Navarra: Pamplona e la settimana
"cazuelica e vino"
Pubblicato il 05/10/2017 2 condivisioni

Da non perdereSpagna

Twitter Facebook 2 condivisioni

Per una settimana intera, bar e ristoranti di Pamplona offrono la possibilità assaggiare piatti tipici serviti nella cazuelica e accompagnati dai vini della regione di Navarra. Il tutto a prezzi modici.

Ma Pamplona non è solo la corsa dei tori. Iruña (così è chiamata in basco) è una bellissima cittadina, con un centro storico medievale di grande bellezza. Qui passano molti turisti, sia per motivi religiosi (quelli che fanno il Cammino di Santiago) che per apprezzare le bellezze naturalistiche e storiche della città e dei suoi dintorni. La città è facilmente percorribile a piedi e partendo da Plaza del Castillo è possibile raggiungere tutti i luoghi d'interesse come la Cattedrale di Santa Maria la Real, la Casa Consistorial (il bellissimo palazzo del comune), il Museo di Navarra, la Chiesa di San Lorenzo e il Parco Taconera.

Pamplona - Plaza del Castillo

Pamplona - Plaza del Castillo
© Tono Balaguer/123RF

La zona della città per degustare i piatti migliori sono le vie Estafeta e San Nicolás, ma potrete degustare pinchos e vino in ogni angolo della città.

Il capoluogo della regione è famosissima per la corsa dei tori, il Festival di San Firminio, con i tori che vengono lasciati correre tra la folla per le strade della città. Festival che amava tanto anche Ernest Hemingway, che proprio a Pamplona passò molto tempo durante la Guerra Civile Spagnola. Lo scrittore statunitense scriverà della città e della corsa dei tori in uno dei suoi libri più noti: Fiesta. Ogni anno questo festival richiama un milione di turisti, il che lo rende uno dei festival più grandi al mondo.

LA SETTIMANA DELLA CAZUELICA

Dal 6 al 15 ottobre 2017, bar, ristoranti e taverne di Pamplona mettono a disposizione degustazioni di piatti tipici a prezzi molto convenienti. Si ha così la possibilità di scoprire la cucina regionale, con le pietanze servite nelle cazuelica, le tradizionali ciotole di terracotta. Potrete degustare l' ajoarrierd (merluzzo in umido con aglio), l'agnello o il maialino da latte. Tutti i piatti sono accompagnati dai vini tipici di Navarra. Qui potrete scoprire di più sulla cucina del nord della Spagna.

Leggi anche

Fuori e dentro le mura di Avila, Spagna
Con Globalia dalla Spagna al Sud America low-cost
Turisti uccidono cucciolo di delfino spiaggiato per farsi i selfie
Barcellona: un'altra capitale che verrà ricordata per la sua data d'attentato
Iberia: video per spiegare le misure di sicurezza in volo, promuovendo Madrid
Le Baleari vogliono proibire l'alcool a bordo degli aerei
Palma de Maiorca: bloccati passeggeri italiani per guasto aereo
San Firminio: la corsa dei tori di Pamplona

PAMPLONA

PAMPLONA
© mdmfotos/123RF

Iniziate il tour delle degustazioni da piazza del Castillo, sotto i suoi porticati troverete moltissimi bar con una vista incantevole. Continuate per le vie San Nicolas, Jarauta e Caldareria per concludere la serata nella zona di San Juan, cuore della movida di Pamplona.

I primi insediamenti in questa regione risalgono al Paleolitico, ma è con l'occupazione da parte di Pompei (nel 75 a.C.), che quello che oggi è il capoluogo della comunità prende il nome di Pamplona. La storia di Navarra è stato lo scenario di incontri e scontri tra culture: quella musulmana con quella cristiana prima, quella francese con quella spagnola poi. Travagli storici che hanno portato il Regno di Navarra, nel XVIII secolo, a diventare una comunità autonoma.

I pinchos

I pinchos
© Moreno Novello/123rf

NAVARRA

Al confine tra Spagna e Francia, il paesaggio di Navarra è segnato da riserve naturali di grande bellezza, foreste e gole che punteggiano i Pirenei. Tutto questo fa da scenografia all'inizio del Cammino di Santiago di Compostela (patrimonio dell'UNESCO).