• Connettiti
La magia incontaminata di Gjogv
Pubblicato il 02/03/2019

CulturaIsole Faroe

Twitter Facebook 3 condivisioni

Alla scoperta di Gjogv, un luogo incantevole e selvaggio nel cuore nordico dell'Atlantico.

  • Twitter
  • Facebook
  • Villaggio Gasadalur, Vagar, Isole Faroe, Danimarca
    Villaggio Gasadalur, Vagar, Isole Faroe, Danimarca
  • Villaggio di Saksun, isola di Streymoy, Isole Faroe, Danimarca
    Villaggio di Saksun, isola di Streymoy, Isole Faroe, Danimarca
  • La chiesa del villaggio di Gjogv, isola di Eysturoy, Isole Faroe
    La chiesa del villaggio di Gjogv, isola di Eysturoy, Isole Faroe
  • L'idilliaco Gjogv e le sue colorate case
    L'idilliaco Gjogv e le sue colorate case
  • Gjogv, in tutta la sua nordica magia
    Gjogv, in tutta la sua nordica magia
1

Terra di miti e leggende, natura selvaggia e incontaminata, luogo incantanto e meta di viandanti. Alte scogliere dove il vento spira vorticosamente e i prati si colorano di un verde scintillante. Un fascino nordico e meditativo. Benvenuti nelle fiabesche Isole Faroe, un arcipelago di diciotto isole danesi bagnate dall' Atlantico e situate tra Scozia, Islanda e Norvegia. Un gioiello nordeuropeo che racchiude al suo interno, sulla costa nord di Eysturoy, anche il piccolo villaggio di Gjogv.

Raggiungibile dall' aereoporto di Vagar, unico aeroscalo dell'arcipelago, Gjogv è situato nella seconda isola più grande della Faroe e vi dimorano circa 50 persone. Un piccolo e forse ancora poco noto agglomerato urbano ricco di fascino e magia, caratterizzato da case colorate e tetti in erba. Tra le sfumature che la natura regala e le piccole abitazioni, risalta una chiesa bianca - luogo di incontro settimanale per i pochi abitanti.

Non c'è da supirsi se il villaggio di Gjogv sia stato nominato per il premio Natura e ambiente nel 2014 dal Consiglio nordico. Incastonato tra l'oceano e una gola naturale dalla quale prende il nome, il centro abitato faroese vanta una storia molto antica, sebbene forse il paesaggio non ne dia indizi. Si racconta che la zona adiacente alla gola sia stata conquistata dall'uomo intorno al 1584, ma non mancano segnalazioni di precedenti insediamenti urbani. Certamente le popolazioni che abitarono nelle vicinanze si dedicarono alla pesca. Attività, quest'ultima, ancora oggi fortemente praticata, nonostante la popolazione sia drasticamente diminuita nel tempo. A rendere abitabile e fruibile la zona sono inoltre un campeggio, una guest house e una fabbrica di calcestruzzo - unico stabilimento presente nelle Faroe.

L' incanto ancestrale di Gjogv non scaturisce solo paesaggio incontaminato che lo circonda, ma risiede anche nella pacifica e meditativa solitudine che il borgo regala. Una bellezza, quella di Gjogv, che merita di essere assaporata!