• Connettiti
97 anni di Parco Nazionale del Gran Paradiso
Pubblicato il 16/08/2019 6 condivisioni

CuriositàItalia

Twitter Facebook 6 condivisioni

Continua il conto alla rovescia verso il centenario del Parco Nazionale Gran Paradiso con una festa che si sposta di anno in anno nelle diverse valli. Si celebra la ricorrenza del 97° anno dalla fondazione il prossimo 8 settembre, durante la Festa della Buleta. Il programma nell'articolo!

Storia del Parco

Storia del Parco
© Eva Volpato/123RF

Il 3 dicembre 1922 venne istituito il Parco Nazionale Gran Paradiso, il primo Parco Nazionale italiano, "allo scopo di preservare la fauna e la flora e di preservarne le speciali formazioni geologiche, nonché la bellezza del paesaggio".
Il 5 agosto 1947, con decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola, viene istituito l'Ente Parco Nazionale Gran Paradiso. Il primo direttore è Renzo Videsott. Ha inizio un lungo e difficile percorso per la tutela e la promozione dell'area protetta.

Nel 1955 viene inaugurato il giardino botanico Paradisia a Valnontey, frazione del comune di Cogne, nel cuore del Parco, a 1700 m di quota, su una superficie di circa 10.000 m2. Oggi le strutture turistiche e di educazione ambientale nel Parco contano 9 centri visitatori, 1 Centro di Educazione Ambientale, 1 Officina di attività ambientali e 2 ecomusei con oltre 32.000 visite all'anno .

La reintroduzione dello stambecco

La reintroduzione dello stambecco
©Ondrej Prosicky/123RF

Lo stambecco, specie simbolo del Parco Nazionale Gran Paradiso, vive nelle praterie d'alta quota e sulle pareti rocciose. É un animale caratterizzato da corna cave e permanenti, costituite da un astuccio corneo di rivestimento delle ossa. Le corna nel maschio sono molto più lunghe e grosse e hanno una lunghezza media massima di 92 cm. Nelle femmine sono più sottili e corte e sono mediamente lunghe 34 cm.
Lo stambecco alpino ha rischiato l'estinzione alla fine del XIX secolo e si è salvato solo nelle valli che oggi compongono il Parco nazionale Gran Paradiso.

L'ultima colonia di Stambecco sopravvissuta sulle Alpi costituisce il serbatoio genetico di questa specie. Il Gran Paradiso ha la grande responsabilità di dover gestire questo patrimonio di variabilità e il dovere conservazionistico di intervenire con reintroduzioni e ripopolamenti in altre aree, qualora utile e necessario.

Il Santuario di Ribordone festeggia nel 2019 i 400 anni dall'Apparizione della Madonna di Prascondù che, secondo quanto ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa Cattolica, apparve in questo luogo al pastorello Giovannino Berrardi nel 1619.
Il Parco ha quindi scelto di festeggiare proprio qui il suo 97° compleanno, l'8 settembre in occasione della Festa della buleta, un piatto tipico della zona, la cui ricetta viene passata di padre in figlio da secoli: una sorta di palla di polenta ripiena di formaggi fatta poi abbrustolire su una piastra di ghisa, che veniva anticamente preparato nelle giornate di festa.

Voir cette publication sur Instagram

Presents PHOTOGRAPHER | @_verne89_ LOVES OF THE DAY June 17, 2019 LOCATION | #santuariodiprascondù SELECTED BY ADMIN | @cristinanasi THANKS FOR FOLLOWING US | @LOVES_UNITED_CANAVESE OUR TAG | #LOVES_UNITED_CANAVESE #l_u_t_c_i_2019_june _ . . . #canavese #Ivrea#Chivasso#Caluso#Cirié#Cuorgnè#RivaroloCanavese#Castellamonte

Une publication partagée par LOVES_UNITED ? CANAVESE (@loves_united_canavese) le

Festa della Buleta - Programma

Ore 10: presso il piazzale del Santuario di Prascondù - Comune di Ribordone - Saluto delle Autorità, apertura della cerimonia ufficiale per il compleanno del Parco. Visita guidata al Santuario, al luogo dell'apparizione e al centro visitatori.
Ore 11: SS. Messa
Ore 12: aperitivo con prodotti tipici del ?Marchio Qualità Gran Paradiso? e pranzo con la tradizionale BULETA, arricchita con salumi e vino del Canavese
Ore 14.30: taglio della torta di Buon Compleanno del Parco
Ore 15: animazione con musiche tradizionali della cultura alpina

Se vi trovare in vacanza in Val d'Aosta, questa è l'occasione giusta per visitare il bellissimo Santuario di Ribordone. Per info sul parco cliccate qui.