiese, conventi, palazzi, archi, porte, eremi e case signorili. Tra quelli di maggiore curiosità il palazzo di Nájera (XVIII secolo) che oggi è sede del museo municipale, il convento dedicato a Santa Catalina e il palazzo dei marchesi Peña, in stile mudéjar e rinascimentale.