• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
La Thailandia libera gli elefanti: non saranno più trasportatori
Pubblicato il 07/04/2020

EcoturismoThailandia

Twitter Facebook 4 condivisioni

Con la pandemia di coronavirus che tiene lontani i visitatori, i parchi degli elefanti stanno chiudendo e l'industria teme che gli animali possano ritrovarsi a vagare in giro per la città...

<strong></strong>
© bloodua/123RF

Più di dieci anni fa, era comune che i proprietari di elefanti portassero i loro animali nelle città della Thailandia e chiedessero l'elemosina per le strade. Altri elefanti, invece, venivano messi a lavorare da boscaioli illegali lungo il confine con il Myanmar per raccogliere il legname e portarlo fuori dalla foresta.

Gradualmente, la Thailandia è riuscita a ridurre tali pratiche e a migliorare la vita degli elefanti addomesticati. Ma ora, il coronavirus che sta contagiando gli esseri umani in tutto il mondo potrebbe minacciare di annullare questo grande passo.

Un calo improvviso di turisti stranieri ha costretto la chiusura di decine di parchi di elefanti e attrazioni turistiche simili. Più di 1.000 elefanti della Thailandia sono senza lavoro ma, se da un lato siamo felici di sapere che questi bellissimi esemplari siano a riposo, dall'altra c'è molta incertezza sul loro futuro.

L'epidemia iniziale in Cina ha portato a un improvviso calo dei visitatori in Thailandia, poiché entrambi i Paesi hanno limitato gli spostamenti. Nel 2019, la Cina ha contribuito a più di un quarto dei 40 milioni di turisti tailandesi.

La Thailandia ha circa 3.800 elefanti addomesticati. Liberarli nella foresta, dove vivono circa 3.000 elefanti selvatici, non è un'opzione, perché è illegale secondo la legge thailandese; nella foresta, gli elefanti addomesticati potrebbero competere con le controparti selvagge.

Gli elefanti sono il simbolo nazionale della Thailandia. Alcuni sono stati utilizzati nelle operazioni di disboscamento per generazioni prima del 1989, anno in cui la Thailandia, di fronte alla rapida distruzione delle sue foreste, ha vietato quasi tutto il disboscamento commerciale.