• Connettiti
La nuova capitale del Burundi è Gitega
Pubblicato il 31/01/2019

FormalitàBurundi

Twitter Facebook

Il presidente Nkurunziza ha deciso che la nuova capitale del Burundi sarà Gitega; nei prossimi tre anni tutti gli uffici amministrativi saranno spostati.

Il Burundi cambia capitale

Il Burundi cambia capitale
©Peter Hermes Furian/123rf

Tutti gli uffici amministrativi di Bujumbura, in Burundi, verrano spostati a Gitega, la nuova capitale. Questa decisione, presa dal presidente Nkurunziza, ha suscitato non poche polemiche nell'opposizione, che ha sempre accusato il presidente di autoritarismo. La giustificazione si questo spostamento è puramente geografica: mentre Bujumbura si trova a ovest, sulle rive del lago Tanganyka, Gitaga è più centrale, e quindi più consona come capitale.
Il presidente, aveva avanzato tale richiesta già nel 2007, due anni dopo essere stato eletto; Bujumbura, essendo controllata da partiti anti-presidenziali, è stata teatro di manifestazioni di protesta contro il governo che causarono scontri violenti, morti e feriti.

Le polemiche sull'opportunismo politico non sono mai cessate. Nel 2017, anche le Nazioni Unite hanno affermato che il governo ha commesso crimini contro l'umanità nei confronti degli attivisti e, lo stesso presidende con il gruppo della lega giovanile del partito del governo, sono stati indicati come i diretti responsabili.

Tra le nazioni più povere al mondo, il Burundi, è stato teatro di una violenta guerra civile che ha causato 300.000 morti, causata dalla rivalità tra hutu e tutsi (i noti Vatussi) e durata dal 1993 al 2005. Oggi si stimano circa 345.000 burundesi che vivono come rifugiati nei paesi confinanti. Da quando nel 2005, il leader ribelle Pierre Nkurunziza è salito al governo, i moti di protesta non si sono mai fermati. Il Presidente è noto per i suoi metodi governativi autoritari, sottolineati dalla rielezione (non prevista) per il terzo mandato consecutivo.

Hutu e Tutsi

La rivalità di questi due gruppi è riconducibile storicamente alla loro differenza sociale: gli Hutu rappresentano la maggioranza etnica, ma i Tutsi costituiscono l'élite economica e sociale. Le politiche coloniali adottate dal Belgio e dalla Germania hanno sicuramente marcato ancora di più la differenza tra le due etnie che, inevitabilmente, si è tramutata in una feroce guerra civile, culminando, nel 1994, nel sangunoso Genocidio perpetrato dagli Hutu ai danni dei Tutsi, in Ruanda .