Pubblicato il 12/06/2017

#Natura #Italia

Il sentiero dei setteponti, un percorso adatto a tutta la famiglia

Percorrete le strade solcate da Leonardo da Vinci, veri percorsi storici immersi nella natura Toscana, paesaggi da sogno di cui godere con tutta la famiglia

attraversare la toscana tra storia e natura

attraversare la toscana tra storia e natura © zoomteam/123rf

Percorso storico che attraversa paesaggi tanto diversi tra loro quanto stupendi, il cammino dei setteponti si dirama su un sentiero fatto di vigneti, uliveti e incredibili formazioni morfologiche partendo dalla cittadina di Pieve di Cascia. Dalla provincia di Firenze, attraversa poi Reggello al ponte, il borgo di Castelfranco di sopra, Montemarciano e San Giusto Valdarno per arrivare, infine, a Buriano di Castiglion Fibocchi.

Un percorso che attraversa quindi non solo tratti di natura incontaminata, ma anche piccole cittadine dal grande valore storico e culturale, assolutamente da visitare. Interamente sviluppato su strade secondarie asfaltate, ideali da percorrere in bicicletta, il cammino attraversa paesaggi unici, con viste sui bei vigneti e sui colli di ulivi, per poi regalare lo spettacolo unico delle Balze del Valdarno.

Ma quali sono le origini di questa strada che si è vista calpestata da personaggi del calibro di Da Vinci? Ebbene, la sua storia comincia molto prima dell'uomo vitruviano: furono infatti gli Etruschi a creare questo collegamento importante, che si vide molto utile nel Medioevo non solo per connettere la zona di Firenze e dintorni, ma anche per giungere a piedi (o a cavallo) fino alla città eterna; si tratta infatti di una via alternativa alla via Francigena, in quanto a partire da Arezzo segue la via dell'Alpe di Serra.

Altra curiosità su questa via è il suo nome: Setteponti (o Sette ponti che dir si voglia) non deriva infatti tanto dal numero di ponti che si trovano lungo il perorso (molti più di sette), ma si riferisce al fatto che la camminata presenta diversi passaggi sopra i torrenti che da Pratomagno scendono lungo il Valdarno. Il numero sette venne mantenuto in quanto nella simbologia medievale era considerato un numero dal forte significato religioso: all'epoca, infatti, il sette rappresentava l'infinito.

I ponti del cammino erano costruiti in pietra e con una struttura a schiena d'asino ad arco unico, come molti ponti romani. Uno, tuttavia, presenta sette arcate: si tratta di ponte Buriano, che ancora oggi conserva inalterata la sua bellezza. Questo ponte, attraversato dai grandi studiosi dell'Umanesimo per giungere alla bella Firenze, è forse colui che diede il nome alla via con le sue sette arcate.

Lungo i cammino, tra i borghi e la natura, troverete anche antiche pievi romaniche, e chiesette millenarie, luoghi che hanno ispirato le opere di artisti del calibro di Masaccio, Piero della Francesca e Leonardo; quest'ultimo s'ispirò proprio ai paesaggi della zona per creare lo sfondo della celebre Gioconda.

Il tempo di percorrenza del cammino dei Setteponti è di circa 3 giorni, se lo si vuole attraversare interamente a piedi e pernottando in tenda o nei paesini di passaggio; in realtà però è anche possibile fare un breve percorso in giornata, scegliendo uno dei tratti a piacere. Che ne percorriate solo un tratto o che attraversiate la Toscana per intero, non vi preoccupate della difficoltà: il cammino è adatto a tutti e non ci sono dislivelli importanti. Particolarmente pittoresco, è un percorso consigliato a persone di tutte le età, grandi e piccini, per ritrovare il contatto con la natura e sentirvi parte di un dipinto paesaggistico rinascimentale.