Pubblicato il 16/05/2017

#Cultura #Norvegia

La festa nazionale norvegese è dei bambini

Una serie di celebrazioni coinvolge l'intero paese scandinavo il 17 maggio. Tra parate, bambini e gelati, questa festa nazionale è davvero unica al mondo!

la parata con banda e bambini

© Nataliia Anisimova/123RF

A differenza degli altri paesi, in Norvegia la festa nazionale non è fatta di parate militari ma tutto gira intorno ai bambini. Il 17 maggio 1814 è stata firmata la Costituzione Norvegese; questa data però assunse l'importanza che ha oggi solo nel 1860, quando Bjornstjerne Bjornson (l'autore dell'inno nazionale norvegese) prese l'iniziativa di far sfilare i bambini a Oslo (che all'epoca si chiamava Christiania).

Il giorno della celebrazione inizia con una colazione in compagnia di amici e vicini di casa, colazione a base di pane appena sfornato, uova strapazzate, salmone affumicato e... champagne! Quale modo migliore per cominciare la giornata?

Nella mattinata, bande musicali aprono la strada a migliaia di bambini che sfilano con le bandiere del paese gridando "Urrà!". Al loro passaggio davanti al palazzo reale di Oslo , i partecipanti alla parata vengono salutati dalla famiglia reale.

i bambini al centro delle celebrazioni

© Alexey Ivanov/123rf

L'aspetto nazionalistico viene "ammorbidito" dalla presenza dei bambini, il che fa di questa festa un evento condiviso da gran parte della popolazione. Molti indossano i budad, i costumi tradizionali norvegesi, di colori e stili diversi in base alla provenienza degli antenati di chi li indossa. I russ, giovani studenti che stanno per diplomarsi, indossano invece tute rosse e blu che indicano la fine di 13 anni di studio.

i bunad

© Alexey Ivanov/123rf

Durante la celebrazione si mangiano gelati e hot dog, mentre nel pomeriggio si svolgono discorsi e altre attività nelle varie comunità locali. La festa è un'ottima occasione per conoscere lo stile di vita dei norvegesi.