Foliage in Italia: le 6 destinazioni da non perdere
Pubblicato il 19/09/2020

Da non perdereItalia

Twitter Facebook 12 condivisioni

Benvenuto, autunno! Le foglie degli alberi si tingono di un tripudio di colori; dal giallo virano all'arancio, per poi trasformarsi da rosse a marroni. Se non sapete ancora dove ammirare il foliage in Italia, vi offriremo qualche idea tra queste righe.

<strong></strong>
© Smileus/123RF

L'estate sta volgendo al termine, dobbiamo rassegnarci. Tuttavia, l'autunno con i suoi magici toni caldi offre piacevoli spunti di viaggio agli eterni turisti e a chi non si ferma davanti all'arrivo delle temperature fredde.
Il foliage è un'ottima scusa per fare le valigie. Per chi non lo conoscesse, è il fenomeno per cui nei mesi autunnali le foglie degli alberi decidui - "non sempreverdi" -, prima di cadere, cambiano colore, indossando le tonalità caratteristiche della stagione.
Da fine settembre, anche la penisola italiana, come un dipinto, si tinge di questa magia.
Vediamo quali sono le zone d'Italia più belle in cui ammirare il foliage!

Laghi di Fusine

<strong></strong>
© Marcin Jucha/123RF

La conca dei Laghi di Fusine è uno dei luoghi più affascinanti del Friuli Venezia Giulia. Sono laghi di origine glaciale, ben collegati tra loro da sentieri. Questi specchi d'acqua sono circondati da un profondo bosco di abete rosso, posto alla base della catena montuosa del Gruppo del monte Mangart.
È durante i mesi autunnali che l'ambiente sfoggia il suo abito migliore: gli alberi indossano mille colori, offrendo sfumature uniche agli appassionati del foliage.

Santa Maddalena

<strong></strong>
© Leonid Tit/123RF

Simbolo della Val di Funes, Santa Maddalena è il paese che sorge ai piedi del Ruefen. Comunemente chiamato "a monte", il comune ha una posizione privilegiata nel Trentino-Alto Adige e costituisce un prezioso moitivo fotografico.
I toni rossastri del fogliame circondati dalle Dolomiti sapranno regalarvi delle emozioni indimenticabili.

Lago di Braides

<strong></strong>
© Leonid Tit/123RF

Restiamo in Trentino per una vera perla nel novero dei luoghi ancora poco conosciuti dai turisti. Questo è un piccolo lago alpino situato in Val di Braides, poco lontano da Bolzano. È uno dei laghi più profondi della provincia con i suoi 36 metri di profondità massima. Ammirate gli arbusti che lo circondano; sapranno stupirvi con uno spettro di colori ampio, tutto condensato in un posto unico.

Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

<strong></strong>
© Valerio Mei/123RF

È uno dei parchi nazionali più antichi d'Italia e si estende lungo le dorsali dell'appennino abruzzese. Ha un ruolo centrale nella conservazione di alcune tra le specie faunistiche italiane più importanti, quali il lupo e l'orso bruno marsicano. Altrettanto importante è la flora del parco con oltre 2000 specie. Seguite il volo dell'aquila reale mentre percorrete i sentieri autunnali che la natura ha da offrire.

Lago D'Atorno

<strong></strong>
© Andrew Mayovskyy/123RF

Il lago d'Antorno è un idilliaco specchio d'acqua incastonato tra boschi verdi e immense montagne. In questo paradiso terrestre del Veneto potrete ammirare, oltre a diversi fiori tipici dell'habitat alpino, numerose specie vegetali rare. Anche durrante questi mesi autunnali l'ambiente riserva immagini pittoresche, nelle quali neve e foliage convivono in un magico dipinto naturale.

Parco dell'Etna

<strong></strong>
© Marco Ossino/123RF

Dulcis in fundo, la Sicilia rientra tra i posti più belli in cui ammirare i colori d'autunno nel suo Parco dell'Etna. Nella zona più alta del vulcano non vi è alcun tipo di vegetazione, in quanto sulla lava recente nessuna pianta è in grado di crescere e svilupparsi. Ma è scendendo intorno ai 2500 metri che si incontrano varie specie floreali, tra cui la ginestra tanto cara al poeta recanatese. Rilassatevi dinanzi al tripudio di colori offerto dal foliage.