Patrimonio Orale e Immateriale dell'Umanità: il Carnevale di Binche
Pubblicato il 20/01/2021

CulturaBelgio

Twitter Facebook 2 condivisioni

Il carnevale di Binche è probabilmente il carnevale più conosciuto del Belgio. Infatti, è stato riconosciuto dall'UNESCO nel 2003 come Patrimonio Orale e Immateriale dell'Umanità. Questo carnevale si svolge nell'arco di 3 giorni e il clou è il Martedì Grasso, dove si può assistere alla sfilata dei 1000 Gilles .

La storia del Carnevale di Binche

La storia del Carnevale di Binche
© Kobby Dagan/123RF

Le origini del Carnevale sono piuttosto vaghe. Una fonte vera e propria infatti non esiste, ma esiste la testimonianza di un giornalista del XIX secolo, tale Adolphe Delmée, il quale ricondusse i festeggiamenti del Carnevale di Binche al 1549, quando gli Incas indossarono i costumi che oggi indossano i Gilles, in onore di Carlo V e Filippo II. Da allora, la tradizione si sarebbe protratta. I Gilles, figuranti tradizionali del Carnevale appartenenti a diverse associazioni, con i loro magnifici costumi, gli imponenti cappelli di piume di struzzo e le arance lanciate al pubblico, affascinano da sempre abitanti e visitatori della Vallonia.

Chi sono i Gilles?

Il Gille è un residente effettivo di Binche. A nessuno, a parte loro, è permesso di indossare l'abito tradizionale il giorno del Martedi Grasso. La tradizione vuole infatti che, per vestire come un Gille, un uomo debba risiedere a Binche da almeno 5 anni, altrimenti non si ha diritto a questo titolo. L'Associazione per la difesa del Folklore si occupa di far rispettare questa regola.

Il vestito di un Gille ha bisogno di molta cura e attenzione ai particolari: l'abito è composto da una camicetta e da pantaloni in iuta decorati con 150 motivi (stelle, leoni e corone) in feltro nero, giallo e rosso. La camicetta è imbottita di paglia e il collo è ornato da un colletto fatto di nastri, pizzo o frange dorate; sul capo, un berretto (berette) di cotone bianco, ai piedi zoccoli di legno.

La maschera

Particolare è la maschera, unica nel suo genere, tanto che un brevetto è stato depositato presso l'UEB (Ufficio Europeo Brevetti) nel 1985 dal Laboratorio Pourbaix, l'unico che produce le maschere indossate dai Gilles. La maschera consta di un panno di cera bianco ornato da occhiali verdi, baffi, barbetta e basette bionde. Sappiate che questi costumi non appartengono ai Gille ma ad aziende di Binche che si preoccupano di confezionarli e affittarli ogni anno (le louangeurs).

A Binche la festa del Carnevale inizia con molte settimane d'anticipo, con lo svolgersi di vari eventi e manifestazioni cha hanno luogo i sabati o le domeniche antecedenti il Carnevale vero e proprio.

Un lungo programma

Un lungo programma
©Kobby Dagan/123RF

Si comincia con le Répétition de Batterie (esibizioni di tamburo che hanno luogo in strada, eseguite senza costume) e con le Soumonces (danze tradizionali ballate in maschera al ritmo di tamburi e musica). Queste ultime sono eseguite per le strade dai membri delle società dei Gilles che indossano i loro costumi, i cui particolari tipici sono i sabot (zoccoli di legno), le apertintaille (cinture con campanelle) e i ramon (fascine di rami tenute in mano). A seguire hanno luogo i Bals de Carnaval, balli di gala in maschera organizzati da altre società del luogo.

I preliminari terminano 6 giorni prima del Carnevale con le Trouilles de Nouilles, quando gli abitanti della città possono girare mascherati per le strade, sfidandosi a riconoscersi l'un l'altro. Il Carnevale di Binche si svolge durante i 3 cosiddetti Giorni Grassi che seguono le Trouilles, cioè domenica, lunedì e martedì, durante i quali i Gilles sfoggiano i loro costumi preparati in gran segreto e portano a compimento i festeggiamenti e i cerimoniali della tradizione. (Quest'anno da domenica 23 a martedì 25 febbraio 2020).

Voir cette publication sur Instagram

Voici les images de mon dernier voyage. Un immense merci à Karl Kersten de m'avoir accueilli dès 4h30 du matin pour le bourrage des Gilles. Et un grand merci au Musée international du masque et du carnaval qui nous accueillera très prochainement pour la suite de ce beau projet. @antoine_loudot #carnavaldebinche2019 #masquerade #ilovebelgium #dracpaca #backtostudio

Une publication partagée par céline marin (@celine__marin) le

Sebbene anche i Carnevali di Nivelles, Charleroi e Tamines abbiano i propri Gilles, che sono gobbi, martellano il suolo con il loro zoccoli e vengono accompagnati dai giganti Argayon, Argayonne e Lolo (personaggi del folclore locale), ricordate sempre che "i veri Gilles non si spostano mai da Binche".