Pubblicato il 10/10/2017

#Da non perdere #Portogallo

In Portogallo c'é un portale mistico dal nome suggestivo: la bocca dell'inferno

Esiste un posto in Portogallo, vicino alla graziosa località di Cascais che tutti chiamano la Bocca dell'Inferno, o meglio in lingua portoghese "Boca do Inferno."

L'ingresso della Boco do Inferno

L'ingresso della Boco do Inferno

© thoermer/123RF

La bocca dell'inferno durante la mareggiata

Fatto sta, che tutto ciò contribuì ad accrescere la fama della bocca dell'inferno!
Oggi, al di là di miti e leggende, resta la bellezza del panorama e la suggestione del luogo, che sicuramente merita una visita !

Crowley era anche alpinista, eccolo qui durante la sua spedizione sul K2

Une publication partagée par Léonard von Arleone (@post.arleone) le

Da decenni questo posto affascina turisti e gente del luogo, e ha ispirato miti e leggende di ogni genere...un luogo suggestivo, ma ritenuto altamente pericoloso dalla gente del posto: si tratta di un arco naturale sulle scogliere portoghesi, creatosi a causa dell'erosione della roccia durante le forti tempeste che si abbattono sulle coste ,ma nonostante la spiegazione scientifica, c'é chi ancora lo considera un portale magico!

Una delle leggende locali ci racconta che nei giorni di forte burrasca, quando il vento ulula e la pioggia scroscia, dall'interno della Bocca dell'Inferno pare provenga un'eco che assomiglia alla voce di un demone; una voce talmente profonda e seducente che spingerebbe gli ignari marinai a cercare riparo proprio nella grotta, da cui, però, mai nessuno sarebbe riuscito ad uscire.
Anche il rumore spaventoso generato dalle onde del mare che, durante le tempeste, si abbattono sulla scogliera e provocano dei suoni molto simili a gemiti, uniti ad una strana nebbiolina che si alza spettrale dal mare, non fanno che aumentarne la fama di posto malefico.

A dare manforte all'idea che questo arco di roccia sia una vera e propria porta che conduca agli inferi ha contruibito non poco l'incredibile sparizione del famoso occultista Aleyster Crowley, avvenuta nel 1930 .
L'uomo secondo quanto riportato dai testimoni, si trovava da qualche giorno a Lisbona per incontrare Pessoa, il famoso scrittore portoghese . A quanto pare, Crowley si era presentato dall'amico in compagnia di una donna misteriosa, che nessuno aveva mai visto prima, (e che nessuno vide mai dopo quella misteriosa sparizione) e qualche giorno dopo il loro arrivo, Crowey scomparve nel nulla.
Pessoa, il quale si era messo sulle tracce dell'amico, rinvenne una lettera e il porta sigarette dell'occultista proprio nei pressi della Bocca dell'Inferno. La polizia, che non sapeva se indagare per sospetto omicidio o suicidio, interrogò più volte lo scrittore e il suo gruppo di amici, ma senza risultato.
Il vero colpo di scena si ebbe quando, diversi giorni dopo, Crowely ricomparve magicamente a Londra, senza che nessuno fosse in grado di spiegare come avesse fatto.
In molti credettero che il famoso esperto di esoterismo avesse attraversato la bocca del diavolo e fosse magicamente riemerso in Inghilterra ; altri pensarono ad uno scherzo ben orchestrato da parte di Pessoa e Crowley.