Pubblicato il 30/10/2020

#Cultura #Messico

I luoghi di Frida Kalho e l'abbraccio amorevole dell'universo

Frida Kahlo ha sicuramente scosso il mondo con il suo carisma, la sua arte e il suo pensiero controcorrente diventando una figura emblematica dell'arte al femminile (e femminista) messicana. Oggi, passando in rassegna i luoghi di Città del Messico che ancora gridano silenziosamente del suo passaggio, raccontiamo la storia di questa donna tanto forte e rivoluzionaria quanto fragile.

<strong></strong>

© Satori/123RF

Frida Kahlo è una pittrice messicana simbolo della rivoluzione sociale e artistica del suo paese e grande emblema dell'emancipazione e della forza dell'espressione al femminile ovunque nel mondo, tanto che il Messico le ha dedicato una guida della capitale in cui i luoghi storici della città sono presentati attraverso la prospettiva dell'artista.

Coyoacan

Uno, tra i luoghi più emblematici che hanno segnato la vita di Frida Khalo spicca soprattutto il quartiere in cui visse, Coyoacan.

Si tratta di uno dei primi quartieri nati a Città del Messico (che ricordiamo, oggi vanta una delle densità di popolazione e urbanizzazione tra le più alte al mondo) e la zona è caratterizzata dai colori forti e brillanti, dalla musica, dagli angoli nascosti e dalle affascinanti viette di stile barocco ispanico. Attorno a questa zona sorgono diverse librerie, centri culturali, ristoranti e gallerie, che ne fanno un luogo culturalmente frizzante e stimolante.

Poco lontanto potrete scorgere la casa di Frida dove visse con Diego Rivera (sebbene si tratti di due edifici separati, uniti da un ponte); la struttura oggi è visitabile e ed è un luogo emblematico per la loro relazione, la storia d'amore e sofferenza di una coppia che, per molti, rappresenta la vera essenza del Messico rivoluzionario del XX secolo.

<strong></strong>

© Satori/123RF

Ma chi era Frida?

Abbiamo trattati, libri, musei, articoli che, da diversi punti di vista, ci raccontano l'artista attraverso la sua genialità ma anche attraverso la sua umanità piena di dubbi, decisioni, sofferenze che tanto si avvicinano ai sentimenti che ognuno di noi affronta, con forza, nella vita quotidiana.

Visualizza questo post su Instagram

?Quando penso alle icone penso alle immagini sacre bizantine, ieratiche, magnetiche, irraggiungibili, come se avessero un velo sottile protettivo, ma allo stesso tempo vicine. Ecco Frida Kahlo viene spesso raccontata come Icona, lo è per molti aspetti, ma a differenza delle immagini sacre, lei è vicinissima, umanissima, viva e racconta attraverso la scrittura e la pittura il suo modo di guardare il mondo, l'Universo e l'amore. Un incidente è tale perché ?incide?, modifica un percorso di vita e Frida ne ha avuti tanti, fisici e dell'anima, ma non si è mai risparmiata dal raccontarceli, li ha resi catartici attraverso l'arte per elaborarli, per trasformarli in ossessione e per dimostrarci tutta la sua disarmante UMANITÀ.? Di questo e di molto altro, parleremo mercoledì alle 19 su Supernova Community. ????????????? Se ancora non sei iscritt* a Supernova e non vuoi perderti questo e tutti gli altri appuntamenti mensili, basta andare nel link in Bio su @supernova_community ????? ? #fridakahlo #supernovacommunity #palladium

Un post condiviso da Michele D'e? (@mich_eledeb) in data:

Ed è così che Michele D'Eboli, con la sua dolcezza e con una brillante chiave di lettura ci racconta di una Frida-donna che si riflette nelle opere dell'artista che tutti amano. "Quando penso alle icone penso alle immagini sacre bizantine, ieratiche, magnetiche, irraggiungibili, come se avessero un velo sottile protettivo, ma allo stesso tempo vicine. Ecco Frida Kahlo viene spesso raccontata come Icona, lo è per molti aspetti, ma a differenza delle immagini sacre, lei è vicinissima, umanissima, viva e racconta attraverso la scrittura e la pittura il suo modo di guardare il mondo, l'Universo e l'amore. Un incidente è tale perché "incide", modifica un percorso di vita e Frida ne ha avuti tanti, fisici e dell'anima, ma non si è mai risparmiata dal raccontarceli, li ha resi catartici attraverso l'arte per elaborarli, per trasformarli in ossessione e per dimostrarci tutta la sua disarmante UMANITÀ", queste le parole che descivono l'interessante incontro L'ABBRACCIO AMOREVOLE DELL'UNIVERSO - LUCI E OMBRE DI FIDA KAHLO" dedicato a Frida e che Michele D'Eboli ha organizzato il 28 ottobre in diretta live, emozionando tutti e facendoci sentire parte di un mondo che a volte picchia forte ma che è sempre bene affrontare, qualsiasi sia il risultato.

E' possibile rivedere l'incontro entro il 4 novembre cliccando qui .

Facciamoci avvolgere dall'abbraccio amorevole dell'universo.