Su Gorropu: il canyon più bello d'Europa
Pubblicato il 20/09/2017

NaturaItalia

Twitter Facebook 1 condivisione

Che l'Italia fosse un Paese magnifico, lo sapevamo già... ma vedere che perfino all'estero la pensano come noi, fa sempre piacere! Sopratutto, quando a parlare sono i grandi nomi della stampa straniera!
É questo il caso dell'ottima recensione che il Telegraph ha fatto del canyon sardo Su Gorropu, definendolo il più bello d'Europa!

L'aspromonte e l'inizio della gola

L'aspromonte e l'inizio della gola
© ivanweb/123RF

Il canyon di Gorropu

Il canyon di Gorropu
© cameris/123RF

Perché fare un trekking a Su Gorropu?

Sia che siate amanti del trekking e del canyonig, sia che per voi sia la prima esperienza, esplorare di persona questo incredibile luogo é davvero un' esperienza unica!
Esistono percorsi adatti a tutti, con lunghezze variabili tra i 2 e i 14 km (per i più allenati), alcuni offorno anche la possibilità di passare una notte sull'Aspromonte!

Il villaggio prenuragico di Tiscali

Il villaggio prenuragico di Tiscali
© kartouchken/123RF

Da qualche anno ormai l'accesso alla gola é regolamentato da una Società che si occupa di organizzare visite guidate e offre diversi servizi ( tutte le info e i contatti li trovate qui ); ed é stato predisposto anche un punto di accoglienza nell'ingresso a valle, per dare a chi si vuole avventurare nella gola, tutte le informazioni necessarie e prendere a noleggio, gratuitamente, i caschettti protettivi.

Un'esperienza unica

A poche centinaia di metri in linea d'aria, posto in posizione dominante rispetto al canyon, si trova il villaggio prenuragico di Tiscali: si tratta di un incredibile sito archeologico, letteralmente nascosto all'interno di una cavità rocciosa e risalente all'età prenuragica.
Luogo di culto per gli antichi abitanti dell'isola e riparo dagli invasori in epoca più recente, questo luogo unico ed emozionante é strettamente legato a Su Gurropu, attraverso miti e leggende.
Non per niente, é convinzione di numerosi anziani, che in un punto preciso all'interno di Gorropu, a una certa ora, sia possibile vedere le stelle di giorno.
Secondo un'altra leggenda nelle pareti scoscese di notte sboccerebbero i magici fiori della felce maschio. Solo ai più coraggiosi è dato coglierli, calandosi dal Supramonte di Orgosolo.
Cosa aspettate allora? Su Gorropu e la sua magia vi attendono!

Che sia vero o meno, quello che ci fa davvero piacere é l'attenzione che il quotidiano inglese dedica ad una delle attrattive turistiche più particolari della Sardegna!
La maggior parte dei turisti sono infatti più interessati a restare sulle coste, a godersi lo splendido mare, piuttosto che avventurarsi nell'entroterra per scoprire le meraviglie naturalistiche ed archeologiche!

Ma cosa é Su Gorropu?

Questo canyon segna il confine naturale tra i territori comunali di Urzulei e Orgosolo, tra i monti dell'Aspromonte.
La parte centrale (quella più spettacolare dal punto di vista paesaggistico) é lunga circa 1,5 km, le sue caratteristiche la rendono un autentico capolavoro della natura e allo stesso tempo un prezioso scrigno di biodiversità.
Questo é infatti il regno di animali come cinghiali, mufloni, la capra selvatica o l'aquila reale, autentici padroni di questo territorio, ma anche il rarissimo euprotto sardo, che è un animale endemico sardo-corso considerato l'anfibio più raro d'Europa (una sorta di salamandra) e il Geotritone del Supramonte, presente nella vicina grotta Su Palu.