Pubblicato il 20/09/2015

#Curiosità #Spagna

la sfida di Oscar, a Santiago in carrozzina

Il cammino di Santiago è un sogno e un obiettivo per molti di noi che siamo innamorati del viaggio, ma quanti possono sperare di farlo se costretti su una sedia a rotelle? È più che un sogno, è una possibilità, e ce lo insegna Oscar Jimenez: un coraggioso ragazzo spagnolo autore del libro: Imposible.

Una grossa negligenza medica, nel marzo 2012, costrinse il giovane Oscar Jimenez alla semiparalisi dopo che un'operazione all'ernia finì in un incubo, con la totale perdita di sensibilità di una gamba, la compromissione della vista e la perdita dell'udito dall'orecchio sinistro. Giovedì 17 settembre, poco più di tre anni dopo, il giovane è partito per affrontare gli 800 chilometri che vanno da Roncisvalle a Santago de Compostela.

El Reto, la sfida, è cominciata un anno fa con la ricerca degli sponsor, e una moltitudine di aziende e fornitori hanno risposto all'appello di Oscar fornendo la sedia a rotelle e numerose altre donazioni. Un amico si occuperà di guidare un furgone che servirà da appoggio e officina nel caso di problemi tecnici e lo accompagnerà per tutto il cammino.

Un'impresa a fin di bene

Un'impresa a fin di bene © OscarJimenez

La previsione è di terminare l'impresa entro il 25 settembre con l'arrivo nel capoluogo Galego dopo aver attraversato completamente il nord della Spagna e aver trovato la compagnia e l'incoraggiamento di una moltitudine di pellegrini che portano la conchiglia di Santiago.

La missione di Oscar Jimenez, oltre che una sfida personale, ha anche un doppio scopo sociale: l'intenzione è di porre l'accento sull'importanza del turismo accessibilie anche ai portatori di handicap, mentre sul sito ufficiale dell'impresa, infatti, è in atto una raccolta fondi per la ricerca sulle lesioni spinali.
Un grande in bocca al lupo a Oscar per la sua impresa, vi terremo aggiornati!