• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Il Parco Nazionale delle Calanques (il primo parco periurbano d'Europa)
Pubblicato il 10/08/2017

CulturaFrancia

Twitter Facebook 3 condivisioni

Situato nel cuore della métropole d'Aix-Marseille-Provence, il Parco Nazionale delle Calanques fa parte dei dieci parchi nazionali presenti in Francia. È il primo parco periurbano d'Europa, sia terrestre che marino, ed è anche relativamente giovane (è nato solo nel 2012).

#calanque #parcnationaldecalanques #marseille

Une publication partagée par Evgeniya Cheglakova (@jenechka.che) le

Tracce di preistoria

Il Parco si, è nato relativamente da poco, ma questo affascinante territorio che si estende nei comuni di Marsiglia, Cassis e La Ciotat, racconta una storia tutt'altro che recente. Iniziamo ad esempio, con il parlare della Grotte des Trémies, una grotta sottomarina situata nel dipartimento di "Bocche del Rodano" (in Costa Azzurra) nel litorale delle Calanques di Marsiglia, dove negli anni '70 furono scoperti dei reperti riconducibili all'Uomo di Neanderthal. Sempre nel Parco, la "grotta Cosquer", una delle più interessanti grotte sommerse al mondo, nasconde la presenza di gaffiti preistorici scoperta nel 1991. Un sito quindi di importanza storica massima.

Calanques di Cassis, Francia

Calanques di Cassis, Francia
© macumazahn/123RF

L'uomo si accorge delle risorse

È la storia ad insegnarcelo ; l'uomo è curioso, e quando questa curiosità si trasforma in "un modo per fare soldi" è la fine per madre natura. A partire dal XIX secolo, le attività di pesca e pascolo iniziano ad interrompersi per lasciare spazio alle attività industriali d'estrazione di calce e cemento, lavorazione della pietra e fabbriche di carbone. E poi vennero le fabbriche chimiche, che scaricavano tutti i rifiuti nella calanque di Cortiou, rendendo le acque inquinate e trasformate in discariche.

Fortunatamente le industrie scomparirono nel XX secolo, e poco a poco, i massicci di Calanques iniziarono ad essere frequentati dagli Escursionisti Marsigliesi e da Club Alpini, che presero a cuore la zona e vi pianificarono dei sentieri con rifugi per le gite. Il massiccio attrae tutto l'anno numerosi visitatori ed escursionisti grazie alla vasta scelta dei percorsi tra il mare e i rilievi. Dalla calanque di Callelongue fino a Cassis, si contano 20 km e 11 ore di cammino per un esperto marciatore ; solo le calanque di Callelongue, Sormiou, Morgiou, Sugiton sono abitate e accessibili dalla strada.

#calanque #calanquedenvau #landscape #marseille #marsiglia #parcnationaldecalanques #erasmustraineeship #erasmus #trekking #nature #hiking #france #provence #unlimitedprovence #erasmustravellers

Une publication partagée par Marco Lorenzi (@h.insta.mine) le

La bellezza delle Falesie

Le falesie calcaree delle Calanques divennero un sito di arrampicata dalla fine del XIX secolo, quando il console britannico Francis W. Marco raggiunse la cima Grande Candelle. Da allora, questa zona divenne consacrata all'alpinismo per il gruppo degli Escursionisti marsigliesi e per il Club Alpino. Oggi le Calanques sono uno dei più celebri siti di arrampicata in Francia e in Europa. Le calanche si sono formate 120 milioni di anni fa ; a ovest di Cassis, il massiccio delle Calanques è costituto da calcare bianco con oltre 400 m di spessore. Con la formazione di vallate marine sono comparsi veri e propri fiordi in miniatura, i quali ospitano talvolta magnifiche insenature naturali.

Non dimentichiamo che il Parco comprende anche un bellissimo litorale che gode di un'ottima reputazione per le immersioni subacquee. Purtroppo, a causa di un incidente costato la vita ad un sub, la Grotta Cosquer è vietata come sito di immersione, ma sono molti i punti dove poter ammirare la vastissima varietà di fauna marina.

Curiosità :

Sapete che proprio ad est dell'Isola di Riou hanno ritrovato nel 2003, dopo più di sessantacinque anni il relitto dll'aereo militare dello scrittore Antoine de Saint-Exupéry ? Propio lui: il papà del Piccolo Principe.
Sapevate inoltre che Le Calanques hanno dato a profusione la magnifica "pietra di Cassis", la quale ha regalato la fama mondiale a tale porticciolo di pesca per la costruzione di alcuni dei più famosi porti del Mediterraneo (Alessandria, Algeri, Il Pireo, Marsiglia...).

#instacalanques #calanques #becdelaigle #riou #ilederiou #laciotat #lileverte #parcnationaldescalanques #nature #sea #beautiful #camaieudebleu #paca_focus_on

Une publication partagée par Caro (@carocaro04) le

Leggi anche:

Tra realtà e fantasia: i parchi tematici più belli (e alternativi)
Un regalo al Cile, nasceranno 5 nuovi parchi
I parchi più belli degli Stati Uniti
Dieci idee per l'estate in Italia