• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Aeroporti plastic free: l'iniziativa ecologica degli scali
Pubblicato il 14/10/2019

EcoturismoStati Uniti

Twitter Facebook 3 condivisioni

Ancora troppo pochi, ma importanti, i passi intrapresi da alcuni aeroporti per azzerare il consumo di plastica. Contributi significativi per ridurre la quantità di rifiuti inquinanti sul nostro Pianeta.

<strong></strong>
© lightfieldstudios/123RF

Contenere gli sprechi è diventato, negli ultimi anni, un'obiettivo comune a molte aziende, incentivato da una crescente domanda di prodotti zero-waste. Dopo il ritorno a Londra della consegna del latte in vetro a domicilio, gli aeroporti stanno procedendo verso una rotta più ecologica.
Lo scalo di San Francisco ha bandito la plastica monouso e prevede di diventare il primo "spazzatura zero" al mondo della sua categoria entro il 2021. Viaggiano sulla stessa lunghezza d'onda gli aeroporti di Firenze e Pisa, decisi a ad assurgere al titolo di primi aeroporti europei 100% plastic free.

Aeroporto San Francisco: addio plastica

Voir cette publication sur Instagram

#sanfranciscoairport??? first airport in the world to ban plastic bottles from all vendors. Now mandatory. @pathwater smart looking bottles.

Une publication partagée par Judith Tatar (@tatarjudith) le

Non ci sono più bottiglie di plastica nel San Francisco International Ariport. Non è più possibile venderle nei bar, negozi, ristoranti o distributori automatici.
Per arginare i problemi relativi alla consumazione d'acqua, sono state installate delle fontane, all'esterno e all'interno del gate. Basterà acquistare in loco o portare con sé le apposite borracce di alluminio, oppure comprare l'acqua dstribuita esclusivamente in materiali riclabili, come vetro o, ancora una volta, alluminio.
I viaggiatori dovranno rinunciare ai polinomeri inutili, in favore di materiali compostabili e biodegradabili. Proprio per questo motivo, i passeggeri potranno richiedere solo laddove necessario le confezioni monouso per i pasti; gli esercizi commerciali non saranno più obbligati a distriburli. Le scelte dell'aeroporto californiano fanno parte di un piano strategico quinquennale lanciato nel 2016, finalizzato a trasformare la città americana in un centro zero sprechi.

Toscana Aeroporti dice NO alla plastica

Voir cette publication sur Instagram

Al via il progetto "Toscana Aeroporti Plastic Free" che si svilupperà in tre fasi al termine delle quali i due aeroporti di Pisa e Firenze saranno 100% plastic free. L'iniziativa è stata presentata oggi in presenza dei Sindaci di Firenze e Pisa @dario_nardella e Michele Conti, del Presidente di Publiacqua, Lorenzo Perra, del Presidente di Acque Giuseppe Sardu e del vicepresidente di #toscanaaeroporti Roberto Naldi. #nonfarelostruzzo #plasticfree #toscanaaeroporti #stoplastic #recupero #riciclo

Une publication partagée par TOSCANA AEROPORTI (@toscanaaeroporti) le

Si accoda alla linea green anche Toscana Aeroporti; lo scopo è quello di fare dei due scali di Firenze e Pisa i primi europei ad essere liberi al 100% dalla plastica e predisposti al recupero dell'acqua.
Il progetto prevede 3 macro-fasi. La "Recupero e Riciclo" nasce dalle difficoltà nello smaltimento delle bottiglie d'acqua dei passeggeri ai controlli di sicurezza. In prossimità di questi ultimi, la società ha collocato dei raccoglitori che prevedono lo svuotamento di acqua e l'inserimento dei rifiuti plastificati negli apposti luoghi dedicati. L'acqua raccolta non sarà sprecata, ma verrà riutilizzata all'interno degli impianti aeroportuali. La "Stop Plastic" prevede l'installazione delle fontanelle di acqua potabile - sul modello californiano -, nell'area interna ed esterna dello scalo. L'ultima fase (100% Plastic Free), infine, bloccherà la vendita e l'utilizzo di plastica negli aeroporti.