Pubblicato il 22/02/2021

#Ecoturismo #Italia

La svolta "green" dell'architettura che inizia a costruire case in argilla

Inizia a farsi strada una nuova idea di architettura, non soltanto più "green" ma anche più attenta ai bisogni dell'uomo.

Ci si rivolge spesso alla sociologia o alla psicologia quando si cerca una risposta ai problemi contemporanei che affliggono il nostro mondo, siano essi di natura sociale o economica. Capire le ragioni, risalire alle origini per individuare il momento in cui tutto è cambiato, l'evento che ci ha portati ad essere cosi come ci specchiamo oggi. Anche l'antropologia, attraverso lo studio dell'essere umano, contribuisce nel tentativo di trovare un senso a una direzione presa senza neanche sapere bene perché.

Voir cette publication sur Instagram

Day time view inside Tecla, a new project for 3d printing architecture? . . "...created using entirely reusable, recyclable materials taken from the local terrain, TECLA is a new circular housing model described as ?a step-change in the move towards eco-housing'" . . #Tecla3DHouse #3Dprintedhouse #CraneWASP #3DWASP #MCArchitects #3dprint #3dprinting . See more on our website, link in bio???? . A project by @3dwasp and @mario_cucinella_architects In collaboration with: @sos_schoolofsustainability @mapei_italia @milaningegneria @ricehouse.it @capoferri_serramenti @frassinago @luciferos_lighting , Ariatta. Ter costruzioni. Under the patronage of: Comune di Massa Lombarda

Une publication partagée par WASP official (@3dwasp) le

C'è poi una disciplina, l'architettura, che, meno incline alle riflessioni trascritte o parlate, si interroga da sempre sui bisogni dell'uomo e anziché indagare le cause si fa voce del proprio tempo individuando soluzioni adatte al proprio committente o, più genericamente, al pubblico al quale si rivolge.
Cio non significa che l'architettura abbia sempre rappresentato efficacemente i bisogni dei cittadini, gli insuccessi sono stati evidenti soprattutto quando i destinatari di certi progetti erano persone di classi medio basse.

Sarà sufficiente gettare uno sguardo, anche distratto, alle periferie che trafiggono il cuore di tante splendide metropoli, luoghi che inducono all'alienazione, esenti da qualsiasi tentativo di aggregazione, casermoni dove stipare il numero più alto possibile di individui senza pensare al piacere o alla crescita personale di chi, in quei blocchi di cemento, avrebbe dovuto vivere per il resto dei suoi giorni.

<strong></strong>

©Péter Gudella/123RF

Il progetto Tecla si inserisce in una nuova corrente di architettura più umana e "green": sviluppato da Mario Cucinella Architects e WASP, specialista della stampa 3D, Tecla vuole essere un omaggio alla città immaginaria ideata da Italo Calvino nel suo romanzo "Città invisibili".
Stampata completamente in 3D, questa casa prototipo in argilla costruita utilizzando Crane WASP, l'ultima tecnologia 3D di WASP nel settore costruttivo, si trova a Massa Lombarda.

Ma perché proprio l'argilla? Perché scegliere questo materiale?
I motivi sono due: da un lato l'argilla, che è biodegradabile e riciclabile, dimostra una natura eco-sostenibile che elimina i rifiuti e gli scarti durante il processo di produzione, dall'altro consente di costruire case a prezzi contenuti, pur non rinunciando all'alta qualità del materiale impiegato.
Visto il continuo aumento della popolazione l'obiettivo è diventato quello di garantire al maggior numero di persone possibile abitazioni strutturalmente sicure ed esteticamente gradevoli.

All'innovazione del materiale utilizzato si aggiunge poi la stampa 3D che permette di costruire alloggi in tempi molto più brevi rispetto alle tecnologie tradizionali, riducendo anche scarti ed emissioni.
Il progetto, che ha visto la luce nel settembre del 2019, dovrebbe essere completato per i primi mesi del 2020, una boccata di aria fresca nel campo dell'architettura ecosostenibile, come sostenuto da Mario Cucinella: "(Tecla è) un prototipo innovativo di habitat stampato in 3D che risponde alla sempre più urgente rivoluzione climatica e alle necessità dei cambiamenti dettati dai bisogni delle comunità, un connubio tra l'architettura empatica e l'applicazione delle nuove tecnologie".

Altri articoli proposti dall'autore