Pubblicato il 08/07/2021

#Curiosità #Italia

Toscana: 5 borghi da visitare

Una delle regioni più invidiate al mondo, la Toscana, nasconde al suo interno perle bucoliche da contemplare. Di seguito, cinque borghi da considerare per un on the road all'italiana nella regione del Rinascimento!

Patrimonio della cultura e dell'arte italiana, la Toscana è una delle perle del Bel paese, oltre che un simbolo del Rinascimento e dell'unificazione nazionale. Paesaggi vari e per tutti i gusti, una cucina che non conosce eguali, lo spirito goliardico e sempre scherzoso dei suoi abitanti... come si fa a non amare un simile territorio?

San Gimignano

San Gimignano

© Michelangelo Oprandi/123RF

San Gimignano è un borgo medioevale toscano, nato in epoca etrusca e sviluppatosi nel Medioevo. Il borgo é quasi completamente intatto nell'aspetto di organizzazione urbana dell'Età Comunale, iscritto nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'UNESCO. La cittadina é famosa in tutto il mondo per le sue quindici torri, (originariamente 72 tra torri e case-torri), e per le innumerevoli opere architettoniche come il Duomo romanico. A testimoniare l'antichità del sito, la Necropoli di Cellole, in cui sono state rinvenute sepolture etrusche del V secolo a.c.

Certaldo

Certaldo

© www.nikiforov.photo 2018/123rf

Paese natale di Boccaccio, il borgo di Certaldo, di classico impianto medievale risale al XIII secolo. Situato al centro della Val d'Elsa, ospita numerosi edifici di interesse storico, culturale e artistico. La qualifica del comune di Certaldo come Bandiera Arancione del Touring Club, le numerose manifestazioni che si svolgono in tutto l'arco dell'anno a Certaldo Alta e la vicinanza a centri culturali come Firenze, Siena, Pisa e San Gimignano hanno permesso un grande sviluppo delle strutture ricettive. Da segnalare il Festival "Boccaccesca.

Cortona

Cortona

©Roberto Nencini/123RF

Al confine tra Toscana e Umbria, Cortona è vicina agli importanti centri culturali delle due regioni e, in passato, l'ideale posizione rialzata le ha concesso un ideale vantaggio strategico militare. Abitata già in epoca etrusca, la città visse il periodo di suo splendore maggiore durante il Rinascimento fiorentino, che ha lasciato preziose e indelibili testimonianze nell'architettura della città. Da non perdere nella centralissima Piazza della Repúbblica sul lato est il Palazzo Comunale risalente a 14° secolo con la sua caratteristica torre con l'orologio oggi simboli di Cortona la quale fu eretta nel cinquecento. Nella parte sud est di Cortona troviamo Piazza Garibaldi: dove al suo centro è collocato l'obelisco dedicato a Giuseppe Garibaldi, da qui è si gode di un unico panorama sulla Val di Chiana che arriva a scrutare i bordi dell'Umbria ove si scorge il Lago Trasimeno.

Pitigliano

Pitigliano

©stevanzz/123RF

Sorretto da una rupe di tufo, Pitigliano si trova nell'area meridionale della Maremma Toscana, una posizione che conferisce alla località una rara ed unica bellezza. Una storia antica che affonda le radici già nell'Età del Bronzo: il borgo inizia la sua storia vera e propria con l'arrivo degli Etruschi . La civiltà etrusca ha costruito qui le "vie Cave", antichissime vie di comunicazione scavate nel tufo visitabili ancora oggi, anzi, costituiscono una delle maggiori particolarità di Pitigliano, così come anche le Necropoli, anche queste di origine etrusca. Il centro storico si sviluppa sulle tre vie principali e dai vicoli e viottoli che le collegano. Il Duomo, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, in stile barocco, risale probabilmente al tredicesimo secolo, ma negli anni è stata soggetta a diverse ristrutturazioni benché il campanile che spicca in alto conservi ancora alcune delle sue caratterisriche originarie.

Volterra

Volterra

©stevanzz /123rf

Da un punto di vista storico, Volterra non sembra affatto essere una città minore. Palazzo dei Priori, nel cuore della città, rappresenta il più antico palazzo comunale toscano, ed è stato edificato nel 1208. Altra testimonianza importantissima è la Porta dell'Arco , risalente al IV/ III secolo a.C, edificata originariamente dagli etruschi, faceva parte dell'antica cinta muraria. Tra le architetture civili, non dimentichiamo il Teatro romano, situato nell'area archeologica di Vallebuona, una zona dall'intensa attività urbanistica in epoca romana, un grande complesso monumentale composto da un teatro e da un impianto termale, costruiti in epoche diverse, di cui oggi è possibile visitare i resti. Da non perdere i percorsi sotterranei, che oltre a storie di guerre, rivelano una delle storie più affascinanti d'Italia, mantenute dal folklore popolare e che alimentano visite turistiche degli amanti del genere: la presenza dei vampiri. Chicca artigianale è la lavorazione dell'alabastro di Volterra, considerato il più pregiato d'Europa.