• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Gli ecovillaggi, un altro modo di vivere
Pubblicato il 15/01/2020

EcoturismoItalia

Twitter Facebook 4 condivisioni

Pensiamo ingenuamente che gli ecovillaggi siano una scoperta recente, il risultato di una moda seguita alla sensibilizzazione contemporanea nei confronti dell'ambiente...e, invece, ci sbagliamo. Queste comunità "verdi", da anni sul territorio italiano, scelgono di vivere cercando di non danneggiare il pianeta.

Esistono luoghi estranei allo scorrere del tempo, lontani dalla folla metropolitana e dalla cultura capitalista europea le cui parole d'ordine sono: autosufficienza, solidarietà, coesione.
I valori fondativi di queste comunità risuonano obsoleti e retorici alle orecchie di chi è nato e cresciuto in una società profondamente dipendente dalle regole del mercato.

<strong></strong>
©paulphoto/123rf

La risposta di questi ecovillaggi sparsi per l'Italia è quasi univoca: tornare all'autosussistenza senza dimenticare i progressi fatti nel campo delle energie rinnovabili o nell'alimentazione biologica, vegetariana e vegana e poi case a basso impatto ambientale costruite in legno o pietra, alimenti coltivati nei propri terreni, sistema paritario e mansioni intercambiabili.
Di seguito qualche realtà, tutta italiana, che vi consigliamo di andare a trovare!

Il "popolo degli elfi" di Sambuca Pistoiese, in Toscana, è un ecovillaggio apparentemente cristallizzato in un periodo storico decisamente distante dal 2020: le case sono in pietra, non sono dotate di elettricità e sono il frutto di un lavoto di recupero di vecchi ruderi.
Il cibo non viene acquistato da centri esterni alla comunità ma è autoprodotto: vegetali ed erbe spontanee rappresentano, insieme agli animali allevati, le fonti primarie di sostentamento che, una volta pronte per essere mangiate vengono suddivise tra i membri del villaggio.

Voir cette publication sur Instagram

Oggi vi portiamo a Sambuca Pistoiese, un piccolo comune in provincia di Pistoia. La cosa bella della Toscana è che anche il più piccolo dei borghi regala panorami inaspettati. ?? ?? @eleonoragherardini.photography . . . ???? Today we are in Sambuca Pistoioese, a small hamlet in the mountains near Pistoia. Because one of the most incredible thing about Tuscany is that also the smallest village can gift us a wonderful view. ?? . . . #conoscerelatoscana . . . . . . . . . . . #sambucapistoiese #pistoia #mountains #tuscany #toscana #italia #italy365 #igerstoscana #hamlet #smallvillage #toscananofilter #toscana_friends #toscana_super_pics #toscana_amoremio #bestplacetovisit #bestplacetogo #travellover #earthofficial #earth_portraits #amazing_shots #landscapelovers #landscape #masterpiece #travelling #placetogo #placeiwanttovisit #awsome_earthpix #awesome

Une publication partagée par Conoscere la Toscana (@conoscerelatoscana) le

La "comune di Bagnaia" si trova in provincia di Siena ed è nata nel 1979.
Anche qui, come nel caso della comunità del popolo degli elfi, "condivisione" è la parole d'ordine.
Risorse umane ed economiche, spazi della casa, momenti di pausa, in questo villaggio quasi ogni cosa è condivisa (tranne la camera da letto, privata).
Nella comune di Bagnaia si disimpara l'individualismo al quale si cerca di sostituire, lentamente, un senso forte di appartenenza comune.

Voir cette publication sur Instagram

And where will this road take me?! ???? . . . . . . . . #wearehilton #thrive #gptw #hiltoncareer #officeview #hiltonitaly #tuscanstory #labagnaiaresort #becurious #resortlife #visittuscany #golfresort #spahotel #inspiredevents #tuscanybuzz

Une publication partagée par Marko Sekulic (@markoszglab) le

L'ecovillaggio "Lumen", in Emilia Romagna, è una comunità nata nel 1992 che cerca, oltre all'autosussistenza, di diffondere messaggi di pace e rispetto nei confronti degli altri esseri viventi e della natura stessa.
Le giornate aperte per conoscere meglio il villaggio sono diverse e offrono numerose attività alle quali è possibile partecipare per avvicinarsi alla mentalità della comune.

Voir cette publication sur Instagram

Autunno nel parco del Castello. ?????? Il Castello di San Pietro in Cerro ospita una mostra di arte contemporanea, di cui fanno parte anche le due statue esposte in giardino. _________________________________ #sanpietroincerro #castellodisanpietroincerro #dimorestoricheitaliane #castello #castle #quattrocentoitaliano #vivopiacenza #igerspiacenza #ig_piacenza #ripensandopiacenza #piacenzadiario #piacenzaonline #piacenza_postcards #volgo_piacenza #volgoemiliaromagna #clickfor_piacenza #clickfor_emiliaromagna #igersemiliaromagna #inEmiliaRomagna #loves_emiliaromagna #vivoemiliaromagna #yallersemiliaromagna #Thehub_Italia #meeters #borghisuperscatti #phoenix_italy #igpic_emiliaromagna #thehub_emiliaromagna

Une publication partagée par Teresa (@mt_ph) le

"Urupia" a Francavilla Fontana è una comune libertaria situata nel Salento le cui credenze sono fortemente radicate nel concetto di assenza della proprietà privata.
Gli spazi a disposizione dei membri sono estesi, circa 1500 mq tra esterni e interni.
Nel caso in cui vogliate trascorrere qualche giorno in questo villaggio d'ispirazione marxista, sappiate che è possibile, a patto di partecipare alle attività proposte dalla comune.
Diversa è la cifra del "villaggio verde" di Cavallirio, in Piemonte, nato agli inizi degli anni '80 da un'idea di Bernardino del Boca.
Il suo desiderio? Creare una comunità attenta alla ricerca di un'armonia con se stessi, la natura e il mondo circostante.

<strong></strong>
© milla74/123RF

Il "giardino della gioia" nel comune di San Nicandro Garganico, in Puglia, è un ecovillaggio immerso in un uliveto secolare all'interno del parco nazionale del Gargano.
Anche qui l'autosufficienza è la colonna portante del villaggio: sia l'energia che il cibo sono frutto del lavoro dei membri della comunità che insieme collaborano e si sostengono nelle difficoltà senza alcun ausilio esterno.

Voir cette publication sur Instagram

Prima gita della stagione: Giardino della Gioia! Un meraviglioso ecovillaggio non lontano da qui: un'immersione nella natura, nelle relazioni umane, nella creatività! Guardate che meraviglia ?? Gratitudine ?? #sognamondoinsieme #vacanzeecosostenibili #cucinavegana #sognamondo12anni #andamentolento #ambiente #km0 #estate2019 #convivialità #puliziadellespiagge #summer #vegan #lovezerowaste #healtyfood #nature #lestatechiamaagranvoce #andamentoumano #bellezza #Puglia #gargano #zerowaste #y #giardinodellagioia #healtylifestyle #holistic #ortonaturale

Une publication partagée par Associazione Sognamondo (@associazione_sognamondo) le

L'"ecovillaggio di Upacchi", in provincia di Arezzo, si distingue dalle altre comunità elencate per la cura che mostra di avere per le erbe medicinali e i giardini.
L'acqua viene costantemente depurata senza ricorrere all'uso del cloro, le abitazioni, quattro in totale che ospitano diverse famiglie tutto l'anno, sono costruite con materiali naturali e scaldate grazie alla legna.

Voir cette publication sur Instagram

Con l'amica @sonobarbarella, apprezziamo uno scorcio di #Anghiari (AR). Gli anghiaresi conservano uno spirito battagliero che deriva loro dalla visione quotidiana della pianura ai piedi del borgo medievale, intorno a cui si agitano ancora gli spiriti dei guerrieri che presero parte alla Battaglia d'Anghiari. Scopri di più: https://borghipiubelliditalia.it/borgo/anghiari #borghitalia #borghipiubelli #borghipiubelliditalia #italiait #ilikeitaly #italianvillages #borghiviaggioitaliano #charmingitaly #visittuscany

Une publication partagée par I Borghi Più Belli d'Italia (@borghitalia) le

Potete trovare tutte le info su questi ecovillaggi qui.