• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Semi di tabacco come carburante per volo South African Airways
Pubblicato il 20/07/2016

NovitÓSudafrica

Twitter Facebook 9 condivisioni

NovitÓ assoluta nel mondo dell'aviazione con un brevetto tutto Made in Italy. ╚ decollato il primo aereo di linea alimentato a semi di tabacco

SAA, la prima ad usare biocarburante a semi di tabacco

SAA, la prima ad usare biocarburante a semi di tabacco
ę Aero Icarus/123rf

Un nuovo passo verso un mondo sempre pi¨ eco-friendly Ŕ stato compito questa settimana da un'azienda italiana. Il 15 luglio Ŕ decollato un volo della South African Airways da Johannesburg a Cape Town alimentato per pi¨ del 50% da un carburante "green" ottenuto dalla lavorazione dei semi di tabacco Solaris.

Promotore di questa ricerca Ŕ l'azienda Sunchem di Arma di Taggia, in provincia di Imperia, che Ŕ riuscita a trovare la formula per estrarre carburante dai semi di tabacco grazie ad una collaborazione con l'UniversitÓ Cattolica di Piacenza.

Il procedimento era stato brevettato giÓ nel 2007 e nel 2011 hanno ottenuto il seme Solaris, un seme non Ogm senza nicotina e non destinato all'uso alimentare. Per ogni ettaro questo particolare seme si produce molto pi¨ olio rispetto ad altre oleaginose consentendo molti vantaggi a livello economico e sociale.

le raccolte di biocarburanti commerciabili non incoraggeranno il fumo

le raccolte di biocarburanti commerciabili non incoraggeranno il fumo
ę VASILIS VERVERIDIS/123RF

Innanzitutto il seme contiene circa il 40% di olio e dalla spremitura a freddo si pu˛ raggiungere il 33-34% di olio grezzo da impiegare come biocarburante nell'aviazione. Grazie alle sue caratteristiche, il seme si pu˛ adattare a qualsiasi terreno e questo permetterÓ di creare numerosi posti di lavoro specialmente in Sudafrica.

La coltivazione richiederebbe una produzione massimale dei fiori a scapito delle foglie e consentirebbe di ridurre le emissioni dell'80% e dare avvio alla filiera di lavorazione del tabacco in un paese che si Ŕ impegnato a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 42% entro il 2025.

Con questa scoperta il tabacco farÓ del bene alla salute del nostro pianeta!