Pubblicato il 18/05/2022

#Cultura #Francia

La città mediterranea di Nizza, gioiello indiscusso della Costa Azzurra, è sito Patrimonio Mondiale dell'Unesco

Perla del Mediterraneo e fiore all'occhiello della Riviera Francese, Nizza, con le sue influenze culturali internazionali, le sue ricchezze architettoniche e naturali e i suoi paesaggi mozzafiato che contrappongono montagne innevate alla linea blu dell'orizzonte tra cielo e mare, è diventata sito Patrimonio dell'Umanità dell'Unesco, nel 2021.

© Olena Znak/shutterstock

Maggior centro della rinomata Costa Azzurra, situata a pochi chilometri dal confine franco-italiano, Nizza è una città di origini greche fondata intorno al 350 a.C. e trasformatasi ben presto in un importante porto commerciale. Nel corso dei secoli è stata governata da diversi popoli antichi, come romani, bizantini e longobardi, ed è quasi sempre rimasta accorpata alla Liguria e all'Italia, salvo qualche eccezione. La svolta arriva nel corso del XVIII secolo, quando, grazie al suo clima mite e alla sua posizione privilegiata sulla costa, tra mare e montagna, il sito inizia ad essere scelto dalle famiglie nobili e aristocratiche britanniche come località per passare le vacanze invernali nella soleggiata Riviera Francese ed abbandonare il clima rigido del Nord Europa. Una volta appurato il potenziale turistico della città, Nizza crea, nel 1832, il Consiglio d'Ornato, il cui scopo è quello di elaborare un progetto architettonico per rendere la città attraente agli stranieri, grazie alla costruzione di alberghi di lusso, ville e palazzi. In questo modo, il "Camin dei Ingles", sentiero modesto creato nel 1824 dai villeggianti britannici per poter passeggiare lungo la riviera, diventa la prestigiosa "Promenade des Anglais". Dopo la sua annessione alla Francia e il raccordo alla rete ferroviaria europea, il numero di vacanzieri non ha cessato di aumentare, obbligando Nizza ad ingrandirsi oltre i confini della città vecchia medievale e contribuendo alla sua reputazione di città cosmopolita.

Il quartiere della Libération e il Carré d'Or

Situati appena al di fuori dalla città vecchia, due quartieri di Nizza sono particolarmente impregnati del suo passato da destinazione di villeggiatura, infatti, prima di diventare una rinomata meta turistica estiva, la città è stata a lungo meta di vacanze invernali. Per poter accogliere l'alta nobiltà, furono creati nuovi quartieri molto lussuosi in stile Belle Epoque, ma con molti esempi di edifici Art Deco. È il caso del quartiere residenziale della Liberazione, per i nizzardi "La Libé", ma anche del Carré d'Or, con molti alberghi di lusso, tra cui l'iconico Hotel Negresco.

© proslgn/Shutterstock

La città vecchia

La città vecchia di Nizza, o Vieux-Nice, è sicuramente la parte più pittoresca della città, fatta di vicoli, stradine e viuzze tortuose fiancheggiate da case color ocra addossate le une alle altre. Il cuore della città vecchia è il Corso Saleya, una zona pedonale in cui ogni lunedì si tiene il mercato dell'antiquariato e, dal martedì alla domenica, il famoso Mercato dei Fiori. A qualche minuto da lì, si trova la Cattedrale di Nizza, dedicata a Santa Reparata, in uno stile completamente barocco che, in aggiunta alla suggestiva illuminazione serale della Piazza Rossetti in cui è situata, conferisce al centro storico l'eccellente reputazione di cui gode. Ma il fascino della città vecchia non è dovuto soltanto all'architettura e ai colori: in questo quartiere si possono trovare numerosi negozi, boutique artigianali, bar, caffè e ristoranti in cui poter degustare le specialità nizzarde come la socca, la pissaladière o la torta di bietole. La città vecchia è dominata dalla Collina del Castello, su cui sorgono le rovine del Castello di Nizza e da cui si può godere della vista panoramica più bella della città.

© Aleksandar Todorovic/Shutterstock

Litorale e Promenade des Anglais

Orgoglio nizzardo, quasi come gli Champs Élysées per Parigi, è la Promenade des Anglais, una passeggiata lunga ben 7km, che costeggia il lungomare della Baia degli Angeli. Se all'inizio del XIX secolo si trattava semplicemente di un piccolo sentiero in terra battuta e pietre, largo solo due metri, nel corso del tempo fu ampliato e decorato, fino ad acquisire l'aspetto odierno. Oggi si presenta come un ampio viale alberato, con un rivestimento di colore marrone su cui risaltano le famose sedie blu rivolte verso il mare. Sul lato nord, prestigiosi palazzi e magnifici edifici completano questa riconoscibilissima opera architettonica a cielo aperto.