L'eredità di un surrealista: il giardino di Las Pozas in Messico
Pubblicato il 31/08/2017

Da non perdereMessico

Twitter Facebook 4 condivisioni

Un giardino di 320.000 m² in cui l'arte della natura si fonde con l'arte del surrealismo ; pronti a scoprire il meraviglioso mondo di Las Pozas ?

Un giardino nella giungla

Un giardino nella giungla
© quasarphoto/123RF

È tutta una questione di arte.

Un luogo incantevole e surreale si nasconde nei pressi di Xilitla in Messico ; Las Pozas è la creazione più sorprendente di Sir Edward James, eccentrico scultore britannico, amico di Salvador Dalì, che in un arco di tempo durato venti anni, ha dato alla luce un luogo in cui regna la magia. Nel 1947 James comprò un'enorme piantagione di caffé e vinto dalle bellezze del lato selvaggio del Messico ci visse per oltre 20 anni. Da qui impiegó tutta la sua vita alla costruzione di un giardino-eden, che inizialmente doveva ospitare orchidee e animali esotici. Purtroppo nel 1962 una gelata distrusse gran parte delle piante, ma Sir James non si diede per vinto e pensó alle sculture.

Il surrealismo immerso nel verde

Il surrealismo immerso nel verde
© quasarphoto/123RF

L'eccentrico artista passava sei mesi l'anno nella sua casa messicana appena fuori Xilitla e, approfittando dello spazio infinito che aveva, decise di posizionare le sue opere nel verdeggiante giardino incontaminato tra foreste, cascate e pozze d'acqua naturali. Ed ecco che hanno preso forma le costruzioni ispirate alla giungla, in armonia con il paesaggio e ognuna con il suo significato quasi mistico . Qui sono stati realizzati case, templi, pagode, nicchie, sculture, sentieri, ponticelli. Sono trentasei costruzioni di calcestruzzo immerse nel verde che caratterizzano questo luogo che stupisce i visitatori.

Tra i tanti artisti del movimento surrealista che si recavano a far visita a Sir Edward James, spiccano i nomi di Picasso, Magritte, Remedios Varo. Dalì, parlando del suo amico, lo descrisse come il "più folle di tutti i surrealisti messi insieme". Essendo lo scultore anche un grande animalista, nel suo giardino stanziavano molti animali tra cui lucertole, cervi e guacamaie.

Per terminare Las Pozas, ci vollero 35 anni (dal 1949 e il 1984) e il coinvolgimento di 150 persone, diventando una fonte di reddito per la popolazione locale. Il progetto costò 5 milioni di dollari, e lo costrinse a vendere all'asta la sua ampia collezione di opere surrealiste.
Ma alla fine James ce l'ha fatta, ci ha lasciato un'attrazione favolosa da visitare nell'angolo più selvaggio del Messico.

Leggi anche:

I mercati di Città del Messico, ecco dove e cosa comprare
110 anni di Frida ricordati attraverso i luoghi più iconici di Città del Messico
Scoprite le Islas Marietas: c'è una spiaggia che è una bomba

One of the most magnificent and captivating places I've ever been to #LasPozas #EdwardJames #SanLuis #Surrealism

Une publication partagée par Rodrigo Seira (@rseira273) le

What is it that inspired this man of noble birth from a well to do family in England to venture out and follow his ?? to one of the most hidden places in Mexico back in 1949 and build some of the most fascinating surrealist structures which would become the popular attraction of Xilitla - Lugar de Cozoles - The Place of the Sea ?? stay tuned for my next blog post ?#xilitla #aculturame #edwardjames #surrealism #surrealismo #laspozas #laspozasdeedwardjames #wordpressblog #lonelyplanet #lonelyplanetmexico

Une publication partagée par La Potosina (@aculturame) le