• Connettiti
In vendita Consonno, la Las Vegas brianzola
Pubblicato il 12/09/2014 Modificato il 15/09/2014

SocietàItalia

Twitter Facebook

Dopo Calsazio e Gangi ora un altro comune si aggiunge alla liste delle cittadine in vendita. Per chi vuole comprare Consonno, paesino ormai disabitato della provincia di Lecco, il prezzo è di 12 milioni di euro. L'annuncio è stato affisso sulla bacheca online di Subito.it e dall'immobiliare Zandonà, con sede a Milano.

© EASYVOYAGE

Dopo Calsazio e Gangi ora un altro comune si aggiunge alla liste delle cittadine in vendita. Per chi vuole comprare Consonno, paesino ormai disabitato della provincia di Lecco, il prezzo è di 12 milioni di euro. L'annuncio è stato affisso sulla bacheca online di Subito.it e dall'immobiliare Zandonà, con sede a Milano.

Anche se adesso è una città fantasma, la piccola frazione di Olginate vanta una storia tutta particolare. Acquistata negli anni '60 dal visionario conte Mario Bagno, venne da lui trasformata nella Las Vegas della Brianza. Nei sogni dell'industriale, la creazione di un centro a metà tra Cortina e Disneyland che avrebbe avuto successo grazie alla sua fortunata posizione, a sole due ore dalla Milano del boom economico.

Rase al suolo le case preesistenti, costruita una strada di collegamento con Olginate, a cavallo tra gli anni 60 e 70 Consonno rinasce: un finto castello accoglie i turisti, le vetrine dello shopping center dalla struttura arabeggiante con annesso un minareto li incantano, feste sfarzose tra sfingi e pagode, casinò e un hotel richiamano il jet set dell'epoca.

Solo qualche anno dopo, veloce com'era arrivata la fortuna di Consonno se ne va: una frana isola questo paese dei balocchi in miniatura, i vip non arrivano, i negozi chiudono e gli abitanti se ne vanno. Il Conte ha cercato di reinventare le sorti del paesino trasformandolo in una città per anziani, ma nel 2007 anche l'ospizio ha chiuso.

Nel 2004 Consonno contava sei abitanti che hanno progressivamente abbandonato il borgo, solo uno - Ferruccio - vive ancora lì, in attesa che qualche magnate acquisti la città e la riporti in vita.