• Connettiti
Chernobyl produce ora energia da fonti rinnovabili
Pubblicato il 18/10/2018

AmbienteUcraina

Twitter Facebook 2 condivisioni

Nel luogo del disastro nucleare è da poco attivo un impianto fotovoltaico che produce energia pulita

A Chernobyl, nel luogo del disastro nucleare, è da poco stato inaugurato un impianto fotovoltaico che andrà a fornire energia pulita a circa 2000 appartamenti. Come ha dichiarato lo stesso amministratore delegato di Solar Chernobyl LLC, si tratta di un "progetto il cui simbolismo è innegabile e anche ben augurante", viene descritto infatti come un "un nuovo germoglio, ancora piccolo, debole, che produce energia sul sito".

La centrale nucleare di Chernobyl nel 2012

La centrale nucleare di Chernobyl nel 2012
© svedoliver/123RF

Per portare a compimento il progetto dell' impianto fotovoltaico da 1 Megawatt, è stata necessaria l'azione congiunta della compagnia ucraina Rodina e di quella tedesca Enerparc AG. Il costo è stato di 1 milione di euro, ma sono previsti degli incentivi per la produzione di energia pulita; la spesa è servita per la realizzazione di circa 3800 pannelli solari in una superficie di poco più di un ettaro, ma è solo l'inizio. Sono previsti investimenti ulteriori che coinvolgeranno, nell'area un tempo interdetta, oltre 60 aziende straniere per una cifra di circa 10 milioni di euro.

Questa rinascita del sito di Chernobyl nel segno delle energie rinnovabili, di cui fa parte anche il progetto di una riserva naturale da realizzare su di esso, non sembra essere peraltro un fatto isolato nelle iniziative legate all'energia in Ucraina. Secondo alcune stime fatte dal governo, solo tra gennaio e settembre di quest'anno, sono stati prodotti oltre 500 MW di energia tramite fonti rinnovabili, corrispondenti al doppio di quanto prodotto tramite le stesse fonti nell'anno precedente.

Voir cette publication sur Instagram

Construction underway on first PV array for Chernobyl? ? ?Rodina states that 3762 modules have been installed at the site, with specially designed mounting systems and foundations, due to additional requirements for site and radiological safety.? ? The plant is being developed by a consortium of Rodina and German developer Enerparc AG. It will have a capacity of approximately 1 MW and is expected to be completed by the end of 2017.? ? This represents the first construction to get underway in the Chernobyl exclusion zone. In 2016, the Ukrainian Government adopted a bill to reopen the wasteland to business developments, and announced plans to turn the site of the world's worst nuclear power disaster into a 1 GW solar power plant.? ? ? https://buff.ly/2mbxMH8? ? #darktourism #chernobyl #solarenergy #chernobylsolar #solarpowerplant #chernobylpowerplant #chernobylrenewables #renewableenergy

Une publication partagée par Darker Destinations (@darkerdestinations) le

Dalla data fatidica del 26 Aprile 1986, Chernobyl è cambiata per sempre. Il disastro nucleare più grande e grave della storia dell'umanità ha colpito non solo l'Ucraina, ma anche tutti i paesi che sono stati raggiunti dalle nubi tossiche trasportate dal vento. A 32 anni dall'esplosione del reattore, (dove sarà vietato coltivare, cacciare e costruire per 24.000 anni) una centrale solare darà energià alle 2000 famiglie della zona, a sottolineare, la ferma convinzione che una Chernobyl migliore sia ancora possibile.