• Connettiti
Lascaux 4: la Sistina della Preistoria integrale
Pubblicato il 09/12/2016

CulturaFrancia

Twitter Facebook

Sono passati settantasei anni da una delle scoperte francesi più importanti del panorama archeologico mondiale; il 10 dicembre, il Presidente Hollande, inaugurerà la replica esatta delle Grotte di Lascaux in 3D.

Le grotte riprodotte

Le grotte riprodotte
EstebanDeArmas/123RF

È tutto pronto a Montignac, il Centre International de l'Art Pariétal verrà inaugurato il 10 Dicembre dal presidente Francois Hollande e vedrà al centro dell'attenzione il Lascaux 4, ovvero la riproduzione integrale dei 900m2 delle grotte scoperte per caso nel settembre tra 1963. Mentre Lascaux I e Lascaux II, rappresentano solo una piccola parte del grande complesso di pareti rupestri, la IV versione ne è la fedele riproduzione al millimetro quadrato. Ogni parete originale é stata scansionata e digitalizzata in 3D; con circa 50.000 foto ad alta definizione, circa trenta artisti sono stati impegnati per tre anni di seguito nella ricostruzione fedele delle grotte francesi. Il progetto, giudicato non prioritario e troppo costoso inizialmente, era stato bloccato dallo stesso Hollande nel 2012, ma i vari politici locali sono riusciti a sbloccare 4 milioni di euro dal bilancio per continuare la ricostruzione.

Il complesso puo' essere suddiviso in 5 sale di pitture: la grande sala dei tori, il passaggio laterale, la lancia dell'uomo morto, la galleria dipinta, il diverticolo dei felini. Dal 1963, le grotte di Lascaux vennero chiuse al pubblico per i danni causati dal turismo di massa, che aveva visibilmente danneggiato le pitture. Quando nel 1983, venne aperta Lascaux II, la riproduzione di 200 metri di grotte, essa divenne la principale meta turistica della Dordogna; nel 2012 fu il turno di Lascaux III, un progetto itinerante che ha visto l'esposizione delle riproduzioni delle grotte in giro per il mondo. Lascaux 4, é uno straordinario network di grotte dalle fedelissime riproduzioni, dove il turismo potrà svilupparsi senza arrecare nessun danno alle originali pitture.

Finalmente potremo ammirare i famosissimi dipinti risalenti a 22.000 anni fa, che hanno definito le Grotte di Lascaux come la Sistina della Preistoria.