Pubblicato il 18/02/2017

#Novità #Bolivia

Il Martedi Grasso in Bolivia é tutta un'altra storia

Quando si sente parlare di Mardi Gras, subito si pensa al Carnevale creolo in New Orleans, o alle frittelle del Martedi Grasso a Venezia; ma se volete vedere qualcosa di diverso, seguiteci ad Oruro, in Bolivia, dove il carnevale lo organizzano gli indigeni.

celebrare l'identità

L'altopiano boliviano non é sicuramente tra gli ambienti più ospitali, vista l'altezza, le piogge, la povertà; é tuttavia un posto in cui la popolazione vi accoglierà molto calorosamente. Vista la diversità delle popolazioni che abitano lo stato, il presidente Evo Morales (primo presidente indigeno!) lo ha rinominato "Stato Plurinazionale della Bolivia", e forse il Carnevale di Oruro é l'evento che più rappresenta l'ecletticità e l'eredità indigena del paese.
Il festival dura 10 giorni, dal 18 al 28 di febbraio, ed é una tradizione ormai in voga da più di 200 anni. - saiko3p/123RF

Inizialmente non si trattava che di un evento organizzato esclusivamente da (e per) la popolazione indigena, ma dopo essere entrato a far parte nel 2001 dei Patrimoni orali e immateriali dell'umanità dell'UNESCO ha incorporato la tradizione cristiana della Virgen de Socavon, per coinvolgere almeno il 90% degli abitanti dello stato.

Parlare di religione in Bolivia é comunque un po' complicato: l'unione delle influenze cristiane e delle tradizioni indigene andine sfocia in venerazioni a dir poco particolari, come quella di "El Tio", rappresentante Satana! El Tio viene celebrato soprattutto dai minatori, che gli offrono in dono ogni sorta di regalo, dalle sigarette alle foglie di coca, in cambio di sicurezza durante il lavoro.

Al centro del carnevale boliviano c'é la Diablada, la danza del diavolo, guidata dal colorato personaggio di San Miguel; si tratta di una processione formata da 20.000 ballerini e 10.000 musicisti, che può durare fino a 20 ore!
Il festival attira ogni anno fino a 400.000 visitatori, quindi é consigliato prenotare in largo anticipo. Arrivare ad Oruro é semplice, basta prendere un autobus da La Paz, che costa sui 3 euro per una tratta che dura circa 3 ore.

Oruro é sempre stato un luogo di grande importanza religiosa e spirituale: in molti sono i pellegrini che scalano la montagna sacra di Urus. Oggi la capitale del folklore boliviano offre la possibilità ai turisti di imbarcarsi nel loro personale cammino spirituale, tuffandosi a capofitto nella storia e nelle leggende della popolazione locale con questo tributo alla tradizione indigena.

Insomma, perché andare a New Orleans quando c'é Oruro?