• Connettiti
Isla del Rey: la rinascita della Bloody Island
Pubblicato il 30/04/2018

CulturaSpagna

Twitter Facebook 1 condivisione

Isla del Rey, denominata Bloody Island, è stata per decenni la sede dell'ospedale militare inglese in cui vennero sbarcati i naufraghi feriti della "Corazzata Roma".

Port Mahon, isole baleari

Port Mahon, isole baleari
© Juan Jose Tugores/123RF

L'Isla del Rey o "Isola del Re" è un piccolo isolotto di circa 41.177 mq situato di fronte al paese di Es Castell, nella baia del porto di Mahon. Il nome dell'isola deriva da un fatto storico : fu il punto dove sbarcò il Re Alfonso III nell'anno 1287 , giunto a Minorca per liberarla dal dominio dei musulmani. Ha due moli, uno a nord chiamato "Moll de ses Monaci" e uno a sud, recentemente ristrutturato per offrire maggiori servizi ai visitatori.

Dalla caratteristica forma triangolare, l'isolotto presentava alcuni edifici dismessi, i resti di una vecchia basilica paleocristiana del VI secolo. d.C. e quello che una volta era l'ospedale militare realizzato dagli inglesi nel XVIII secolo. Abbandonata e dimenticata per anni, oggi l'isola è aperta al pubblico grazie anche ad un'opera di riqualificazione e valorizzazione del territorio operata dalla neo associazione "Amics del l'Illa de l'Hospital", un'associazione di volontari fondata nel 2004 con lo scopo di recuperare l'ambiente e le architettura per rendere di nuovo accessibile questa piccola perla. Gli edifici, completamente ristrutturati, fanno parte del "Patrimonio storico archeologico ed architettonico Nazionale".

Illa del rei #menorca #mahon #isladelrey #photooftoday #instagram #photoinstagram #bloodyisland

Une publication partagée par Jose M Calleja (@chemacalleja56) le

Dal '700 fino alla metà del XX secolo l'isola fu la sede dell'ospedale militare inglese e per questo motivo, sotto il loro dominio, prese il nome di "Bloody Island". Il nome dell'architetto rimase sconosciuto per moltissimi anni. Secondo alcune ricerche, sostenute recentemente, il progetto riscontra alcune similitudini strutturali come l'utilizzo degli spazi con gli ospedali di Londra di The Royal Hospital Chelsea e del Greenwich Naval Hospital, entrambi disegnati dall'architetto Sir Christopher Wren.

La maestosa struttura fu realizzata tra il 1711 e il 1776 per volere del Comandante in Capo delle Forze Inglesi nel Mediterraneo John Jennings. Situata a nord dell'isola, la struttura originale era semplice e spaziosa. A due piani e con al centro una torretta di controllo, si possono ancora ammirare i larghi corridoi separati tra loro da due ordini di ampie arcate e colonne. Completamente circondato dal verde, al piano terra si apre l'ampio cortile interno chiamato patio.

#Menorca #igersmenorca #mahón #mao #illadelrei #isladelrey #portmahon #puertodemahon #portdemao #hospital #navalhospital #minorca #minorque #balearics #spain #espagne #mediterranean

Une publication partagée par ESP - 10383 (@stranded_sailor) le

Oggi l'ospedale è stato convertito in un luogo di memoria, un vero e proprio museo con le diverse stanze che ospitano: sale espositive, una biblioteca, una sala di farmacia ; una "Sala Italiana" e la sala "Sala Memorial Corazzata Roma" dedicata ai marinai italiani della "Roma". In queste stanze furono accolti i militari feriti della Corazzata Roma, vittime di una rappresaglia nazista; la nave da battaglia della Regia Marina affondata il 9 settembre del 1943 dai bombardieri tedeschi al largo del Golfo dell'Asinara.