Pubblicato il 03/09/2022

#Curiosità #Danimarca

A Copenaghen apre il primo Museo della Felicità

In Danimarca, la felicità è al primo posto tanto da aprire un museo dedicato con consigli e indicazioni su come ritrovarla anche in situazioni non convenzionali. E mai come in questi ultimi mesi, la felicità è l'unica arma che abbiamo per affrontare con coraggio e positività questa pandemia mondiale che ha sconvolto le nostre vite.

© Volha Kavalenkava/123rf

La Danimarca, attualmente, è il secondo paese più felice del mondo e omaggia la sua positività con il primo Museo della Felicità. La notizia mette già il buon umore e sembra un raggio di sole tra le nuvole cupe di questo ultimo anno, che ha messo alla prova l'intera popolazione mondiale. Per tutti i pessimisti, che fanno fatica a guardare il bicchiere mezzo pieno, la Danimarca risponde con un sorriso dando consigli e indicazioni su come ricercarla, anche nei piccoli gesti quotidiani o nelle parole di qualcuno.

"Abbiamo pensato, perché non creare un luogo dove le persone possano sperimentare la felicità da diverse prospettive e dare loro una mostra dove possano diventare un po' più saggi intorno ad alcune delle domande che cerchiamo di risolvere", afferma Meik Wiking, CEO dell'Happiness Research Institute. Come dargli torto?

I problemi quotidiani e le avversità della vita non mancano mai e allora perchè non affrontarli con un po' di positività? E' proprio questo il cardine su cui ruota il Museo della felicità e secondo la CNN, infatti, tutto il progetto si sta concentrando sull'idea di felicità e su come è stata percepita e discussa nel corso dei secoli : "Abbiamo pensato, forse non ci sono molti ospiti in questi giorni, ma il mondo ha bisogno di un po' più di felicità", aggiunge Meik Wiking.

Visualizza questo post su Instagram

#BuoneNotizie #Felicità ?Quanto sei felice?? ?Tanto così!?. Allargando le braccia il più possibile, i bambini provano a quantificare la felicità ma sanno anche loro che è un compito arduo. Da qualche tempo, un'annuale classifica internazionale, il World Happiness Report, prova a identificare quali sono i Paesi più ?felici? del pianeta tramite alcuni criteri come ad esempio il PIL pro capite, l'aspettativa di vita sana alla nascita, la coesione sociale o la corruzione percepita. Ai primi posti si posizionano quasi sempre le Nazioni del nord Europa: la Finlandia, la Svezia, la Norvegia, ma soprattutto la Danimarca. Proprio qui, a Copenaghen, è stato inaugurato il primo museo dedicato alla felicità. The Happiness Museum tratta la felicità in maniera molto seria. Non aspettatevi quindi stanze piene di colori, arcobaleni e unicorni: il suo obiettivo non è infatti quello di rallegrare o far sorridere i visitatori. Al contrario, il museo vuole far riflettere le persone sul significato della felicità da un punto di vista piscologico, sociale, storico, scientifico e tecnologico. Viene quindi analizzato il noto hygge, un tipico sentimento della cultura nordeuropea che scaturisce dal benessere dello stare in casa, condividendo momenti di convivialità con famigliari e amici. Ma allo stesso tempo si va alla scoperta di ciò che accade nel nostro cervello quando siamo in una condizione di benessere mentale. Non mancano anche le sfide, come quella di riconoscere l'anatomia di un sorriso sincero, o le attività interattive, come quando i gestori del museo, per qualche settimana, hanno lasciato un portafoglio gonfio di denaro incustodito nel mezzo di una stanza per osservare il comportamento dei visitatori. #Torcha #TICA #TeniamoICervelliAccesi #TheHappinessMuseum #Hygge

Un post condiviso da Torcha (@torcha) in data:

Il MUSEO

L'Happiness Research Institute si occupa della scienza della felicità, concentrandosi soprattutto sul perché alcune società sono più felici di altre. L'istituto ha lavorato a stretto contatto nella creazione del museo, che ospita esposizioni ed esperienze interattive per mostrare ai visitatori le diverse concezioni della felicità nei diversi paesi.

Anche se questi sono tempi difficili per il museo a causa della pandemia, essi rimangono ottimisti e hanno messo in atto politiche rigorose per garantire il rispetto della distanza sociale e della sicurezza, compreso un percorso a senso unico e un numero limitato di 50 visitatori.

Visualizza questo post su Instagram

IL MUSEO DELLA FELICITA? #TheHappinessMuseum, il Museo della felicita? che ha appena aperto a #Copenhagen, al numero 19 di #Admiralgade, la strada costruita nel centro storico della capitale danese che ospito? le residenze degli ufficiali della marina locale. Il museo e? stato creato dall'#HappinessResearchInstitute, per «dimostrare come la felicita? sia coinvolta in ogni ambito della vita» e «ricordare ai visitatori cos'e? che da? loro valore e li fa sentire bene». Durante la visita si potra? prender parte ad esperimenti per testare il proprio grado di #felicita?, #fiducia, #onesta? e #sensibilita?. Come il test del portafoglio: se ne trovi uno per terra, lo restituisci? Solo se e? vuoto o anche se e? bello pieno? Oltre ad una sezione di #geografiadellafelicita?, basata sul #WorldHappinessReport 2020 di 153 paesi, c'e? un percorso dedicato al #sorriso, dove gli ospiti possono capire la differenza tra uno genuino e uno forzato, e studiare quale lato della bocca della #Gioconda diLeonardo da Vinci esprima realmente felicita?. Attraverso degli esperimenti e dei simpatici test, come quello che misura la propria capacita? di resistere alle #risatecontagiose, l'ospite del museo e? costantemente sollecitato nella sua personale riflessione sulla #ricercadellafelicita?. #visitcopenhagen #danimarca???? #visitdenmark #museo #museum #traveltips #viaggiaconmela

Un post condiviso da Raffaella & Melania (@viaggiaconmela) in data:

Il concetto di base sembra chiaro: trovare sempre una buona scusa per sorridere: ?Potremmo essere danesi o messicani o americani o cinesi, ma siamo prima di tutto e, soprattutto, persone. Sono le stesse cose che guidano la felicità, non importa da dove veniamo, e spero che la gente lo veda nella mostra? conclude Wiking.

Altri articoli proposti dall'autore