• Connettiti
Cous Cous Fest: una contaminazione di culture
Pubblicato il 25/08/2019 40 condivisioni

SocietàItalia

Twitter Facebook 40 condivisioni

Si ripete dal 1998 a San Vito Lo Capo la tradizione del Cous Cous Fest: la rassegna più attesa della cucina mediterranea, che celebra la passione per il cibo e l'integrazione tra culture. La pace tra i popoli, in Sicilia, si realizza con un piatto di cous cous...

<strong></strong>
© Cous Cous Fest

Non si può che essere uniti davanti a una tavola imbandita. E un buon piatto di cous cous sembra mettere d'accordo tutti, soprattutto a San Vito Lo Capo nell'ultimo weekend di settembre.
Il Cous Cous Fest è un festival internazionale che da 22 anni promuove, oltre al cibo, lo scambio e il confronto tra popoli e culture.
All'insegna dello slogan #makecouscousnotwar: fate il cous cous non la guerra, che sembra un ritornello spiritoso e irriverente, una linguaccia sfrontata allo spirito razzista che percorre questi tempi.

L'edizione 2019

A partire dal 20 settembre in questo borgo marinaro siciliano prendono il via dieci giorni di appassionanti gare gastronomiche, show di chef stellati, lezioni di cucina e concerti.
Il Cous Cous Fest è diventata la rassegna culinaria per eccellenza della cucina mediterranea, di anno in anno aumenta il numero dei partecipanti: per l'edizione 2019 i concorrenti saranno 10, tra cui Angola, Costa d'Avorio, Senegal, Burkina Faso, oltre a Stati Uniti e Palestina.

<strong></strong>
© Cous Cous Fest

L'iniziativa di un Festival dedicato al cous cous prende spunto dalla preparazione stessa del piatto, che fatto di ingredienti poveri, in antichità preparato a mano nei cortili dalle donne che ripulivano uno ad uno i semi di grano, ed è diventato simbolo del meticciato e della contaminazione.
Il cous cous è un alimento cardine per tutti i popoli del mediterraneo, una tradizione culinaria che unisce gli arabi ai siciliani, e col tempo si è arricchita con di nuovi ingredienti e le peculiarità delle varie usanze gastronomiche. Che sia di pesce, di carne, di verdure, il cous cous consente una varietà infinita di sperimentazioni e mescolanze: l'anno scorso il paese vincitore è stato la Tunisia con una ricetta dello chef stellato Nabil Bakouss chiamata simbolicamente "Mare Nostrum", il piatto consisteva di gambero rosso, harissa grigliata e finocchietto.

Ma il Cous cous Fest non si limita al cibo, che gli ospiti potranno degustare nelle sei caratteristiche case del cous cous disseminate per tutto il paese, persino in riva al mare: il Festival si compone anche di svariati momenti di riflessione e approfondimento, talk show, proiezione di film documentari, incontri.
Sabato 28 settembre, in conclusione della kermesse, si terrà una serata dedicata ai giovani dal titolo "Oltre i muri", tra gli ospiti sarà presente Gino Strada, fondatore di Emergency.

<strong></strong>
© Luca Savettiere

Il cooking show

Inutile negarlo, il Cous Cous Fest ha anche una fortissima risonanza televisiva con il suo celebre cooking show: quest'anno si esibiranno alla conduzione Andy Luotto ed Eliana Chiavetta, tantissimi tra i presenti i volti della TV e dei Social Network, tra cui Sergio Barzetti della Prova del Cuoco, Giorgione di Gambero Rosso Channel e la foodblogger Chiara Maci.
I grandi chef presenteranno dal vivo le loro ricette, e ci sarà poi un momento aperto al pubblico. La partecipazione al cooking show è possibile solo su prenotazione, il biglietto di ingresso costa 10 euro.

Cous cous Live show

Tra profumi, colori, sapori provenienti da tutto il mondo non poteva certo mancare la musica: il Cous Cous Fest ospita sempre grandi interpreti della musica italiana.
Attesissimo in questa edizione il vincitore del Festival di Sanremo, Mahmood che si esibirà dal vivo in un concerto gratuito venerdì 27 settembre. Il cantante, figlio di madre italiana e padre egiziano, rappresenta un perfetto esempio di integrazione incarnando appieno la filosofia del Festival che promuove la solidarietà e il dialogo tra i popoli.
Sul palcoscenico del Cous cous Live Show ci saranno anche altri celebri intepreti, come Noemi, Boomadabash e Dj Ringo.

<strong></strong>
© Luca Savettiere

Il Festival si concluderà domenica 29 settembre con lo showman Sasà Salvaggio che si esibirà nello spettacolo "Ricette e risate" in Piazza Santuario. Per tutto il corso della manifestazione le strade di San Vito Lo Capo saranno animate dall'Expo Village, un mercato dedicato all'artigianato e ai sapori del mondo.

<strong></strong>
© cous cous fest

Il Cous cous Fest è molto più di un evento: ha avuto origine oltre vent'anni fa come piccola tradizione locale dedicata alla cucina, e col trascorrere del tempo si è trasformato in un manifesto di pensiero.
È un'atmosfera condivisa, uno spettacolo gioioso, capace di favorire l'incontro tra persone, idee, culture e diverse prospettive.