Pubblicato il 21/02/2017 (Modificato il 27/02/2017)

#Cultura #Svezia

Il segreto della felicità degli svedesi? è la fika!

La società svedese è perfettamente organizzata, tanto da essere spesso presa a modello e simbolo delle più alte conquiste del progresso, in più danno valore alla felicità in qualsiasi campo della vita, soprattutto nel lavoro. Il loro segreto si chiama Fika... e non fate i maliziosi!

La Fika aumeta la produttività

© jirkaejc/123RF

Nessuna ironia sulla parola in questione, davvero! La Fika in Svezia é una tradizione consolidata; é sia un nome che un verbo e deriva dall'atto dell'uscire a bere un caffé. Potrebbe essere associata alla nostra tanto agognata "pausa caffé", ma é molto più di questo, infatti per gli svedesi é una pratica seria. Una pausa che si prende più volte al giorno, attorno alle 10:00 e alle 15:00, per sorseggiare un caffè, un tè o un'altra bevanda calda in compagnia dei colleghi, preferibilmente davanti a un dolce e dove vige una parola d'ordine: riposo.

Secondo Viveka Adelsward, professoressa ed esperta di consuetudini sociali di questo paese, la fika aumenta la produttività: queste occasioni di scambio e socializzazione infatti, aumentano l'efficienza sul lavoro, per questo alcune aziende l'hanno resa una pratica obbligatoria. Ma a quanto pare é anche un'attività che stimola a livello psicologico: cadono temporaneamente le gerarchie sociali e grazie a questo, i lavoratori svedesi sono tra i meno stressati al mondo.

La fika anche al lavoro? Perché no!

We couldn't agree more. #fikanyc #swedishcoffeeculture #Repost @turnstylenyc ??? Afternoon coffee time ?????? #TurnstyleNYC #coffee #coffeetime #depresso

Une publication partagée par FIKA NYC (@fikanewyork) le

E quindi in Italia non facciamo un buon uso della pausa caffé? Diciamo che non ci impegnamo abbastanza.. spesso scappiamo al bar e beviamo un caffé di corsa, ma quanti di voi possono davvero dire che quel caffé é stato rinvigorente? Ora che il segreto é stato svelato, non resta che proporre la Fika nelle vostre aziende. Se diventasse un'abitudine italiana, potremmo di certo elogiare ancora di più il nostro caffé!