L'arcobaleno di Procida, l'isola dei pescatori
Pubblicato il 11/09/2016

Da non perdereItalia

Twitter Facebook 51 condivisioni

L'isola di Procida è un turbinio di colori, profumi e sapori. L'autenticità dei borghi, le sue radici marinare e il tempo che sembra quasi essersi fermato: questi sono i talenti di Procida che renderanno indimenticabile il vostro soggiorno!

Procida e i suoi borghi arcobaleno

Procida e i suoi borghi arcobaleno
© ronnybas/123RF

Procida è una delle perle delle Isole Flegree, incastonata nel Golfo di Napoli, fra Ischia e Capo Miseno. Fra le coste frastagliate e insenature brillano i colori dei suoi borghi, riflessi anche sulle acque cristalline.
Per raggiungere l'isola di Procida si prende un traghetto o un aliscafo da Napoli, la durata è di circa un'ora.
Arrivati a Procida girate il borgo cominciando dal centro storico: si sale lungo la strada principale del borgo per raggiungere una chiesa dedicata, ovviamente, ai marinai, per poi proseguire fino alle fortificazioni che affacciano sul centro del borgo. Spostandosi verso est, percorrendo via Vittorio Emanuele II, si arriva a Piazza dei Martiri per restare a bocca spalancata davanti alla vista mozzafiato. Si continua verso le altre attrazioni: Santuario di S. Maria delle Grazie, l'Abbazia di San Michele Arcangelo con le catacombe ed il Belvedere, da dove potete assaporare ancora una vista spettacolare sul Golfo di Napoli.

Se non volete privarvi di un po' di sano turismo balneare, proseguite verso Marina Chiaiolella, che potete raggiungere anche in barca: qui infatti ci sono le spiagge migliori dell'isola (non che sia difficile trovarne di belle...).
Essendo l'isola di piccole dimensione potete girarla in taxi senza spendere una fortuna oppure con gli autobus locali.; il percorso è in senso antiorario visto che la strada è a senso unico. Sempre a Chiaiolella potete apprezzare la vista dalle scogliere. Potete poi scendere verso la "penisola" di Procida, Solchiaro, che viene percorsa da via Solchiaro, che arriva fino a Punta Solchiaro, ovviamente, da cui si gode di una vista mozzafiato.

Una terra di pescatori

Una terra di pescatori
© freeartist/123RF

Tappa imprescindibile è Marina Corricella, il borgo di pescatori che si sviluppa a terrazze di case dipinte con colori vivaci; anche a Corricella troverete i tetti a cupola che caratterizzano l'isola: in passato, infatti, l'acqua piovana veniva raccolta qui per poi essere convogliata nelle cisterne, dove venivano introdotte delle anguille per non fare ristagnare l'acqua. Qui niente taxi o autobus ma solo voglia di camminare e scendere le scale, ma ne vale decisamente la pena!

Per ammirare Corricella dall'alto si raggiunge Terra Murata, un borgo fortificato che risale al XVI secolo quando uno dei pericoli maggiori erano le incursioni dei saraceni. A Terra Murata si trovano poche case, una scogliera a picco sul mare, una chiesa e una prigione, uno dei tanti luoghi menzionati nel libro "L'isola di Arturo". La prigione ospitava i condannati all'ergastolo di tutta Italia (fra cui Tonino Stella, il carcerato di cui si parla nel libro), ed è stata chiusa nel 1980, ma i resti sono rimasti immutati quelli di una volta. Nel libro della Morante, l'isola è quasi coprotagonista di Arturo, il bambino/ragazzo di cui si segue la storia nel libro. Se volete quindi immergervi nell'atmosfera di Procida, potete leggere il libro durante il vostro soggiorno sull'isola! Potete provare a seguire e ricreare i percorsi di Arturo... Il libro, scritto nel 1957, è ambientato nel 1938, ma i tratti dell'isola non sono cambiati così tanto!

Corricella, il borgo più caratteristico di Procida

Corricella, il borgo più caratteristico di Procida
© figurniysergey.com/123RF

Non essendo molto turistica rispetto ai colossi vicini, Capri e Ischia, non trovate molti alberghi e ristoranti, ma in fatti di cibo i Procidani sanno bene il fatto loro. Non potete non abbuffarvi di pesce fresco e pizza! Inoltre, i prezzi sono contenuti e le porzioni veramente abbondanti... Il vostro viaggio può essere inteso come parte di un tour alle Isole Flegree o come tappa supplementare della Costiera Amalfitana.