Pubblicato il 13/07/2022

#Ecoturismo #Francia

Da Chanaz al lago di Bourget: il fascino del canale di Savières in Savoia

Se in inverno, la Savoia brilla con le sue stazioni sciistiche, dalla primavera in poi la regione dispiega il suo fascino bucolico con i suoi piccoli villaggi e le sue attività fluviali in acque verde smeraldo. Dal lago naturale di Bourget, il più grande di Francia, alle paludi di Chautagne e le sue colline, passando per le rive fiorite di Chanaz, la piccola Venezia della Savoia, il Canale di Savières è pieno di tesori naturali.

© Mira Arnaudova/shutterstock

La Chautagne e il canale di Savières

Nella punta nord-ovest della Savoia, si annida una piccola regione naturale di 59 km²: la palude di Chautagne. È qui, tra il Rodano e il Lac du Bourget, il più grande lago naturale di Francia, che si può scoprire il canale di Savières, lungo quattro chilometri, che serve come sbocco naturale dell'acqua dal lago al fiume e viceversa, quando quest'ultimo è in piena. Il sito è privilegiato per il suo ambiente, la sua flora e la sua fauna (che include i castori, purtroppo difficili da vedere).

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da CNR - Cie Nationale du Rhône (@vivre.le.rhone.avec.cnr)

Chanaz, la piccola Venezia della Savoia

Se il canale di Savières è considerato come uno dei più belli di Francia, lo deve in parte al suo punto di partenza: il villaggio fiorito di Chanaz, dove la palude e la montagna si fondono perfettamente, creando un paesaggio incantevole. La piccola Venezia savoiarda possiede diversi tesori, tra cui un frantoio idraulico, una chiusa, degli chalet su palafitte e... delle strette vie costellate di botteghe di artigiani.


La navigazione e le attività ricreative sono permesse e per scoprire questi meandri selvaggi fino al Lac du Bourget, sono disponibili diverse opzioni: canoa, paddle o barca Infine, per ammirare un panorama grandioso che comprende Chanaz, la valle del Rodano e il canale, il sentiero della Pierre Noire, lungo 5 km, vi regalerà sensazioni uniche.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da L'Homme est ce qu'il mange (@tiphaine_dietetique_etudiante)

Crociera al Lac du Bourget

Da Chanaz, salite a bordo del Solely (che significa "sole" in dialetto savoiardo) che funziona ad energia solare grazie a 27 pannelli installati sul tetto. Risultato: nessun inquinamento, nessun rumore; solo un leggero fischio accompagna il viaggio sulle calme acque di Savières. Non resta che lasciarsi trasportare da questi paesaggi da cartolina... e dai racconti del capitano, che condivide con passione i segreti della regione.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Les découvertes du Bourget (@le_bourget_du_lac)