La fioritura dei Sakura giapponesi
Pubblicato il 20/03/2016

CulturaGiappone

Twitter Facebook 142 condivisioni

Chiudete gli occhi ed immaginate un viale lunghissimo, ai lati uno di fianco all'altro si innalzano i Sakura in fiore e un leggero venticello primaverile trasporta nell'aria tanti petali rosa che poi si adagiano sul viale rustico. Riuscite a visualizzarlo? É questa la vera essenza dell'Hanami, la festa nazionale Giapponese in cui si 'ammirano i fiori', tradizione che oggi fa il giro del mondo.

  • Twitter
  • Facebook
  • Hanami
    Hanami
1

Miti,leggende e credenze

La primavera trasforma alcune delle più caratteristiche località del Giappone in una distesa di giardini meravigliosi ; tra la fine di aprile e gli inizi di marzo le terre del Sol Levante subiscono una metamorfosi, diventano un tempio a cielo aperto, dove i Sakura, gli alberi di ciliegio, ne sono i protagonisti. Ci sono due leggende in particolare che ruotano intorno a questo evento ; nella prima, il protagonista é un sacerdone del VII secolo chiamato En-No Ozuno che per primo pianto' i Sakura in Giappone lanciando una maledizione per chi li avesse abbattuti. L'altra é una storia mitica ; la divinità Konohana-Sakuyahime fece la sua prima apparizione terrestre impossessandosi di un albero di ciliegio con il suo spirito, e da allora i giapponesi si riuniscono in un particolare periodo dell'anno sotto i ciliegi in fiore per offrire alla dea preghiere in cambio di un raccolto ricco. Spesso l'Hanami è citato anche per parlare del legame con l'aldilà ; diffusa è la credenza che i morti siano sepolti sotto ai ciliegi, o le credenza popolare che bere una bevanda in cui sia caduto un petalo sia di buon auspicio.

Le previsioni della fioritura e il pic nic

Non esiste un giorno preciso per la fioritura dei Sakura, questo perché la data varia a seconda della regione e del clima. Comunque, il periodo inizia da fine marzo fino alla metà di maggio, e durante l'intero periodo i Giapponesi partono per piccoli viaggi o visitano i parchi cittadini organizzando pic nic ricchi di dettagli ricercati come i teli azzurri, che vengono sistemati sutto i ciliegi in fiore. Si mangiano delle deliziose polpette di riso color rosa, bianche e verdi, i colori della primavera. I festeggiamenti iniziano col sorgere del sole e continuano fino a notte fonda ; con il buio l'Hanami diventa infatti Yozakura (la notte del ciliegio): per questa suggestiva festa vengono allestiti stand di cucina, si canta e si beve sake, alla luce delle tradizionali chochin, le colorate lanterne di carta. Il vero spirito della festa, dovrebbe però rimanere quello legato alla contemplazione della natura che torna alla vita. Sarebbe il caso di lasciarsi tentare!

Hanami presa in prestito nel mondo

Sebbene si tratti di una tradizione strettamente giapponese, é possibile festeggiare l'Hanami anche in altre parti del mondo ( con lo stesso significato). Uno degli appuntamenti più conosciuti é l'Hanami di Roma ; al laghetto dell'Eur é possibile passeggiare all'ombra di autentici Sakura giapponesi da fine Marzo a metà Maggio e la passeggiata ha il nome specifico di Passeggiata del Giappone. La passeggiata è stata istituita nel 1959 quando il 20 luglio, in vista delle Olimpiadi di Roma del 1960, il Primo Ministro del Giappone, Nobusuke Kishi, donò alla Città di Roma 2.500 ciliegi da fiore giapponesi. L'Hanami di Roma mette in pratica anche uno dei principi della fratellanza tra popoli della festa stessa, sintetizzati negli haiku( componimento poetico in Giapponese), Sotto gli alberi di Ciliegio nessuno è straniero.

Se avevi già progettato di andare a Brooklyn, non perderti la fioritura del Botanic Garden! Se invece ti trovi a Parigi, o hai deciso di prenotare per Pasqua, passa una bella Pasquetta al Parc De Sceau e goditi lo spettacolo dell'Hanami!